Fòcara di Novoli (Lecce)

Tra sacro e profano torna a bruciare la “Fòcara”
il fuoco più grande del bacino del Mediterraneo
A Novoli di Lecce, il 16 gennaio, si rinnova la tradizione popolare che
si celebra attorno ad un falò di 25 metri di altezza e 20 metri di diametro


Presentata presso la sede della Regione Puglia l’edizione 2014 della “Focara”, la festa salentina che grazie alla Fondazione Fòcara di Novoli è sempre più internazionale e ogni anno propone arte, musica ed enogastronomia d’eccellenza. 
Un falò di 25 metri di altezza e 20 metri di diametro: è il fuoco più grande del bacino del Mediterraneo che viene acceso a Novoli (Lecce), nel cuore del Salento nella magica notte della “Fòcara”. Costruita con migliaia di fascine di tralci di vite secchi provenienti dai feudi del Parco del Negroamaro sapientemente posate con tecniche tramandate di padre in figlio, la “Fòcara” tornerà a bruciare il prossimo 16 gennaio 2014, vigilia della festa del Patrono e appuntamento clou dell’inverno regionale pugliese.
Una tradizione secolare che puntualmente ogni anno ripropone una lunga e passionale preparazione: dall’8 dicembre, a Novoli, con il rito laico della Festa della vite e del Paesaggio del Parco del Negroamaro, inizia la costruzione del grandissimo falò che si chiude la mattina del 16 gennaio, con la popolarissima manifestazione della “bardatura” che vede una catena umana issare sulla cima del falò l’immagine di Sant’Antonio Abate, patrono della città.
Nel primo pomeriggio della stessa giornata si celebra la benedizione degli animali e appena scende la sera un avvolgente fuoco piromusicale, innesca l’accensione della “Fòcara”. Quindi, mentre il fuoco brucia ininterrottamente, anche per più giorni, nella notte intorno alla Fòcara si balla e si degustano specialità tipiche.
La festa racconta l’identità culturale di questa terra con un evento unico e carico di simboli legati alla cultura popolare e contadina del territorio, che si muove tra sacro e profano.
La “Fòcara” è stata inserita tra i beni della cultura immateriale della Regione Puglia e partecipa alla catalogazione Ministeriale per il riconoscimento dell’Unesco quale Patrimonio Intangibile dell’Umanità, da valorizzare e tutelare.
A garanzia di questo patrimonio della tradizione popolare novolese è nata la Fondazione Fòcara di Novoli, sostenuta da Regione Puglia, Provincia di Lecce e Comune di Novoli in collaborazione con numerosi partner pubblico-privati, con gli obiettivi di tutelare, conservare e tramandare nei valori e nei significati più profondi lo spirito della festa.
La festa del fuoco è diventata ormai da anni occasione di incontro tra culture e religioni diverse che si riuniscono idealmente intorno al “fuoco buono di Puglia, messaggero di pace nel mondo”, diventato un simbolo universale di pace e di solidarietà nell’area mediterranea.
Anche l’edizione 2014 vedrà insieme Novoli e Oria che coniugano la preziosa storia delle importanti tradizioni locali: il Torneo dei Rioni e la Fòcara, per contribuire a promuovere la cultura immateriale di Puglia in ambito nazionale ed internazionale. La delegazione della Città di Oria parteciperà all’accensione della Fòcara con i costumi del Corteo Storico caratterizzato dalla presenza del gruppo di sbandieratori ed i Gonfaloni dei 4 Rioni, Lama, Castello, San Basilio e Judea di Oria.
Nel segno della continuità FòcarArte, curata da Toti Carpentieri. L’evento 2014 comprenderà l’abituale momento espositivo, il “manifesto d’autore”, oltre alla preziosa opera grafica dedicata ai collezionisti affezionati d’arte e l’attesa installazione sulla Fòcara tutto a firma di Hidetoshi Nagasawa (consulenza artistica Anna Cirignola). In mostra anche gli scatti di Letizia Battaglia, le cui immagini narrano l’edizione 2013 della festa, mentre sarà presente per la prossima edizione dei giorni del fuoco Peppe Avallone a cui verrà consegnato il Premio Fòcara Fotografia 2014.
Atteso anche il FòcaraFestival curato da Loris Romano che vedrà protagonisti artisti provenienti da ogni parte del mondo come Youssou N’Dour, Tinariwen, Digitalism, Muchachito Bombo Infierno, Bandadriatica, Canzoniere Grecanico Salentino, BoomDaBash, Dubioza Kolektiv e 2 many DJS.
E “I Giorni del Fuoco” profumano anche di enogastronomia; intorno alla Fòcara, tra musica e danze, l’area live sarà tutta da gustare con i prodotti tipici locali del Salone di enogastronomia “Cupagri” con il laboratorio “Penne al dente” che vede ai fornelli giornalisti, assistiti da qualificati chef salentini, misurarsi con creative ricette inedite preparate con i prodotti a km 0 della Valle della Cupa. Spazi ed eventi curati dalla Proloco Novoli, Coldiretti, Gal Valle della Cupa.
Le fasi salienti della festa potranno essere seguite sul portale dedicato all’appuntamento dell’inverno salentino, consultabile all’indirizzo www.fondazionefocara.com.

Per informazioni UFFICIO CULTURA COMUNE DI NOVOLI
Da lunedì a venerdì (ore 8 -14)  tel. 0832712695 - 335 8202336; cultura@comune.novoli.le.it

50 commenti:

  1. non potrò partecipare, ma leggere delle tradizioni popolari mi affascina sempre... grazie! Baci :)

    RispondiElimina
  2. Bello post. Complimenti.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo la Focara ma grazie al tuo post ho conosciuto una delle tradizioni piu' antiche del Salento!

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo questa tradizione pur conoscendo il Salento peccato che sonolontana. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  5. Non ero a conoscenza di questa tradizione.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  6. Bellissimo evento non ho mai partecipato, sono pugliese chissà se mi organizzo faccio un salto! grazie per le informaziono

    RispondiElimina
  7. Peccato per la lontananza, altrimenti sarebbe una tradizione da vivere, di quelle che si devono tenere ben salde alla nostra storia.
    E' stato molto bello che ne hai parlato.
    Ti auguro un buon we!
    Annalisa

    RispondiElimina
  8. non conoscevo la Focara, ma il tuo post mi ha fatto scoprire qualcosa d davvero interessante

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo questa tradizione , peccato essere cosi' lontana, adoro gli ebenti della tradizione. Un abbraccio, buon fine settimana Daniela.

    RispondiElimina
  10. Che bella tradizione questa del falò! E' semplicemente meraviglioso portare sino a noi queste manifestazioni!

    RispondiElimina
  11. non conoscevo questa bella tradizione, mi piacerebbe partecipare deve essere bella

    RispondiElimina
  12. neanche io ne avevo mai sentito parlare!
    Ti aspetto da me, nuovo post!
    Nameless Fashion Blog
    Nameless Fashion Blog Facebook page

    RispondiElimina
  13. grazie per l'informazione che non conoscevo!! ciao e buona giornata

    RispondiElimina
  14. non conoscevo la focara, mi fai scoprire cose nuove!

    RispondiElimina
  15. Da pugliese conoscevo questa tradizione,grazie per tutte le altre informazioni

    RispondiElimina
  16. Essendo piemontese non conoscevo questa tradizione, ma è sempre bello conoscere cose nuove! Ti seguo su Gfc, bloglovin e fb, spero ricambierai!
    Fabiola

    wildflower girl
    Facebook page

    RispondiElimina
  17. Sono pugliese anche se vivo in Pimonte, ma non conoscevo il paese di Novoli e nemmeno la manifestazione, l'unica cosa che conosco e' il vino Negramaro. Tutto e' molto interessante , dev'essere bello partecipare.

    RispondiElimina
  18. Quanto mi piacciono e affascinano gli eventi legati alla tradizione culturale regionale della nostra terra.. peccato vivere lontano e non poterci andare.

    RispondiElimina
  19. è un peccato abitare cosi lontane :(

    RispondiElimina
  20. non conoscevo questa tradizione! interessante

    GRETA MASSIMI

    RispondiElimina
  21. Sono pugliese , ma non conoscevo questa tradizione . Molto interessante

    RispondiElimina
  22. Pur essendo pugliese sai che non l'ho mai vista questa manifestazione? Bacio :)

    RispondiElimina
  23. Mi piacerebbe partecipare il 16 gennaio! Sarebbe davvero interessante.
    marti
    www.glamourmarmalade.com

    RispondiElimina
  24. Peccato che io non possa partecipare, mi sarebbe piaciuto prenderne parte

    RispondiElimina
  25. molto interessante è sempre bello scoprire nuove tradizione grazie della info

    RispondiElimina
  26. Peccato non poter partecipare!!!Baciii

    RispondiElimina
  27. Che belle queste tradizioni, peccato non poter partecipare!
    Tina

    http://tinagfashionblog.blogspot.it/

    RispondiElimina
  28. Mi piace leggere le diverse tradizioni popolari delle regioni italiane e questa sembra davvero interessante!!

    RispondiElimina
  29. E' proprio un peccato non poterci partecipare. Adoro questo tipo di manifestazioni.

    RispondiElimina
  30. Le tradizioni popolari non debbono finire ed io le amo,bellissimo post.

    RispondiElimina
  31. Non la conoscevo ;)


    www.glamourdaymoda.com

    RispondiElimina
  32. Senza dubbio una tradizione affascinante, che risalta la bellezza di una regione che amo.

    RispondiElimina
  33. non conoscevo questa tradizione, fantastica!

    RispondiElimina
  34. che bella tradizione..non ne sapevo nulla!grazie delle info!

    RispondiElimina
  35. non conoscevo questa tradizione..davvero molto affascinante e poi deve essere un vero spettacolo vedere questa fiamma così imponente
    bellissimo post

    RispondiElimina
  36. Ho girato l'Italia in lungo e in largo eppure in Puglia non sono mai stata ma gusto spesso le specialità pugliesi ..taralli e olio non mancano mai sulla mia tavola..questa manifestazione è molto affascinante ed evocativa..potessi prendervi parte!

    RispondiElimina
  37. guara mi è piaciuto molto leggere quanto hai scritto e pre certi versi mi ci sono anche immedesimata
    ciao

    RispondiElimina
  38. troppo lontano per potervi partecipare,ma la trovo una bellissima iniziativa.

    RispondiElimina
  39. Adoro leggere di tradizioni popolari ed eventi di questo tipo, sembra di entrare in un mondo parallelo!

    RispondiElimina
  40. interessantissimo... nn conoscevo!

    RispondiElimina
  41. Che bel post e che belle le tradizioni dei paesi..

    RispondiElimina
  42. mi piace scoprire sempre nuove tradizioni, il tuo post è davvero molto interessante

    RispondiElimina
  43. che bella che deve essere, chissà quanta gente parteciperà!

    RispondiElimina
  44. wooow io non consocevo la focara!
    grazie per il post super informativo
    xoxo
    Syriously in Fashion
    Syriously Facebook Page

    RispondiElimina
  45. Sono pugliese, anzi Brindisina per la precisione...ed alla focara ho partecipato diverse volte, è un'esperienza bellissima! In Puglia le focare si organizzano anche per la festa di San Biagio, ma non così grandi e maestose come quella di Novoli.

    RispondiElimina
  46. bellissimo evento adoro la puglia

    dario fattore - www.whosdaf.com

    RispondiElimina
  47. Non conoscevo questa tradizione, anche non sono mai stata a Puglia, però me sembra un'esperienza troppo bella!

    RispondiElimina