polpette di neonata

L'estate scorsa ho potuto fare qualcosa di speciale, cioè ben 2 viaggi (questo soltanto perchè ho speso lo stesso importo dell'anno precedente ma diviso per tutti e 2 i viaggi), il primo a luglio (mai viaggiato a luglio in tutta la mia vita...) in Nepal, magnifico paese e soprattutto magnifico popolo (qui e qui i reportage)...e l'altro in Sicilia, e proprio da qui ha origine questa ricetta...(qui e qui i reportage)...appena arrivati a Catania la responsabile del tour come welcome ci ha regalato un libro di ricette siciliane "Sicilia in cucina", il regalo era 1 libro per camera...la mia amica mi ha soltanto guardato e mi ha detto "va bene, il libro prendilo tu" eheheheheheh e, ovviamente, per me è stato un regalo assolutamente gradito...mi mancava!! (stranamente...). Ho mangiato proprio lì, durante il mio viaggio in Sicilia, le polpette di neonata, sono i pesciolini appena nati, questa ricetta fà parte di quello street food siciliano che adoro...io ho solo aggiunto del formaggio grattugiato, made in Sicily, of course...in questa ricetta c'è qualcosa di diverso, l'abbinamento con una birra, si proprio così...eccezionale...;)

...pulpetti di nunnata...
ingredienti per 2 persone:
150 gr neonata
1 uovo
2 cucchiai pangrattato
1 cucchiaio prezzemolo
sale
olio per friggere
2 cucchiai provola dei Nebrodi grattugiata AZIENDA AGRICOLA A FIORIGLIO
*piatto e tazza linea Osteria CERAMICHE TAPINASSI
In una ciotola ho messo le uova, il pangrattato, il prezzemolo, la provola dei Nebrodi grattugiata e il sale e ho lavorato gli ingredienti per amalgamarli, ho aggiunto al composto la neonata, e ho amalgamato. Ho formato delle palline, le ho schiacciate come per le polpette, e fritte in olio bollente un paio di minuti per lato,  servite calde o tiepide con una insalata  mista. (ricetta tratta dal Libro "Sicilia in cucina, 80 ricette della tradizione" nel libro questa ricetta viene chiamata "frittatine di neonata" ma per me somigliano più a delle polpette e quindi le ho chiamate così)
***Ho abbinato una birra artigianale al radicchio San Gabriel Rossa, acquistabile su CANTINA DELLA BIRRA. Specialità del Trevigiano al radicchio Veneto,  bottiglia cl 50, va degustata alla temperatura di 8-10°C in un calice aperto esprime tutta la sua fragranza. Colore rosso ambrato con schiuma persistente, delicati sentori caramellati e vegetali, corpo rotondo e maltato in sintonia con il nobile amaro del Radicchio. Lievemente frizzante, retrogusto erbaceo e morbido. Gradazione alcolica: 5.5° Abbinamenti: carni bianche, selvaggina, formaggi a pasta molle, eccezionale con il pesce.

56 commenti:

  1. bravissima le hai fatte alla palermitana con il formaggio(almeno mia nonna lorita le faceva così)!!!!un'altra ricettina sciuè sciuè sono gli spaghetti con la neonata:fai soffriggere dell'aglio in olio evo appena è dorato aggiungi del prezzemolo tritato assieme a del peperoncino spegni il fuoco e aggiungi la neonata e gli spaghetti al dente manteca il tutto e buon appetito!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa che nel libro non c'era l'aggiunta del formaggio ;) Proverò sicuramente anche gli spaghetti, grazie per la dritta :D

      Elimina
  2. Devono essere squisite! E mi fai conoscere una birra nuova, molto invitante!

    RispondiElimina
  3. Sono belle a vedersi ma anche buonissime

    RispondiElimina
  4. Mai mangiate, davvero una ricettina sfiziosa!!

    RispondiElimina
  5. Io le preparo uguale, aggiungo solo un pò di formaggio, sono proprio buone! Buona serata

    RispondiElimina
  6. Questa ricetta profuma di casa, mia madre me le prepara sempre quando scendo in Sicilia perché Sa che ne vado matta tu sei stata bravissima , un bacio cara ;)

    RispondiElimina
  7. Anche a me piacciono molto le polpette di neonata, devo assolutamente provare la tua ricetta. Un abbraccio.

    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  8. Ciao io li ho mangiati cosi in Campania a Sapri li chiamano se non sbaglia bianchetti o avannotti ma non ricordo bene. Qui da noi non si trovano il più piccolo pescetto si chiamana "ribaltavapori" ovvero essendo cosi piccoli li hanno chiamati che rosciano i piroscafi giusto per capire il senso. In italiano dicono si chiamano linguelle
    http://bora.la/2010/05/20/ricette-domace-girai-e-schile-fritte/
    è l'unico che ho trovato con la foto assieme alle schile ovvero piccolissimi gamberetti che rimangono così non crescono.

    Sono super buoni anche questi si friggono e si mangia tutto....
    Scusami se mi son o permesso di nuovo di divagare ma questi pescetti mi hanno ricordato altri. Un abbraccio e buona serata.

    RispondiElimina
  9. Silvia, sono stupende queste polpette, che bontà! Adoro questi pesciolini, mi piacciono tantissimo... Complimenti e un bacione! :*

    RispondiElimina
  10. io, invece, la prima volta le ho mangiate in Calabria e ora fanno parte del mio menù primaverile. Le adoro!

    RispondiElimina
  11. belle e chissà che buone!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Bravissima!! Degna di una siciliana davvero! Sono fantastiche le tue polpette! Io da siciliana non mangio "u nannatu"... Mi ha lasciato dei traumi infantili che non ho superato :D Potevo avere all'incirca 8 anni.. per cena: polpette di "nannatu" e "nannatu" in brodo. Non ho voluto nessuno dei due piatti. E i miei mi hanno mandato a letto senza cena!:(

    RispondiElimina
  13. Da Siciliana DOC io le conosco benissimo. Ti sono venute benissimo cara anche io aggiungo il formaggio grattugiato e qui a Siracusa le chiamiamo polpette di mucco. Baci

    RispondiElimina
  14. Che sapore insolito avrà questa birra! Sicuramente azzeccata con le polpette di pescetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa birra tu l'hai assaggiata ad un'evento ;)

      Elimina
  15. Ufffff.... figurati se qui si trovano i nenonata.... che peccato.... proverò ad immaginarmi il sapore anche se non sarà la stessa cosa :(

    RispondiElimina
  16. quando le faccioè sempre una festa a casa mia,buonissime ! ciao

    RispondiElimina
  17. caspita che delizia! mi piace l'idea!

    RispondiElimina
  18. Non le ho mai assaggiate, ma le tue polpette fanno proprio gola!

    RispondiElimina
  19. concordo in pieno le assaggerei molto molto volentieri a presto simmy

    RispondiElimina
  20. ma sei una burlona! ho aperto il post convinta di trovare una ricetta per lo svezzamento! sono davvero ignorante, non li conoscevo!

    RispondiElimina
  21. Mi ricordano delle frittelline che faceva mia nonna e poi anche mia madre... non so se siano fatte con gli stessi pesciolini! Viaggiare fa sempre bene, si scoprono tante cose belle :)

    RispondiElimina
  22. cara Silvia, quanto le adoro! anche io le faccio quando è il periodo dei bianchetti( qui li chiamiamo così) peccato che il periodo di pesca duri proprio poco eh?
    Ti segnalo il mio nuovo contest, parte domani se ti fa piacere partecipare:
    http://batuffolando.blogspot.it/2013/01/contest-dolci-fritti.html
    bacioni

    RispondiElimina
  23. Complimenti per le polpette,
    "ma la bira trevisana al radicio le la fine del mondo"
    ciao Silvia un strucon trevisan

    RispondiElimina
  24. grazie Silvia per l'avere apprezzato la mia terra e la sua gastronomia, ma non sapevo si chiamassero polpette neonate!!!!!!!! Brava come sempre, ciao cara e buona serata!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  25. quando trovo la nunnata le preparo sempre anch'io , le adoro

    RispondiElimina
  26. ma io credevo che la pesca dei pescetti appena nati fosse vietata...
    Se sono quelli che qui da noi si chiamano gianchetti le tue polpette devono essere stupende.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che sia vietata solo in alcuni periodi dell'anno ;)

      Elimina
  27. ma sai che ro convinta che non si potessero più pescare questi pesciolini? e invece grzie al tuo post mi sono informata e ho scoperto che in questo periodo si trova ed è possibile pescarli. Grande silvia, sia per la ricetta che per avermi dato modo di informarmi. un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che pesca sia vietata solo in alcuni periodi dell'anno ;)

      Elimina
  28. personalmente non amo i bianchetti ma sono apprezzatissimi e ricercatissimi da tantissimi buongustai...e tu li hai cucinati divinamente!

    RispondiElimina
  29. io le faccio spesso le tue sono divine.....e poi quella rossa dietro la Amo
    A Presto

    RispondiElimina
  30. Ottime le tue polpette, con la giusta birra abbinate. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  31. Mia nonna le preparava (raramente mia madre le prepara), complimenti cara!!!ottime e...un vero signor finger food!!!!Un bacio

    RispondiElimina
  32. ...Eh la sicilia....ce la siamo girata in lungo e in largo, in due viaggi della durata complessiva di un mese anche se non ho mai potuto parlarne sul blog perchè i nostri viaggi si sono svolti... in incognito, visto che lì ho mezzo parentado (mio nonno era di bagheria) e se avessi dichiarato il mio arrivo, considerata l'ospitalità siciliana, saremmo passati da una casa all'altra anzichè girarci passo passo tutta l'isola!!! Invece così l'abbiamo vista proprio tutta, dal perimetro ai paesini dell'entroterra, con una menzione speciale per le Petralie, Piazza Armerina, le gole dell'alcantara e la scala dei turchi!.
    magnifica sotto tutti i punti di vista: dal cibo, alla suggestione dei luoghi, alla cordialità delle persone.
    A modica siamo tornati una seconda volta solo per mangiare nuovamente in un'indimenticabile osteria.
    Mi piace tutta, ma Palermo la amo alla follia, con tutti i suoi contrasti e le sue zone d'ombra.
    Perciò cara Silvia, queste tue polpette di neonata hanno risvegliato tanti di quei ricordi che non ti dico: magnifiche, buonissime, spettacolari, brava proprio!
    Bacioni e buon fine settimana

    RispondiElimina
  33. Da noi si chiamano bianchetti! :)
    Particolare l'accostamento con la birra!
    Un abbraccio e complimenti!

    RispondiElimina
  34. Che buoni , noi li chiamiamo bianchetti , li adoro!
    Mio figlio si chiama Gabriele ,merita la birra ^_*
    bracissima bacioni!1

    RispondiElimina
  35. ciao
    avevo già sentito parlare di questa ricetta e di questi pesciolini... ti son venuti bene!!! complimenti!
    p.s.: se ti va alla fine di questo post c'è un premio per te.... http://dolcipensieri.wordpress.com/2013/01/25/ho-appena-finito-di-mangiare-e-premio-di-dolcipensieri/

    RispondiElimina
  36. Da me si chiamano bianchetti, ma preparati così nelle polpette non lo avevi mai sentiti!Da provare

    RispondiElimina
  37. Silvia le tue polpette devono essere deliziose....la birra mi incuriosisce, la voglio provare.
    Un bacio e buon we
    Paola

    RispondiElimina
  38. Ciao!
    Siamo mamma e figlia con la passione per la cucina e giusto da poco abbiamo aperto il nostro piccolo spazio online!
    Ti seguiamo volentieri, ci farebbe molto piacere se passassi a trovarci anche tu!
    Noi continuamo a seguirti , ci piacerebbe condividere con altre persone il nostro hobby!
    Un bacio ♥

    Polvere Di Cacao | Food Blog

    RispondiElimina
  39. Curiosissimo l'abbinamento con la birra.
    Un saluto e buon we!!!
    simo

    RispondiElimina
  40. Mi hanno sempre impressionata, ti dico la verità!
    Però sono sicura che il sapore è buonissimo!

    RispondiElimina
  41. una bontà la neonata

    so che sembra crideltà a mangiare 'sti pesciolini ma son così buoni, mannaggia!!

    noi li facciamo in tutti i modi, ma a polpettina così come hai fatto son buonissimi

    ciao buona domenica

    RispondiElimina
  42. ciaooo, sono stata in sicilia ma nn ho mai mangiato questa squisitezza!

    RispondiElimina
  43. Sembrano davvero deliziose e proprio non le conoscevo :D

    RispondiElimina
  44. scusa, ma la neonata dov'è????.......
    150 grammi di neonata e DUE uova?..... così si perde completamente il sapore del pesce.
    Per mezzo chilo di neonata UN uovo (ma c'è chi l'uovo non lo mette proprio, io alterno) e UN cucchiaio di farina (di più no, altrimenti da un gusto un po amaro)
    Col formaggio, mai provato, ma magari un giorno ne metterò un pizzico per vedere che succede.
    E poi ricorda: il pesce deve sempre essere il sapore dominante (io uso poco anche il limone), se è fresco devi sentire il sapore del mare. Se lo copri che gusto c'é?.... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio per la tua critica, infatti nel libro questa ricetta si chiama "frittatine di neonata" ma siccome a me sembrano polpette, io le ho chiamate così, mi sembrava più adeguato ;)

      Elimina
  45. P.S. dalla foto, la neonata mi sembra un po bianchiccia. la neonata di sarde, che a Palermo è ritenuta la migliore è grigia (un po scuretta magari). Il bianchetto è un'altra cosa, l'ho comprato a roma ma il sapore è un po scialbo. E poi c'è anche il rischio che ti vendano il "pesce ghiaccio" (bleah!!!!!) giapponese che altro non è che un pesce bianco piccolo piccolo ma già ADULTO (nano) mentre la neonata è, appunto, il pesciolino appena nato.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille per le precisazioni, io li ho comperati surgelati e c'era scritto che era neonata, di più non so dirti purtroppo. Non capisco il bisogno di scrivere in anonimo e di non firmarsi, mi sembra proprio di cattivo gusto...buona giornata!!

      Elimina