carciofi ripieni di riso con crema ai carciofi e petali di formaggio

Vi avevo già parlato dell'ECO FOOD DAY, qui, giornata memorabile dove 19 food blogger romani si sono riuniti presso la scuola di cucina PEPE VERDE per assistere alla cooking class dello Chef Cesare Amato che ci ha mostrato la preparazione di ben 3 ricette con il riso, una delle quali noi dobbiamo rivisitare per partecipare al contest, sponsor per il riso RISERVA SAN MASSIMO, per l'olio alla menta FATTORIA SAN SEBASTIANO e per i premi IDEE DI CASA. Inoltre tutte noi partecipanti abbiamo firmato la carta dei foodblogger, potete leggere qui tutte le norme comportamentali che abbiamo sottoscritto, con lo scopo di proteggere e valorizzare l'eco sistema alla base di ogni prodotto alimentare. Ma passiamo alla mia rivisitazione, ho servito il risotto dentro i carciofi, facendoli diventare un gustoso contenitore, inoltre ho messo, al posto del parmigiano, per dare più carattere a questa ricetta un formaggio speciale: il tête de moine. E un formaggio svizzero che si consuma in un modo molto particolare: grazie alla tipica girolle (uno strumento a coltello orizzontale) che, girando, forma dei  veri e propri petali di formaggio. Il formaggio deve infatti essere raschiato, così da sprigionare i suoi aromi estremamente complessi che vanno dall'odore (qui si sentono perfettamente profumi che variano dal lattico, alla crema ed anche alla stalla in alcune forme più stagionate) al gusto, che, dopo il taglio con la girolle, è quasi fondente, delicato, sapido e dolce in maniera equilibrata, piacevoli sentori indiretti di fieno. Il tête de moine viene prodotto nel Giura e nel Giura bernese, regione francofona del Canton Berna. Più precisamente è originario dell'abbazia di Bellelay, situata nel comune di Saicourt, nel distretto di Moutier. Attualmente, meno di dieci caseifici della regione di montagna dei distretti di Franches-Montagnes, di Porrentruy, Moutier e di Courtelary producono questa specialità casearia, un'arte che i monaci della zona conoscevano già più di otto secoli fa. Dal maggio del 2001 si fregia dell'AOC svizzera (l'equivalente della Denominazione di Origine Protetta). Viene esportato in tutto il mondo ed è uno dei biglietti da visita della tradizione casearia elvetica. Io me ne sono letteralmente innamorata ad una degustazione di formaggi, dove ho partecipato al Taste of Roma. Questo formaggio può essere usato, oltre che per condire ed insaporire diverse ricette, anche come aperitivo assieme ad un vino bianco semiaromatico, oppure sul pane bruschettato o assieme a frutta secca e un vino passito a conclusione di pasto (informazioni prese dal web).


ingredienti per 2 persone
6 carciofi
140 gr riso superfino RISERVA SAN MASSIMO
tête de moine 4 petali per mantecare e 2 per guarnire
 40 gr guanciale tritato 
qualche foglioline di menta
olio extra vergine di oliva 50 ml
1 aglio tritato
una fettina di cipolla tritata
vino bianco mezzo bicchiere
1 noce burro
brodo vegetale q.b.
50 ml olio extra vergine di oliva alla menta FATTORIA SAN SEBASTIANO
sale e pepe q.b.
Ho pulito i carciofi, scavati dell'interno, li ho immersi in acqua fredda, 4 li ho cotti in una pentola con  acqua bollente salata per 10 minuti, scolati li ho messi da parte. In una padella ho rosolato il guanciale con  metà dell'olio, ho aggiunto l'aglio tritato e subito dopo i carciofi. Ho cotto per 3 minuti, sfumato con metà del vino bianco, fatto evaporare e aggiunto qualche mestolo di brodo vegetale precedentemente preparato, sale, pepe e ho cotto per 10 minuti a fiamma bassa. Ho tolto dal fuoco e frullato. In una pentola ho fatto imbiondire la cipolla con il rimanente olio, ho aggiunto il riso e lasciato tostare per 3 minuti a fiamma bassa, ho aggiunto il vino bianco, fatto evaporare, unito qualche mestolo di brodo vegetale caldo e iniziato la cottura. Dopo 5 minuti ho unito la gran parte della salsa ai carciofi frullata e ho continuato la cottura per altri 5 minuti aggiungendo se necessario altro brodo. Ho tolto la pentola del riso dal fuoco e ho mantecato con la noce di burro, 4 "roselline" di formaggio tête de moine e l'olio alla menta, ho riempito velocemente i carciofi con il riso e messi al forno a 180° per 10 minuti. Ho servito con petali di formaggio tête de moine.
(ricetta della scuola di cucina Pepe Verde da me rivisitata)



con questa ricetta partecipo all'ECO FOOD DAY CONTEST 

57 commenti:

  1. Ciao Silvia!! Ho letto in diversi blog dell'esperienza e ho visto anche i piatti in premiazione :)) Bellissssimi tutti quanti e gustoso anche il tuo!! Buona giornata cara!

    RispondiElimina
  2. ma che meraviglia, una rivisitazione spettacolare

    RispondiElimina
  3. Ma che buoni questi carciofi cara!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  4. caspita una presentazione troppo chic!

    RispondiElimina
  5. bellissima la tua rivisitazione della ricetta, e che particolare quel formaggio, complimenti silvia. un bacione

    RispondiElimina
  6. Complimenti, bellissima ricetta e ottima presentazione!

    RispondiElimina
  7. Già dal titolo mi hanno messo l'acquolina! :)

    RispondiElimina
  8. I carciofi ripieni di riso sono strepitosi, non li avevo mai visti prima d'ora, e quel formaggio da raschiare mi incuriosisce molto. Bellissima anche la tua presentazione. Ottima ricetta. Baci e buona giornata.

    RispondiElimina
  9. finalmente sono arrivati i miei amati carciofi, mi segno subito la tua ricetta, perchè sono sempre in cerca di modi nuovi per cucinarli, la tua mi acchiappa proprio. baci kiara

    RispondiElimina
  10. Che dirti cara Silvia: Superlativo!

    Buon inizio settimana!

    MaRi

    RispondiElimina
  11. Adoro i carciofi in tutte le salse anche con il riso ma questi mai provati la presentazione poi è veramente carina ... brava la mia Silvia buona giornata ... Giovanna

    RispondiElimina
  12. Adoro i carciofi , mai fatti col riso devono essere speciali!
    Bravissima come sempre baciotti!!

    RispondiElimina
  13. Mamma mia che fame. La tua preparazione e' fantastica e il formaggio deve essere gustosissimo. grazie cara di farci scoprire questi prodotti fantastici. baci

    RispondiElimina
  14. una bella idea per preparare i carciofi adesso inizia la stagione

    RispondiElimina
  15. ma quanto mi piace questa ricetta? gnamm

    RispondiElimina
  16. i carciofi sono proprio difficili da abbinare al vino, brava

    RispondiElimina
  17. Ciao
    quanto mi piacciono i carciofi.. e ripieni sono buonissimi.
    Era uno dei piatti forti di mia nonna. Mi ha fatto venire l'acquolina in bocca..
    Delizia.
    Complimenti e bella l'esperienze che hai fatto
    un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  18. Molto particolare, ma buonissima questa tua versione dei carciofi ripieni!

    RispondiElimina
  19. squisito questo piatto, complimenti per la bellissima esperienza!

    RispondiElimina
  20. complimenti una bellissima ricetta..!! e poi mi incuriosisce l'attrezzino per sfogliare il formaggio non è che potresti fare una foto ?? ti ringrazio buona serata..!

    RispondiElimina
  21. Ricetta magnifica! Ma il tete de moine è come la raclette? Perchè "l'attrezzo per sfogliarlo" mi sembra molto simile a quello della raclette!
    Baci

    RispondiElimina
  22. complimenti sempre piatti eleganti e raffinati! un'abbraccio valeria

    RispondiElimina
  23. Una ricetta fantastica,me la segno di sicuro la provo....

    RispondiElimina
  24. ma che bella tavola :) grande Silvia! buona settimana!

    RispondiElimina
  25. bellissima esperienza e altrettanto bellissimo piatto!!!!brava brava...un abbraccio...

    RispondiElimina
  26. Che fame mi hai fatto venire complimenti ISA

    RispondiElimina
  27. la tavola delle meraviglie!
    bravissima cara!
    un bacio

    RispondiElimina
  28. Bravissima Silvia, solo a guardare la tua tavola mi viene una fame!!
    E i carciofi con quel ripieno devono essere una squisitezza!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Ciao Silvia! Ma che buoni questi carciofi!
    Anche io sono rimasta moto incuriosita da quel formaggio, soprattutto dalla caratteristica girolle!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  30. Grande Silvia, mi piace molto la tua rivisitazione. Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  31. buoniiiii i carciofi li adoro!!!!! belli fatti col riso ^^ appena li trovo belli ti rubo di sicuro ;) bacione cara

    RispondiElimina
  32. Come sai valorizzare i carciofi. Da piatto popolare ad alta cucina.

    RispondiElimina
  33. Che squisita ricetta! Questi carciofi sono molto invitanti e ben presentati, brava! Ciao

    RispondiElimina
  34. Ma che meraviglia e questa ricetta deve essere favolosa!

    RispondiElimina
  35. Tesoro che bella rivisitazione, deve essere deliziosa...adoro gli involucri commestibili...sarà dura competere con una brava come te....mi dovrò scervellare!!!
    Un bacio e buona giornata
    Paola

    RispondiElimina
  36. che buoni i tuoi carciofi, Sissi!!

    RispondiElimina
  37. davvero originale l'idea del carciofo-contenitore. Potrei far impazzire mia mamma che è una vera carciofo-addicted!

    RispondiElimina
  38. Ma che bella presentazione, complimenti!
    Un bacione, GG

    RispondiElimina
  39. bellissima ricetta (e molto scenografica). Voglio la girolle!

    RispondiElimina
  40. Ciao Silvia, che bella ricetta, la presentazione è ottima, molto invitante, complimenti!
    Buon lunedì!
    Baci

    RispondiElimina
  41. La ricetta sembra buonissima e la presentazione è davvero bella! Bravissima!
    Bruna

    RispondiElimina
  42. Che buoni e che presentazione splendida! :D Sei stata bravissima, un abbraccio e complimenti :) Buonanotte! :)

    RispondiElimina
  43. Bella ricetta!!!
    Io il tete de moine l'ho quasi finito ;-).
    Un abbraccio !

    RispondiElimina
  44. Complmenti per questa bella esperienza culinaria che hai vissuto assieme ad altri foodblogger...c'è da ammettere che è stata profittevole! Bellissima pure la ricetta! Le verdure ripiene sono sempre un'ottima alternativa per la cena, e questi carciofi son o un piatto unico a dir poco squisito!
    baci baci

    RispondiElimina
  45. Che bella idea Silvia di servire il risotto nei carciofi...e che bella esperienza deve essere stata! ...dalla tua dettagliata descrizione mi sembrava quasi di riuscire ad assaporare questo buon formaggio che non ho mai assaggiato...e mi è venuta proprio voglia di provarlo!!!

    RispondiElimina
  46. dal momento che adoro i carciofi non posso non rifare questa tua
    ottima ricetta..copiata!!Tanti auguri per la tua partecipazione
    al contest!!
    baci

    RispondiElimina
  47. I carciofi mi piacciono molto in qualsiasi modo anche solo bolliti con un pò d'olio. Questa ricetta ripieni è favolosa la vado a provare non appena trovo i carciofi degni di questo nome.
    Buona fine settimana
    PS.
    Il post successivo del pane favoloso ma a casa mia un panino piccolo dura due giorni ne mangiamo pochissimo da sempre. ciaooo

    RispondiElimina
  48. ciao genio!!!!!! ma sai che volevo riempirli anche io i carciofi?? solo che poi memore dell' ultima ricetta di carciofi ripieni di riso che ho fatto ho desistito... in quell' occasione ruppi un dito a Piero :O)))))) olè. e ora mi sembrava troppo... la maschera bianca, un dito rotto.. ecco, non volevo infierire :O)
    tu invece ti sei lanciata alla grande in questa rivisitazione che mi piace davvero molto!!!
    brava, as usual!
    smack smack

    RispondiElimina
  49. spero non prenderai per pazza una fanciulla che ti dice che adora follemente il carciofo...
    lo mangerei continuamente, sebbene non avevo mai pensato di riempirli... e di riso per altro...
    beh, che dire?
    da provare assolutissimissimamente!

    RispondiElimina
  50. anche io adoro il carciofo, questo risotto è veramente appetitoso, grazie a tutti per aver gradito, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  51. Magnifica ricetta, magnifico accostamento di ingredienti sublimi ..... Eccellente!!!!

    RispondiElimina