Convegno "nuove opportunità di sviluppo per il settore olivoleico"


A fine giugno ho partecipato al convegno di Assofrantoi "nuove opportunità per il settore olivoleico, nell’ambito del programma reg CE 867/08 seconda annualità" che si è tenuto a Roma, presso IL Centro Servizi per i prodotti tipici e tradizionali in Piazza Sant'Ignazio n. 144, presso la Camera di Commercio, l'invito è arrivato dal responsabile dell'ASPOL di Frosinone, dove l'anno scorso ho partecipato al corso di primo livello di assaggiatore di olio extra vergine di oliva. Durante il convegno sono state illustrate le proposte di attività che Assofrantoi svolte nell'ambito di tale regolamento europeo. A seguire l'evento è stata organizzata, in collaborazione con i produttori dell’ANGA e della CCIAA di Roma, aperitivo (in realtà a me è sembrata una cena!!) durante il quale è stato possibile assaggiare diversi prodotti agroalimentari provenienti da aziende laziali aderenti all’ANGA e gli oli dei produttori laziali di ASSOFRANTOI.
Ha aperto il Convegno il saluto di benvenuto del Presidente dell'Assofrantoi Pier Luigi  Silvestri, a seguire c'è stato l'intervento della dottoressa Palma Esposito, responsabile del settore vino e olio di Confagricoltura, che ha illustrato le iniziative passate e le fiere nate in collaborazione con Confederazione Generale dell'Agricoltura e Associazione Frantoi Oleari Italiani,  ancora, a seguire la coordinatrice nazionale Alessia Fancone ha esposto il progetto "miglioramento della qualità degli oli d'oliva", ancora Marketing futura S.r.l., nella persona di Emanuele d'Orazi ha esposto le innovazioni nella gestione delle acque di vegetazione dei frantoi attraverso l'utilizzo di particolari enzimi (da lui prodotti) e a seguire, infine, i tecnici di Assofrantoi e A.S.F.O. Marco La Valva e Vincenzo Nicolì hanno illustrato i risultati e l'esperienza del trattamento enzimatico dei reflui nei franto siciliani.

L'industria di trasformazione delle olive è un settore fiorente nei paese mediterranei, dove si produce circa il 98% del quantitativo mondiale di olio. L'Italia è, insieme alla Spagna, tra i principali produttori di olio: in Italia ci sono 6000 frantoi che lavorano mediamente 2 milioni di tonnellate di olive con una resa in olio del 20%.
Dalla lavorazione delle olive finalizzata alla produzione di olio nell'area mediterranea si ottengono anche 20 milioni di quintali di rifiuti, di cui 2/3 sono costituiti da uno scarto di produzione, le acque di vegetazione e 1/3 da sottoprodotti, la sansa vergine.
Dalla sansa si recupera, con l'aiuto di solventi, l'olio residuo (olio di sansa), le sanse disoleate possono poi essere utilizzate come fertilizzante o combustibile alternativo  e rientrano comunque nella classe degli ammendanti (fertilizzanti) organici naturali in quanto sono costituite da sostanza organica di origine vegetale non fermentate che risulta stabile, inoltre non contengono metalli pesanti, inquinanti tossici o organismi patogeni.
Le acque di vegetazione, prodotte in elevati volumi, a causa della loro natura e composizione, costituiscono un rilevante problema economico per i frantoi. Esse sono composte da cloruri, solfati, fosfati, fosforo, azoto ammoniacale, azoto nitrico, azoto nitroso, estratto etereo, zucchero, fenoli, residuo secco, sodio, potassio, ecc..) e sono caratterizzate da bassa biodegradabilità dovuta alla presenza di sostanze biotossiche, alcuni dei quali altamente tossici e cancerogeni per l'uomo, per questo si penserebbe che le acque di vegetazione sarebbero tossiche e dannose per l'ambiente, al contrario, invece, sono una grande risorsa che va sfruttata nel modo giusto. Proprio per alcuni componenti che le compongono (potassio, azoto, fosforo e magnesio) possono costituire importanti elementi nutritivi per la fertilizzazione. Inoltre, essendo prevalentemente costituiti da sostanza organica (zuccheri, semplici come glucosio, fruttosio, raffinosio, monnosio e xilosio; polisaccaridi come la cellulosa; e proteine) possono essere considerati ammendanti (fertilizzanti) vegetali liquidi di origina naturale e quindi il loro utilizzo al suolo come ferti-irriganti avrebbe il duplice scopo di consentire la loro degradazione chimica e biologica e di arricchire il suolo migliorandone le proprietà chimico-fisiche.
Invece di depurare e buttare via le acque di vegetazione, come generalmente si fa, bisogna considerarle come una potenziale fonte di energia da recuperare e riciclare opportunamente come fertilizzante, con il minino spreco di essa, il minimo dispendio di energia e possibilmente a basso costo. In tutto questo è venuta in aiuto la ditta Futura S.a.s. di Vitorchiano (VT) che produce Omenzym, biocatalizzatore della sostanza organica, ovvero un'associazione di estratti vegetali capace di umificare e mineralizzare qualsiasi tipo di sostanza organica, infine è completamente naturale e quindi innocuo per l'uomo, animali e pesci.
Sono state effettuati dei test, ad intervalli di tempo, sono stati controllati PH, la stabilità dell'attività di alcuni enzimi (cellulasi e lipasi), il contenuto in fenoli, proteine e zuccheri totali, ed altri valori, infine sono state eseguite analisi microbiologiche per determinare la presenza di Escherichia coli e Salmonella, al termine di tutto questo è stata riscontrata una notevole attività biodegradabile di Omenzym, tali da riportare i parametri delle acque di vegetazione all'interno dei limiti preposti dalla legge. 
I risultati quindi del trattamento con Omenzym sono stati quindi molto incoraggianti, si rileva un notevole abbattimento di fenoli dei solidi sospesi totali e di tutti gli altri parametri inquinanti di oltre l'80%, mentre la sostanza organica utile all'agricoltura è stata sufficientemente conservata. Ma la potenzialità di questo biocatalizzatore di sostanza organica, Omenzym, sono molto più elevate perchè può essere impiegato per il trattamento di fognature o discariche, sia di privati che comunali.
In 20 anni di attività i risultati ottenuti sono stati differenti e dimostrati come l'eliminazione di odori, depurazione del percolato, riduzione dei volumi di refluo.
Gli enzimi sono una soluzione da non sottovalutare, ecologica, naturale e sicuramente eco-biocompatibile.

Sempre durante questo convengo AssoFrantoi e Anga, Giovani di Confagricoltura, hanno presentato la Carta dei prodotti e dell'olio extravergine del Lazio. Un'imperdibile occasione per far conoscere a ristoratori e comunicatori del settore i sapori tipici della cultura enogastronomica della regione.


Ho avuto così la fortuna (si può dire!??!) di assaggiare:
- orzotto alla menta, con olio extra vergine di oliva fruttato, con suzzhine, carote, sedano, rape bianche e pomodoro concassè,
- insalata di farro con pomodoro fresco ed erbe aromatiche,
- sedanini con pomodorini, rucola e olive di Gaeta,
- bruschettine di pane al farro e farina di kamut all'olio extravergine di oliva e patè di olive,
- insalata di macedonia fresca e olio extravergine di oliva,
- mousse agli agrumi e olio extrravergine di oliva,
- mascarpone montato all'olio extravergine di oliva con frutti di bosco,
- ciambelline al vino,
- selezione di vini del Lazio

48 commenti:

  1. quante cose buone da mangiare!bisogna valorizzare di più questo settore! siamo i migliori nel mondo

    RispondiElimina
  2. Davvero interessante bisognerebbe valorizzare di più il settore..un bacio cara

    RispondiElimina
  3. Oggi ci hai fatto leggere un bellissimo e importantissimo post.
    Io per l'olio ci tengo tantissimo,infatti cerco di comprarlo sempre in frantoio a fine Novembre e quando lo finisco,compro sempre olio Italiano.

    RispondiElimina
  4. interessantissimo ... ci sono cose buonissime :D per me l'olio è fondamentale

    RispondiElimina
  5. L'olio di oliva e' uno degli alimenti fondamentali nella nostra dieta quotidiana , la mia famiglia oramai da anni lo produce per uso familiare , consiglio sempre a tutte le mie amiche olio extra vergine di oliva di prima qualita' ed ottenuto in modo del tutto biologico .

    RispondiElimina
  6. Dev' essere stata un' esperienza molto interessante, complimenti a te che hai potuto partecipare ed assaggiare tante bontà culinarie!

    RispondiElimina
  7. Molto interessante e sembra ottimi come prodotti!


    http://www.cultureandtrend.com

    RispondiElimina
  8. quanti bei prodotti interessanti mi piacerebbe provarne alcuni

    RispondiElimina
  9. Interessante no?? Mi dispiace essere lontana dalla nostra grande città piena di cose da fare!!

    RispondiElimina
  10. Come sempre interessantissimi i tuoi post! non pensavo che gli enzimi siano una soluzione così ecologica!

    RispondiElimina
  11. dev'essere stato molto interessante

    RispondiElimina
  12. Un'evento molto interessante. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  13. Evento a cui mi sarebbe piaciuto partecipare, non ho mai partecipato a convegni di questo tipo ma mi incuriosiscono molto

    RispondiElimina
  14. Un settore che va incentivato e spinto

    RispondiElimina
  15. Che peccato non aver partecipare, che invidia!! dev'essere stato un'evento interessantissimo!!

    RispondiElimina
  16. Davvero interessante. Partecipare ad un convegno è sempre molto utile, tipo l'aspetto degli enzimi non lo conoscevo.
    marti
    www.glamourmarmalade.com

    RispondiElimina
  17. ..un evento davvero molto interessante e poi quante cose buone....io amo l'olio d'oliva e cerco sempre di comprare il migliore!!!

    RispondiElimina
  18. bell'articolo preciso e pulito brava

    RispondiElimina
  19. Un bell'articolo per un evento interessante! Quante cose fantastiche!

    RispondiElimina
  20. complimenti per il post,la tua esperienza dev'essere stata meravigliosa mi piacerebbe partecipare a convegni di questo tipo,il nostro olio extravergine è il migliore

    RispondiElimina
  21. bellissimo questo evento mi sarebbe piaciuto partecipare :)

    RispondiElimina
  22. Adoro questo tipo di convegni, che belli e quante cose buone!

    RispondiElimina
  23. Fantastico evento peccato non poter aver l'occasione di partecipare!

    RispondiElimina
  24. non conoscevo questa iniziativa, per essendo di roma

    RispondiElimina
  25. Interessante iniziativa, magari poter partecipare! L'olio extravergine d'oliva dovrebbe essere valorizzato per le sue qualità, io uso quello di mia produzione altamente biologico! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  26. Non conoscevo questa iniziativa grazie della info

    RispondiElimina
  27. L'olio è un patrimonio da proteggere e tutelare, da tutto e da tutti :)
    :)
    www.glamourdaymoda.com

    RispondiElimina
  28. interessante,le tue informazioni sono sempre utili, è un piacere passare da te

    RispondiElimina
  29. iniziativa lodevole e interessante, gli oli del nostro paese sono i migliori nel mondo. che bella tavola imbandita, con l'olio si può preparare di tutto, grazie dei dettagli

    RispondiElimina
  30. Ho letto con molto piacere questo post, sono un po' fissata con l'olio nel senso che scelgo sempre olio buono


    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Video outfit YOUTUBE
    Kiss

    RispondiElimina
  31. Adoro l'olio buono! Deve esser stato proprio interessante questo convegno.
    PS Mi piacerebbe molto fare un corso per assaggiatore di olio, è da un po' che ci penso infatti.

    Cheap and Glamour

    RispondiElimina
  32. Un buon olio è indispensabile. Ottima idea questa del convegno.

    RispondiElimina
  33. bell'evento, l'olio italiano è il migliore!

    RispondiElimina
  34. Ciao grazie mille per il tuo commento!
    Cercherò di participare al prossimo evento adoro l'olio d'oliva!
    ti va se ci seguiamo a vicenda? fammi sapere un bacio!

    RispondiElimina
  35. Un'ottima iniziativa per un tema molto importante. Davvero interessante il post!

    RispondiElimina
  36. deve essere stato un convegno molto interessante...

    RispondiElimina
  37. sei sempre super informata su queste belle iniziative!

    RispondiElimina
  38. Scegliere un buon olio è importante per qualsiasi piatto!

    RispondiElimina
  39. I nostri olii sono superbi, bisognerebbe dar loro il giusto rilievo anche fuori dall'Italia ^_^

    RispondiElimina