Lazio terre dell'olio: itinerario Sabina DOP


"Lazio terre dell'olio" è il progetto creato dalla Regione Lazio per Expo 2015, che ha continuato a svilupparsi anche dopo la fine dell'esposizione universale grazie alle Camere di Commercio di Rieti, Latina e Viterbo, rivolto alla valorizzazione e promozione delle 4 DOP laziali riguardanti questo prodotto di eccellenza, alimento principe della dieta mediterranea, l'olio extravergine di oliva  (DOP Canino, DOP Tuscia, DOP Colline Pontine e DOP Sabina). 
Una delle 4 DOP è proprio quella che riguarda l'itinerario Sabina DOP, attraverso il quale ho potuto scoprire l'Oleificio azienda agricola “Di Mario Daniela” (Tarano – Rieti), visitare il borgo di Magliano Sabina (Rieti) e assaporare un rustico pranzo presso l’Azienda Agricola “Corlando Tre” (Collevecchio – Rieti). Questa è anche la terra di eccellenti tipicità, ben 140 prodotti tipici, tra cui 7 con certificazione DOP e IGP, di questi 7 due vengono prodotti in questo territorio in esclusiva: l'olio extravergine di oliva Sabina DOP e il prosciutto amatriciano IGP. Vale la pena sicuramente ricordare altri prodotti tipici del luogo quali la coppa reatina, il guanciale amatriciano, il lombetto della Sabina e dei Monti della Laga, il Pecorino della Sabina, la porchetta di Poggio Bustone, il Cacio Magno (formaggio a latte ovino con pasta molle e sapore dolce e aromatico), gli amaretti casperiani (dolce tipo meringa con nocciole tostate), la ciliegia Ravenna della Sabina, il vino Colli della Sabina DOC.


L'olio extravergine di oliva Sabina DOP ha origini antichissime (oltre 2000 anni fa), viene prodotto, come spiegato nel disciplinare, nei comuni della provincia di Rieti, e nei comuni in provincia di Roma (Guidonia Montecelio, Fonte Nuova, Marcellina, Mentana, Monteflavio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara Sabina, Sant'Angelo Romano, San Polo dei Cavalieri parte) e in parte a Roma su terreni di origine calcarea. 
E' ottenuto dalla varietà di olive Carboncella, Leccino, Raja, Frantoio, Olivastrone, Moraiolo, Olivago, Salviana e Rosciola per almeno il 75%, analizzandolo sotto il profilo di assaggiatore di olio extravergine di oliva ha un profumo di note erbacee di carciofo ed erba falciata con profumi di menta e rosmarino, degustandolo ha sapore di oliva fresca, il carciofo si conferma anche in bocca, con note amare e piccanti per l'olio appena molito, ha colore giallo oro con sfumatura verde quando è molto fresco, ha un'acidità massima dello 0,60% per 100 grammi di prodotto. L'acidità è l'indicatore della qualità dell'olio, più è alto il valore e più l'olio avrà una qualità inferiore, proprio grazie a questo parametro avviene la classifica merceologica degli oli, questo parametro consente anche di valutare se l'olio, o le olive, hanno subito alterazioni durante tutti i processi che vanno dalla raccolta, al trasporto fino alla trasformazione del prodotti in olio.
Il metodo migliore in assoluto per poter giudicare, e quindi scegliere, un buon olio extra vergine di oliva è proprio quello dell'assaggio diretto, magari proprio all'interno delle aziende produttrici, che sono sempre ben liete di fare assaggiare il loro prodotto. E' essenziale sapere quali sono le importanti particolarità e qualità dell'olio extravergine di oliva:
- il gusto amaro: non è un difetto ma un pregio, vuol dire che contiene polifenoli (che sono dei potenti antiossidanti che aiutano ad limitare il colesterolo), questo è un fattore di qualità dell'olio;
- il gusto piccante: altro pregio, ha un'azione antinfiammatoria, un olio dal gusto delicato darà forse più gradevole al palato ma meno ricco di principi attivi.

La visita ci ha portato all'interno dell'Oleificio azienda agricola “Daniela Di Mario”, con degustazione di olio, l'azienda si trova tra i comuni di Montebuono e Tarano (Rieti), a 350 metri sul livello del mare, qui, seguendo scrupolosamente la tradizione di famiglia, l'azienda si occupa di olio extravergine di oliva biologico, dalla coltivazione, alla raccolta, fino alla spremitura, imbottigliamento e vendita diretta del prodotto.
Questo olio extravergine di oliva, certificato biologico, deriva dalla raccolta di 4 cultivar: Moraiolo, Leccino, Frantonio e Carboncella, ha un odore fruttato e sapore piccante e lievemente amaro. La cura che questa azienda attua nella raccolta a mano direttamente dalle piante di oliva e dalla spremitura a freddo, rigorosamente entro le 24 ore dalla raccolta, fanno si che questo olio sia un prodotto di altissima qualità con un grado di acidità che va dallo 0,20 allo 0,30% per 100 gr di prodotto, quindi al di sotto della soglia del disciplinare.
Azienda agricola Daniela Di Mario
Via S.Andrea, 67 - 02040 Montebuono (RI)
telefono +39 - 0765 - 607663


La nostra giornata prosegue con la visita di Magliano Sabina, comune in provincia di Rieti che si trova in collina, al confine tra Lazio ed Umbria, tra Viterbo e Terni, territorio ricco di prodotti tipici, ma anche di arte e cultura. Terra dell'olio (DOC e DOP) e del vino (DOC e IGT) con un glorioso passato artistico, tante sono le bellezze storiche da ammirare, già percorrendo il centro storico si trovano chiese e palazzi, da palazzo Umbertino della famiglia Solimani Mariotti (di proprietà privata), al Santuario Santa Maria delle Grazie, contenente la Cripta romanica, decorata con affreschi del quattrocento, ricordiamo l'affresco del miracolo del latte di San Francesco e i graffiti di Federico d'Aragona. E poi ancora la Duomo di San Liberatore (o San Liberato), è oggi Concattedrale della Sabina, la chiesa di San Michele, il Museo Civico Archeologico, e ancora l'Archivio Storico di Magliano Sabina che conserva al suo interno documenti in pergamena e cartacei dal XIV secolo al XVII secolo, già restaurati, arrivando fino al Teatro Manlio nel quale si svolge il "Sabina Musica Festival" con concerti di musica classica e il concorso nazionale per pianoforte e musica da camera.




Termina questa interessante giornata il pranzo presso l’Azienda Agricola “Corlando Tre” di Collevecchio (Rieti) a base di prodotti tipici del luogo e una deliziosa torta di mele preparata dalla nipote della proprietaria che ancora ricordo per la sua bontà. L'Azienda Agricola è uno splendido Relais immerso nel verde, tra querce, olivi e vigneti, qui c'è il massimo rispetto per la natura ed estrema cura viene dedicata all'allevano degli animali quali cavalli e mucche della razza limousine. Qui si produce olio extravergine di oliva Sabina DOP ma anche frutta di stagione e ortaggi, tutti prodotti che si possono acquistare.  Ho trovato l'accoglienza cortese e familiare, mi sono sentita completamente a mio. Qui è possibile soggiornare in un grande casale (400 mq) adatto ad ospitare anche gruppi o comitive fino a 14 di persone, ci sono diverse soluzioni di appartamenti e suites con camino o terrazzo, con ingresso e spazi esterni indipendenti, anche su due livelli, il relais è dotato anche di piscina. E' il luogo ideale per rilassarsi, nelle vicinanze è possibile partecipare ad attività immersi nella natura, quali trekking, escursioni, lo sci d'inverno grazie alla vicinanza con il Monte Terminillo, oppure fare arrampicata o rafting grazie alle Cascate delle Marmore, senza dimenticare che l'azienda affitta mountain bike per girare i luoghi in autonomia e godere delle bellezze naturali del territorio.
Azienda Agricola Corlando Tre


11 commenti:

  1. Giusto giusto oggi al TG3 hanno parlato dei coloranti che vengono utilizzati nelle olive...in questo caso si vede benissimo la semplicità e naturalezza di queste olive che danno vita ad un olio straordinario, lo conosco bene!

    RispondiElimina
  2. abbiamo in Italia degli oli straordinari, grazie per queste preziose informazioni, un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Grazie mille cara Silvia per queste utilissime informazioni, acquistare un olio di qualità come lo è senza ombra di dubbio questo è molto importante per la qualità dei piatti da noi realizzati e in primo luogo per la nostra salute, considerate le sue innumerevoli proprietà:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  4. Grazie Silvia per queste preziose informazioni., e per avermi fatto conoscere questa zona del Lazio.Sono luoghi e prodotti che meritano di essere valorizzzate . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  5. Alcuni prodotti che hai citato li conosco e sono eccezionali. Grazie per il post.

    RispondiElimina
  6. post molto interessante perchè ricco di suggerimenti preziosi. Bellissima iniziativa, grazie!!!

    RispondiElimina
  7. In Italia abbiamo ovunque olio spettacolare!

    RispondiElimina
  8. Adoro l'olio e sono una cultrice di quello italiano!

    RispondiElimina
  9. Conoco molto bene la Sabina e il suo olio, favoloso!

    RispondiElimina
  10. il nostro olio è patrimonio dell' Umanità per la sottoscritta! Speriamo venga protetto a lungo! Bacioni

    RispondiElimina
  11. un buon olio d'oliva è quello che fa la differenza in cucina :-) ottima segnalazione

    RispondiElimina