pane al cacao

...non ho mai pensato di preparato un pane dolce...così nasce questa ricetta adattata da un pane "normale" dal libro My bread di Jim Lahey...devo dire che il risultato è stato soddisfacente, questo pane è poco dolce e si abbina a tantissime cosa, in primis la colazione...volendo posso anche riprovare a farlo con l'aggiunta di frutta secca, per esempio...per una colazione da campioni! Buon inizio settimana! 


ingredienti (ricetta liberamente tradotta dal libro My bread di Jim Lahey):
400 g di farina da pane
2 cucchiai di cacao amaro
100 gr zucchero
15 g di lievito di birra
240 ml di acqua
60 ml di olio di semi leggero
1 pizzico di sale
crusca di frumento, farina di mais, o farina supplementare per spolverare

in abbinamento:
composta di pere Williams Cavazza 1898

1) In una ciotola, mescolate insieme la farina, il cacao, lo zucchero, il lievito, il pizzico di sale e in ultimo l'olio di semi leggero. Aggiungere l'acqua e, usando un cucchiaio di legno o la mano, mescolare fino ad ottenere un umido, impasto appiccicoso, per circa 30 secondi. Assicuratevi che sia davvero appiccicosa al tatto; se non lo è, mescolare in un altro cucchiaio o due di acqua. Coprite la ciotola con un piatto, tovagliolo di tè, o pellicola trasparente e lasciate riposare a temperatura ambiente (circa 72 gradi F), con la luce solare diretta fuori, fino a quando la superficie è costellata di bolle e l'impasto è più che raddoppiato. Questo richiederà un minimo di 12 ore e (la mia preferenza) fino a 18 ore. Questa lenta ascesa - fermentazione - è la chiave per sapore.

2) Quando la prima fermentazione è completa, spolverare generosamente una superficie di lavoro (un tagliere di legno o plastica va bene) con la farina. Utilizzare un raschietto ciotola o spatola di gomma per raschiare la in un unico pezzo. Quando si inizia a tirare l'impasto dalla ciotola, la pasta rimane aggrappata (questo è il glutine sviluppato) e sarà abbastanza sciolto e appiccicoso - non aggiungere altra farina. Utilizzare mani leggermente infarinata o un raschietto ciotola o spatola per sollevare i bordi della pasta verso il centro. Spingere e infilare nei bordi della pasta per arrotondarlo. 

3) Posizionare un cotone o lino canovaccio (non spugna, che tende ad attaccare e lasciare pelucchi nella pasta) o un grande tovagliolo di stoffa sulla superficie di lavoro e generosamente spolverare il panno con crusca di frumento, farina di mais, o farina.
Usare le mani o con un raschietto ciotola o una spatola di legno per sollevare delicatamente la pasta, mettere la cucitura laterale verso il basso. Se la pasta è di cattivo gusto, spolverare leggermente la parte superiore con crusca di frumento, farina di mais, o farina. Piegare le estremità del telo liberamente sopra la pasta per coprirlo e metterlo in un posto privo di correnti, al caldo a lievitare per 1-2 ore. L'impasto è pronto quando è quasi raddoppiato. Se si pigia delicatamente con il dito  dovrebbe detenere l'impressione. Altrimenti lasciate lievitare per altri 15 minuti.

4) Mezz'ora prima della fine della seconda lievitazione, preriscaldare il forno a 240°, con una cremagliera nella terza posizione inferiore e mettere la pesante pentola al centro del cremagliera

5) Utilizzando le presine rimuovere completamente la pentola dal forno preriscaldato e scoprirla, aprire il canovaccio, spolverare leggermente la pasta con farina o crusca, sollevare la pasta, sia sul telo o in voi mano, e capovolgere delicatamente ma rapidamente nella pentola, dal lato della cucitura in alto (usare cautela - il piatto sarà molto caldo) coprite la pentola e cuocere per 30 minuti.

6) Rimuovere il coperchio e continuare la cottura fino a quando diventa di colore marrone intenso ma non bruciato, da 15 a 30 minuti in più, quindi mettere il pane su una griglia a raffreddare completamente. Non tagliare o strappare fino a quando non si è raffreddato, che di solito richiede almeno un'ora.

7) Ho servito per la colazione con una composta di pere Williams in abbinamento.

24 commenti:

  1. Il procedimento mi sembra decisamente laborioso, ma..... guarda qui che risultato!! Direi perfetto! Che sapore Silvia, bravissima ^_^

    RispondiElimina
  2. Che bello il tuo pane Silvia, perfetto per una colazione in pieno relax!!

    RispondiElimina
  3. Wow, interessante il tuo pane al cacao ! Penso che merita essere provata questa ricetta.
    ciao e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  4. Molto molto interessante e devo dire che mi stuzzica molto l'idea di aggiungere la frutta secca :)
    Bravissima!
    Buona settimana

    RispondiElimina
  5. Ma daiiii il pane al cacao, fantastico.
    i abbraccio

    RispondiElimina
  6. che meraviglia.....l'ho fatto una volta al cacao misto ed era buono e come scrivi tu adatto al dolce e al salato....perfetto per la prima colazione!

    RispondiElimina
  7. che sfiziosa idea...da provare
    ciaoo

    RispondiElimina
  8. E' delizioso.... per la prima colazione poi è l'ideale! Un bascione cara!!

    RispondiElimina
  9. Silvia è meraviglioso, buonissimo..mi attira e ispira troppo:))bravissima come sempre, complimenti:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  10. Ma io lo adoro questo tuo pane al cacao!!! E' perfetto Silvia!!!

    RispondiElimina
  11. Una bella e buonissima idea per ogni momento della giornata
    Un abbraccio Silvia

    RispondiElimina
  12. Ma che ricetta originale e interessante Silvia!! Sempre super creativa tu...bravissima!!! Baci, Mary

    RispondiElimina
  13. Wow, mi piace davvero molto. Prot una bella e golosa idea. Un bacio

    RispondiElimina
  14. Un pane delizioso, trovo che con la composta alle pere ci stia benissimo. baci cara

    RispondiElimina
  15. Chissà che buono questo pane al cacao e che profumino!! poi con la composta di pere sopra qualcosa di veramente sublime..una coccola per il nostro palato!!!

    RispondiElimina
  16. non l'ho mai provato il pane al cacao, ma che dirti me ne sto pentendo amaramente. Devo rimediare!!!

    RispondiElimina
  17. col pane ci vado a nozze! mai provato al cacao...

    RispondiElimina
  18. bello e buono brava amica mia.......... quasi quasi ci provo anche io se avrò mai del tempo!

    RispondiElimina
  19. pane al cocco vorrei provarlo,mi è davvero nuova

    RispondiElimina
  20. questo pane ha una marcia in più ! Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Una bella ricetta , ideale per la colazione . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  22. Il pane al cacao mi piace proprio tanto. Proverò anche questa tua ricetta!

    RispondiElimina