Tartufo bianco delle Crete Senesi


Le Crete Senesi sono la zona a sud-est della città di Siena, che include i territori comunali di Asciano, Buonconvento, Monteroni d'Arbia, Rapolano Terme, San Giovanni d'Asso e Trequanda, tutti in provincia di Siena, ai piedi del Monte Amiata. Qui potete trovare un'utile brochure che vi spiega le bellezze e la storia delle Crete Senesi.


Crete d'autunno 2013. L'uomo, il cane e i prodotti di eccellenza delle Crete Senesi: questi i protagonisti della XXVIII Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi organizzata dal Comune di San Giovanni d'Asso in collaborazione con l'Associazione Tartufai Senesi nei due week end centrali di novembre, il 9-10 e il 16-17. E questa imperdibile occasione di conoscere da vicino il tuber magnatum pico è stata presentata il 5 ottobre a Roma, durante la conferenza stampa che si è tenuta presso la Sede Nazionale ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani alla presenza del Sindaco di San Giovanni d'Asso Michele Boscagli, la Presidente del Consorzio DOC Orcia Donatella Cinelli Colombini e Sergio Pinarello dell'Associazione Tartufai Senesi.
“Anche per la ventottesima edizione - ha spiegato il Sindaco di San Giovanni d'Asso Michele Boscagli durante la presentazione - si conferma la formula che vede il Diamante Bianco delle Crete Senesi al centro della scena, con una serie di iniziative a carattere gastronomico ma anche culturale a fare da scenografia a questi due fine settimana all'insegna del gusto. Torna il Bussino del Gusto per condurre i visitatori in un tour alla scoperta dei sapori tipici del territorio direttamente nelle aziende, le visite al Museo del Tartufo unico in Italia, le degustazioni gratuite in abbinamento con distillati, gelato artigianale, caffè e cioccolato, i menù a tema nei ristoranti del territorio, le aperi-cene nelle strade del borgo, la musica e gli spettacoli degli artisti di strada, il Treno Natura da Siena e Grosseto e soprattutto la “cerca” nell'area tartufigena del Mabbione con l'Associazione Tartufai Senesi”.
E se la stagione della raccolta prosegue come è iniziata ci sarà di che divertirsi: “Sulla base degli esiti della prima fase di cerca iniziata il 10 settembre, quella in corso si prospetta un'annata molto interessante per il Tartufo Bianco delle Crete Senesi – ha precisato Sergio Pinarello dell'Associazione Tartufai Senesi – sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. Lo scorso anno la scarsa quantità di tartufi rinvenuti aveva fatto lievitare i prezzi fino a 5000 euro al kg, mentre quest'anno la raccolta più abbondante dovrebbe permettere di contenere anche le quotazioni. Trattandosi di un prodotto naturale il suo destino è legato al clima: se si manterrà regolare con la giusta combinazione di piogge e sole allora l'annata sarà ottima”.
Tartufo in primo piano quindi, ma con un piccolo focus su un'altra eccellenza del territorio, i vini della DOC Orcia, protagonisti di degustazioni in abbinamento ai pecorini senesi - nell'ambito del “Premio Sapori Senesi – XVI edizione” organizzato con il contributo del Consorzio Agrario Provinciale di Siena - ma soprattutto della performance di sabato 9 novembre della Chef Katia Maccari del ristorante stellato Michelin Il Patriarca a Chiusi (SI), che preparerà in diretta un piatto a base di Tartufo Bianco delle Crete Senesi in abbinamento proprio ai vini della DOC Orcia.
“E' nel contesto di artigianalità e forte radicamento del territorio di riferimento della DOC Orcia costituito da 13 comuni tra cui anche San Giovanni d’Asso – ha spiegato la Presidente del Consorzio Orcia DOC Donatella Cinelli Colombini – che nasce il progetto “Orcia il vino più bello del mondo”, con l’obiettivo di trasformare i turisti presenti nel territorio in consumatori ed estimatori attraverso percorsi di “Trekking del Vino”, che in questo caso si coniugano con altre eccellenze del territorio quali tartufo e olio extravergine. Nel territorio di San Giovanni d'Asso sono già 50 i chilometri parzialmente attrezzati, che il turista potrà vivere da protagonista partecipando ad esempio al contest fotografico organizzato in collaborazione con la Pro Loco di San Giovanni d'Asso e il Consorzio del Vino Orcia DOC”.
Tra gli altri eventi in calendario nel fine settimana di sabato 16 e domenica 17 novembre, la premiazione del contest fotografico “Il trekking del Vino e del Tartufo”, l'incontro su “Le Crete Senesi e l’agricoltura: confronto tra esperti sulle nuove opportunità di mantenimento del paesaggio e di sviluppo futuro dell’agricoltura e delle aziende agricole” e la consegna del Premio Internazionale “Un tartufo per la pace”, insignito della medaglia del Presidente della Repubblica Italiana.
Qui trovate il programma completo di tutta la manifestazione.
Per informazioni e prenotazioni contattare il 3497504247 - 0577718811 (Biancane Servizi al Turismo)




La Val d'Orcia è una valle situata in Toscana, nella provincia di Siena e in parte di quella di Grosseto, a nord e sud del Monte Amiata, attraversata dal fiume Orcia. I comune che fanno parte della Val d'Orcia sono Castiglione d'Orcia, Montalcino, Pienza, Radicofani, e San Quirico d'Orcia. Altri centri importanti sono Contignano, Monticchiello, Bagno Vignoni, Rocca d'Orcia, Campiglia d'Orcia, Bagni San Filippo, Vivo d'Orcia. Sono localizzate in val d'Orcia anche alcune località della provincia di Grosseto come Montenero d'Orcia e Montegiovi, frazioni del comune di Casteldelpiano. I prodotti tipidi di queste terre, molto conosciuti e apprezzati sono i Pici, i salumi della Cinta Senese, il Pecorino di Pienza, il Brunello di Montalcino e la nuova denominazione del vino DOC Orcia. La valle è anche un importante parco, naturale, artistico e culturale, e dal 2 luglio 2004 è stato riconosciuto patrimonio mondiale dell'Umanità dall'UNESCO. Qui trovate il portale con utili informazioni.

IL TERRITORIO DELL'ORCIA DOC: comprende 13 comuni del Sud del senese: Buonconvento, Castiglion d’Orcia, Pienza, Radicofani, San Giovanni d’Asso, San Quirico d’Orcia, Trequanda. Parte di Abbadia San Salvatore, Chianciano Terme, Montalcino, San Casciano dei Bagni, Sarteano e Torrita di Siena.
Orcia una denominazione con tanti vini: nata il 14 febbraio 2000 la tipologia  Orcia  ottenuto da uve rosse con almeno il 60% di Sangiovese. Orcia “Sangiovese” con almeno il 90% di Sangiovese, entrambe anche nella tipologia “Riserva”. Della denominazione Orcia fanno parte le tipologie bianco, rosato e  vin santo. Qualche dato del Vino Orcia Doc del 2012:
- 153 ettari rivendicati su un potenziale di 400
- 207.000 bottiglie prodotte 
- 43 cantine  
DOC ORCIA I MOTIVI DI UNA GRANDE SFIDA:
- salvaguardare il paesaggio agricolo più bello del mondo,
- un paesaggio che crea turismo, sviluppo e occupazione,
- un paesaggio che non deve trasformarsi in una Disneyland contadina di seconde case milionarie, in qualcosa di finto,
- sostenere l’agricoltura e l’occupazione in agricoltura potenziando il prodotto con più capacità di 
reddito e qualificazione produttiva : il vino.
Il vino Orcia ha una spiccata personalità; la varietà base a bacca rossa è il Sangiovese, il tradizionale vitigno di antica coltivazione che contraddistingue tutti i più importi rossi della Toscana. Inoltre, sono coltivati anche altri vitigni di antica coltivazione quali il Canaiolo nero, il Colorino e il Foglia Tonda.
In percentuale più bassa sono coltivati anche le classiche varietà internazionali quali: Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Syrah e Petit Verdot. Sul versante dei vitigni a bacca bianca oltre ai tradizionali Trebbiano Toscano e alla Malvasia, sono coltivati in prevalenza Chardonnay e Sauvignon.  Per informazioni sul Consorzio qui.

(si ringrazia per le informazioni e foto i rispettivi siti dei Comuni, del Consorzio DOC ORCIA  e l'Ufficio Stampa)

77 commenti:

  1. Molto interessante l'articolo e sarà sicuramente una bella manifestazione ma ti sembrerà strano,il tartufo,sia bianco che nero non mi piace,non sò perchè ma quel profumo intenso mi da fastidio terribilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti capisco Lucia, guarda io adoro il tartufo invece il mio compagno non lo ama proprio per il suo profumo intenso, come succede a te ;)

      Elimina
    2. Concordo anche io sul fatto che sia un bell'articolo, ma a differenza di Lucia io AMO il tartufo! In ogni forma, colore e accompagnato a qualsivoglia cibo! XD

      Elimina
    3. Io credo di non avere mai mangiato il tartufo nero o bianco. E... buon viaggio nelle Crette senesi.

      Elimina
  2. So che sono buonissimi io non li ho mai provati, costano parecchio ma prima o poi liproverò si vive una volta sola!

    RispondiElimina
  3. Molto interessante questo tuo post, non conosco questi posti ma la manifestazione è di sicuro interesse per gli amanti del tartufo, io confesso non li ho mai mangiati ma vorrei assaggiarli!

    RispondiElimina
  4. adoro il tartufo, il fine settimana scorso siamo stati al motoraduno organizzato nella città di sant'angelo in vado (urbino) e c'era la festa del tartufo! devo dire che mi piace molto... e un piatto di tagliatelle con il tartufo bianco non ce l'ha levato nessuno.... :-)

    RispondiElimina
  5. il tartufo è uno dei più raffinati ingredienti in cucina ed io l'adoro, molto bella la manifestazione peccato sia troppo lontana per me

    RispondiElimina
  6. sebbene non ami il profumo e il gusto del tartufo ho letto con interesse il post informativo! sempre utilissimo sapere :*
    bacio tesoro

    RispondiElimina
  7. so che il tartufo è buonissimo peccato che non lo abbia mai assaggiato però sono molto curiosa di farlo

    RispondiElimina
  8. Io adoro il tartufo, solo quello bianco non ho mai assaggiato per ragioni di costo. Adoro i tortelli di patate con il tartufo o semplicemente i tagliolini, anche se nei ristoranti della mia zona sono diventati piatti proibiti per via del prezzo. Bellissima presentazione, davvero complimenti

    RispondiElimina
  9. quanto mi mancano queste manifestazioni, mannaggia ad essee così lontani la nostalgia si fa fortissima

    RispondiElimina
  10. molto interessante questi prodotti e la manifestazione grazie della info tesoro

    RispondiElimina
  11. il tartufo lo sappiamo tutti, e un prodotto molto pregiato, ad essere sincera sai che non l'ho mai provato???????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sarebbe piaciuto esserci a quell'evento, peccato non essere vicina. Il tartufo è molto pregiato e con un sapore e profumo unici

      Elimina
  12. ..Il tartufo è qualcosa di eccezionale e sopratutto molto ricercato..a me piace tantissimo e ogni volta che vado a fare una gita fuori porta da queste parti non posso non mangiarlo!!! La manifestazione è molto interessante...

    RispondiElimina
  13. Davvero interessante questa Manifestazione ..mi sono segnata le date anche perchè questa zona d'Italia mi piace davvero tanto e non è molto distante da me!!! e poi io adoro il tartufo mi piace davvero tanto!!!

    RispondiElimina
  14. grazie per info preziosissime, prima o poi devo assolutamente provarlo!!!!

    RispondiElimina
  15. Tempo fa avevo provato il formaggio al tartufo. Ricordo perfettamente il sapore e le sensazioni provate perchè l'ho assaggiato vicino alle grotte di Frasassi! Da provare assolutamente anche questo senese *.*

    RispondiElimina
  16. Speriamo veramente che la raccolta più abbondante permettere di contenere i costi di questo prodotto in genere piuttosto proibitivi!

    RispondiElimina
  17. interessante questa manifestazione, ti confesso però che a me non piac tanto il tartufo mentre mio marito lo adora!

    RispondiElimina
  18. Il tartufo è una cosa che mi letteralmente perdere la testa!
    ti aspetto da me …nuovo post!
    Nameless Fashion Blog
    Nameless Fashion Blog Facebook page

    RispondiElimina
  19. mi verrebbe solo da dire...ma che c.lo....chi l'ha trovato!!!!
    bacioni cara

    RispondiElimina
  20. Una bella manifestazione, il profumo del tartufo è inebriante.
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Video outfit YOUTUBE
    Kiss

    RispondiElimina
  21. Mamma mia che grande!!
    Chissà che buon saporino..
    Un bacio e buon pomeriggio carissima amica.
    Inco

    RispondiElimina
  22. i tartufi sia bianco che nero sono eccezionali, peccato che nella mia zona non è abbastanza rifornita. bellissima manifestazione e anche l'articolo molto carino.

    RispondiElimina
  23. A gennaio sono finalmente riuscita a far apprezzare al mio ragazzo il tartufo! :D
    Vedere e leggere queste cose mi accendono l'acquolina...

    RispondiElimina
  24. wow che bella manifestazione!!:) Lo devo far vedere ai miei genitori loro amano il tartufo, a me purtroppo non piace!!!:) baciiii

    RispondiElimina
  25. Bellissimo post ricco di informazioni ed immagini, sai che... sembra quasi di sentirne il profumo??? Bontà divina!!!!
    Un bacione cara!!!

    RispondiElimina
  26. Peccato esser così lontana da questi luoghi, la manifestazione sarà sicuramente molto bella. Il tartufo in piccole dosi e in alcune ricette mi piace particolarmente.

    RispondiElimina
  27. devo dire che nemmeno a me piace il tartufo, solo quello gelato :)

    RispondiElimina
  28. io non ho ancora avuto la fortuna di provare il tartufo,pero' com'è bello grande...varra' davvero una fortuna ;)

    RispondiElimina
  29. mi piacerebbe partecipare a queste manifestazioni, io adoro il tartufo e ogni tanto lo compro per qualche piatto d'effetto e speciale

    RispondiElimina
  30. a piccole dosi il tartufo rende i piatti autunnali assolutamente eccezionali! chissà che bella manifestazione sarà!

    RispondiElimina
  31. Una bellissima Manifestazione, peccato non potervi prendere parte, il mio papà è un grande apapssioato di funghi avrebbe molto apprezzato.

    RispondiElimina
  32. Avrei partecipato volentieri a questa manifestazione sul tartufo, a me piace da morire!

    RispondiElimina
  33. Molto interessante questa manifestazione,dovrei dirlo al mio compagno che fa il cavatore.
    è vero quest'anno il tartufo è calato di molto come prezzo e quindi per chi non ha la fortuna di convivere con un cavatore farebbe bene ad approfittare.:-)

    RispondiElimina
  34. Devo dire che io non amo il tartufo,ha un odore che non mi piace per nulla.Sicuramente per grandi estimatori sarà un prodotto pregiato ma per me no :(

    RispondiElimina
  35. Manuela Salmastri24 ottobre 2013 20:49

    io amo il tartufo ma mia mamma non ama il suo profumo. però mi hai fatto venire voglia di pappardelle funghi e tartufo

    RispondiElimina
  36. Per gli strepitosi vini della Val d'Orcia mi prenoto, sui tartufi invece non mi entusiasmo perché hanno odore e sapore che i miei due sensi proprio rifiutano. Al di là dei gusti personali, la manifestazione è interessante, mi piacerebbe viverla ma non vivo vicino. Peccato.

    RispondiElimina
  37. Parli del tartufo!?!?!? Anche qui a Gubbio, la mia città, c'è una mostra dedicata al Tartufo, molto bella per giunta!
    marti
    Glamour Marmalade

    RispondiElimina
  38. wow che bella manifestazione!!:)

    RispondiElimina
  39. scusa, dimenticavo: www.pescaralovesfashion.com :-)

    RispondiElimina
  40. Mai mangiato un tartufo in vita mia, ma dopo aver letto questo post ne ho proprio voglia!

    RispondiElimina
  41. a me purtroppo non piacciono! questioni di gusti! :)
    però ottimo il tuo post!
    Kiss. Laura Attacchidiclasse

    RispondiElimina
  42. Un post davvero interessante, ricco di notizie e di curiosità anche se io non sono un'intenditrice perché non amo il profumo del tartufi!

    RispondiElimina
  43. Sono amante alla follia del tartufo, tutte le informazioni sono per me oro colato, e che bella manifestazione!!

    RispondiElimina
  44. una manifestazione fantastica!!x i vini ed i tartufi...un sapore e gusto che non a tutti piace..io lo apprezzo a piccole dosi..mia sorella invece ne va matta..
    trovo cmq che i tartufi abbiano un fascino particolare e trovarne è davvero un0impresa

    RispondiElimina
  45. io sono un'amante del tartufo, il tuo articolo è molto interessante e la manifestazione bellissima

    RispondiElimina
  46. non sono una appassionata di tartufo... non mi pioace molto, ma mia mamma ne va matta!

    RispondiElimina
  47. Questa volta passo, non amo i funghi!

    RispondiElimina
  48. O mio DIO! io amo il tartufo!!! lo adoro!! e se non c'è mi va bene anche tutto ciò che è tartufato..salse & co! ahaha

    RispondiElimina
  49. IO amo il tartufo!! che buono!!
    Facebook: www.facebook.com/laviecestchic
    Blog:Http://laviecestchic.blogspot.it

    RispondiElimina
  50. Io amo tartufo, quanto vorrei essere vicino per andarci a questa manifestazione

    Cultureandtrend Blog
    CultureandTrend Facebook

    RispondiElimina
  51. beh io tartuferei da mattina a sera nel senso che mi piace il sapore e anche l'odore intenso ...un articolo ricco di informazioni interessantissime!

    RispondiElimina
  52. .... mhmm.... non mi piace il sapore del tartufo :) è strano da vedere ihihhi sembra una patata gigante!!

    ELIZABETH BAILEY BLOG
    BLOGLOVIN
    twitter

    RispondiElimina
  53. Per gli amanti del tartufo sar§a sicuramente una manifestazione interessante.

    RispondiElimina
  54. Da me nei giorni scorsi si è svolta la fiera del Tartufo ad Alba,di sicuro il tartufo ha un sapore che non a tutti può piacere,ma una bella pasta fatta in casa con una grattata di tartufo fresco è sempre ben gradita..

    RispondiElimina
  55. queste sono le manifestazione che preferisco, veramente interessante. Alla scoperta di sapori, ti ringrazio per le informazioni, veramente interessanti.
    Complimenti.

    RispondiElimina
  56. adoro le manifestazioni in cui si mettono in risalto le risolte territoriali a ischia salsiccia carne coniglio,mi piacerebeb tantissimo partecipare a una manifestazione diversa gustare prodotti non nostrani insomma uno scambio culturale sappiamo benissimo che a tavola si decidono i destini del mondo!serio tartufo da una aprte coniglio dall'altra sarebeb bellissimo

    RispondiElimina
  57. io tartufo è una prelibatezza, non ne ho mai visto uno da vicino...ma trovo che sia meraviglioso!

    RispondiElimina
  58. Non vado esattamente d'accordo con il tartufo, ma adoro le manifestazioni come quella che ci presenti...che siano sagre, mostre mercato o simili. Sanno di popolare, di paesano, di italiano! E poi la Toscana...che meraviglia. La Val D'Orcia mi manca, speriamo di riparare alla mancanza al più presto.

    RispondiElimina
  59. non sopporto ne l'odore ne il sapore del tartufo :/ sono l'unica?

    RispondiElimina
  60. Adoro il tartufo, mi piace ogni tanto approfittare di un ristorante vicino a casa per poterne godere un po'... bellissimo e interessantissimo post... mi piacerebbe tenerne un po' a casa da utilizzare quando necessario, secondo te come si può fare?

    RispondiElimina
  61. Molto interessante questo post!! Peccato che io odi il tartufo! :S

    RispondiElimina
  62. il profumo del tartufo è inebriante : adoro!

    Con affetto, THIS IS ME! Fashion Blog

    RispondiElimina
  63. Ne fai una più del diavolo, come sempre ;-) e sei sempre esaustiva nelle tue descrizioni.
    Adoro il tartufo!!!!

    RispondiElimina
  64. Il tartufo è una vera prelibatezza!

    RispondiElimina
  65. Risposte
    1. Be.. che dire; mi fa piacere cghe apprezziate la manifestazione ... magari veniteci a trovare .... un consiglio quando andate a ristorante fatevi grattare il tartufo sul piatto... non fidatevi di olii tartufati e salse che sono fatte con tutto tranne che con il tartufo .. se va bene c'è il 3% di tartufo e neanche bianco

      Elimina
  66. questo è proprio delle mie zone, lo conosco bene! buonissimo

    RispondiElimina
  67. Ne vorrei anche un solo pezzo di quel tartufo.. ah, cosa ci farei!!! :)

    RispondiElimina