patata con uovo e tartufo bianco


Oggi un bellissimo doppio appuntamento, il pretesto di questa semplice ricetta è quello per introdurre un nuovo, graditissimo, ospite: Rocacambo. Ebbene si, da oggi questo sito ospita gli interventi di Rocacambo (tra i quali anche interviste a Chef stellati), lo pseudonimo dietro cui si cela un giornalista di una grande testata nazionale. Con questa firma, che omaggia l’esploratore italiano Pietro Brazzà, racconterà per noi i suoi viaggi nelle terre dei sapori, i suoi incontri con i protagonisti del cibo in Italia. Si parte dalle Langhe, tra i boschi e le colline in cui da qualche settimana è partita la caccia al tartufo. Con un alleato indispensabile: il cane.
Qui trovate la ricetta, semplicissima, perchè il tartufo bianco pregiato non ha bisogno di tante manipolazioni nelle ricette e, subito sotto, l'articolo di Rocacambo (in basso trovata la ricetta).

Tra i boschi con gli studenti a quattro zampe Nelle Langhe l’università dei cani da tartufo (di Rocacambo)

Nell'aula, al caldo e con le ciotole ben rifornite, ci sono un paio di matricole. Studenti rigorosamente a quattro zampe, come da requisito per l’ammissione. Un bracco arrivato il giorno prima da Cuneo e un meticcio che viene da Torino. Hanno appena terminato la lezione di teoria nel cortile. Il Barot li squadra e ne sceglie uno, il torinese, per la pratica. Andrà lui per primo nel bosco e così si scoprirà quanto è fine il suo naso.
Benvenuti a Roddi, piccolo paesino alle porte di Alba, in Piemonte, benvenuti nella prima università per cani da tartufo. L’insegna, nel casolare che affaccia sulla piazzetta del castello medievale, specifica che questa originale accademia è stata fondata nel 1880. Giovanni Monchiero, il rettore, è il discendente alla quarta generazione della dinastia Barot che da sempre anima i corsi. Barot IV, di conseguenza, il suo titolo. 
“Quando mi affidano un cane”, spiega Monchiero, “mi bastano pochi giorni per capire se è predisposto alla ricerca del tartufo. E’ una questione d’istinto e di olfatto, non di razza o pedigree. Anzi sono proprio gli incroci, i cosiddetti “tabui”, a scovare i migliori diamanti delle Langhe”. Non ci sono limiti per l’iscrizione: qualsiasi cane, anche quello metropolitano, una volta addestrato, può portare a casa buoni risultati e dare discrete soddisfazioni quando poi lo libera nei boschi. “A parte quelli che io chiamo cani da divano”, specifica il Barot tradendo le sue antipatie.
Ma qual è la tecnica per insegnare al cane come scovare il prezioso tubero, che poi in realtà dal punto di vista biologico è un fungo? Risponde Monchiero:  “L’insegnamento inizia con la scuola base per abituare l’animale a distinguere il profumo del tartufo. I cani sono ghiotti di tartufo, dunque è necessario proteggere le trifole con un involucro di plastica, forato per lasciar passare gli odori. Poi si nascondono le trifole sempre più in profondità e ogni volta che l’animale riesce a stanarle, viene premiato con gustose crocchette. Si crea così l’associazione: rendi il tartufo e ricevi il premio. Solo in una terza fase, dopo le ricerche simulate, si portano i cani nel bosco, anche più volte al giorno, per addestrarli alle ricerche vere e proprie. Ma è anche importante avere un rapporto affettuoso con l’animale, parlargli e accarezzarlo”.
Ci vogliono due o tre settimane per laurearsi nell'ateneo di Roddi. Anche se, spiega il Barot, per formare un fuoriclasse non bastano i mesi. Racconta: “Anche se i tartufi, tra bianchi e neri, ci sono quasi tutto l’anno, l’addestramento s’intensifica in estate e in autunno e viene sempre effettuato con un cane per volta”. 
E i costi? “Per far frequentare la scuola al proprio cane il costo è all’incirca come quello di una retta universitaria vera e propria. Ma un buon cane da trifola addestrato può essere pagato poi 10.000 euro o anche di più. Il gioco insomma vale la candela”.
A ridosso dell’università, la famiglia Monchiero ha allestito anche un piccolo museo che racconta il mestiere del trifolau, come nelle Langhe chiamano il cercatore di tartufi. Raccoglie in pochi metri quadrati tantissime curiosità intorno al pregiatissimo bianco di Alba. Fotografie (come quella del presidente americano Truman con un tartufo da due chili e mezzo in mano, dono dei trifolau langaroli), dipinti, documenti, ma anche gli attrezzi per la ricerca come zappette, bastone, lanterne. 
Il Barot mostra con orgoglio un vecchio registro: “Qui sono annotati alcuni ritrovamenti eccezionali, come una trifola da 1130 grammi raccolta nel 1913, una da 800 grammi nel 1914, mentre accanto al 1915 figura la parola siccità, principale nemico del tartufo”. 
Interessanti poi alcune testimonianze inedite del museo. Come quella che racconta l’amore per il Tuber magnatum Pico, questo il nome scientifico del tartufo, da parte di Joe di Maggio, ultimo marito di Marilyn Monroe e campione italo-americano di baseball: “Dopo aver letto un articolo di “Selezione dal Reader Digest” dedicato all’università dei cani da tartufo di Roddi – dice Monchiero - chiese a un suo amico di arrampicarsi fino al paesino piemontese per acquistare il migliore “truffle dog” dell’allevamento. Missione compiuta: il cane venne acquistato per la modica cifra di 150 dollari”. 


ingredienti per 2 persone:
2 patate di media grandezza
2 uova
pepe bianco
sale
tartufo bianco
*piatto porcellane linea Daisy CASA BUGATTI

Ho cotto le 2 patate in forno, con la buccia, per 1 ora circa a 180°, quindi le ho estratte dal forno, tagliato la calotta, senza staccarla del tutto, scavate leggermente, la patata è diventata così un contenitore, ho messo l'uovo, ho regolato di sale e pepe, e ho rimesso in forno per 5 minuti con il grill a 160°, quindi le ho estratte dal forno e ho aggiunto il tartufo bianco affettato. 


57 commenti:

  1. Che buona, non ho mai fatto le patate ripiene devo provare questa tua ricetta!

    RispondiElimina
  2. Questa ricetta dev'essere buonissima, faccio anch'io le patate con le uova ma non le ho mai fatte nè assaggiate con il tartufo, grazie le proverò!

    RispondiElimina
  3. Deve essere decisamente deliziosa questa patata ripiena poi con quel tocco di classe del tartufo bianco..mmmm..buonissima..io non ho mai lrovato a fare le patate ripiene ma se mai decidisse di farle prednerò di sicuro spunto dalla tua ricetta!!!

    RispondiElimina
  4. mhhhh una cosa fantastica! abbinamento perfetto! ciao Silvietta! :)

    RispondiElimina
  5. patate uova e tartufo sono un mix strepitoso, curiosa di seguire gli interventi di Rocacambo

    RispondiElimina
  6. Buonissima!
    Ti auguro una serena giornata.

    RispondiElimina
  7. Un bellissimo articolo quello di Rocacambo e deliziosa l' idea di mettere l' uovo e il tartufo dentro la patata.baci cara.

    RispondiElimina
  8. A parte la ricette,che come sempre è buonissima,mi piace tantissimo questa nuova rubrica che seguirò,sicuramente sempre,complimenti.

    RispondiElimina
  9. deve essere proprio buona, non l'ho mai assaggiata devo provarla

    RispondiElimina
  10. un piatto semplice, ma ricco di gusto e sapore...adoro il tartufo bianco, per me è una delle cose più buone in assoluto!!

    RispondiElimina
  11. molto invitante questa ricetta, chissà poi che delizia!!!! credo proprio che cercherò di realizzarla..

    RispondiElimina
  12. E anche oggi mi presenti qualcosa di incredibile *.*

    RispondiElimina
  13. oltre che invitanta sarà deliziosa questa patata ripiena con il tartufo bianco!

    RispondiElimina
  14. Un piatto stupendo, io adoro il tartufo!!!!

    RispondiElimina
  15. Che idea golosissima!!!Mi piace da morire questa patata ripiena :) ciao ciao

    RispondiElimina
  16. Ottima presentazione di un piatto saporito!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. sembra assolutamente ottimo! :-)
    www-pescaralovesfashion.com

    RispondiElimina
  18. adoro il tartufo in tutte le salse!!! dev'essere squisito fatto in questo modo!!!

    RispondiElimina
  19. Fantastica questa idea... La rifarò sicuramente! Grazie!

    RispondiElimina
  20. Ma dai!!!Una ricetta strepitosa!!!Te la rubo subito!!Qui a casa mettiamo il tartufo bianco direttamente sull'uovo oppure sempre sull'uovo ma in cocotte!Questa alternativa mi piace un sacco visto che mi piacciono le patate!

    RispondiElimina
  21. che carina questa ricetta, molto interessante, adoro le patate cotte in questo modo... mi manca il tartufo bianco pero'...se no avrei provato anche stasera.

    RispondiElimina
  22. Carissima che sfiziosa ricettina , sempre idee originali e gustose!
    Brava

    RispondiElimina
  23. E anche oggi mi intrufolo zitta zitta quatta quatta per vedere la ricettina che ci proponi.. e che dire, qui hai usato degli ingredienti che amo! <3

    RispondiElimina
  24. Piemonte gogò in questo post e io da buona Barot mi sciolgo

    B.

    RispondiElimina
  25. Adoro il Piemonte e le patate ripiene che faccio spesso, non amo però il tartufo, per niente! :P
    Però ho letto volentieri questo post, molto evocativo.
    A presto!

    RispondiElimina
  26. Che specialità e che bell'effetto visivo....Sicuramente da provare...

    RispondiElimina
  27. so' quanto sono buone anche io le ho fatte in tantissime maniere amica mia ciaooo cara un caldo abbraccio

    RispondiElimina
  28. ci credi che non ho mai mangiato il tartufo, non è reperibile quì!!!!
    la tua ricettina è semplice...ma con il tartufo l'hai resa unica!!!

    RispondiElimina
  29. Mmmmm sembra buono questo piatto, anche facile!

    RispondiElimina
  30. una ricetta niente male per chi gusta questi ingredienti cara :) io sono tra quelli!

    RispondiElimina
  31. Ecco vedi a questo abbinamento non ho mai pensato e si che adoro il tartufo!! Che bontà!
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Kiss

    RispondiElimina
  32. Io non sono un'amante del tartufo :/ ma complimenti per il piatto!

    RispondiElimina
  33. cercavo ricette di patate ripiene da un po!
    complimenti deve essere un piatto gustoso
    lo proverò<3
    francesca
    http://thinksblabla.blogspot.it/

    RispondiElimina
  34. Io adoro il tartufo e questa ricetta è così squisita!!

    RispondiElimina
  35. questa tua nuova rubrica rende più emozionante la tua cucina vero?
    brava mi piace magari metnre assaporo la tua creazione culinaria leggere qualche storia attinente agli ingrediente.
    molto bene Silvia

    RispondiElimina
  36. Dalle mie parti il tartufo non si trova però sono sicura che la patata. Veramente brava, è sicuramente uno scrigno di bontà

    RispondiElimina
  37. Una ricetta gustosissima e originale, complimenti, un bacione

    RispondiElimina
  38. una bella presentazione per un piatto regale !

    RispondiElimina
  39. Hai avuto davvero un'idea splendida!! Stavo giusto cercando un modo diverso di presentare la patata!!

    RispondiElimina
  40. a vederlo sembra molto buono .....:-) mi sono aggiunta al tuo blog se ti va passa a trovarmi ne sarei lieta:-)
    a presto!

    www.ollyup.com

    RispondiElimina
  41. wow come sempre sei stata brava!!:) baciii

    RispondiElimina
  42. Tartufo bianco? Sublime!
    Complimenti: abbinamento da favola!
    Un caro abbraccio e buona notte
    Annalisa

    RispondiElimina
  43. buonissima e bellissima idea per il pranzo di natale !!!!! grazie e un abbraccio....

    RispondiElimina
  44. Al di là della ricetta molto gustosa (tartufo da noi a Trieste se lo trovi devi aprire un mutuo) e quindi mi accontento magari di un goccio di olio tartufato a questa meraviglia, mi complimento con te per questa nuova rubrica. Molto interessante e scritta bene. Si vede che io non parto da food blogger ma sono molto interessata anche al contorno e questo mi piace. Bravissima un abbraccio e buona fine settimana.

    RispondiElimina
  45. Molto semplice ma chiccosa questa ricettina! Mi piace tantissimo la cocotte fatta con la patata. Bella presentazione per un piatto genuino e profumato. Mi piace mi piace mi piace.

    RispondiElimina
  46. Receta rica y original me gustan mucho las papas,abrazos.

    RispondiElimina
  47. ma questa è davvero una chiccheria!!

    RispondiElimina
  48. troppo buona questa ricetta, giuro che mi hai fatto venire l'acquolina in bocca!

    RispondiElimina
  49. purtroppo non vado matto per il tartufo ma credo che i suoi amanti non possano far altro che appuntarsi la ricetta :)


    The Double Mirror

    RispondiElimina