Gli strani ponti dei miei viaggi

...mancavo da un pò di tempo...ma oggi con questo post partecipo di nuovo e con piacere alle iniziative di Monica, viaggi e baci, il tema di questa volta è stato proposto da Alessandra del blog fiori e vecchie pezze e riguarda gli strani ponti dei miei viaggi...ne troverò 3 per farveli vedere...la foto qui sopra è stata scattata in Nepal, durante la visita ad un monastero...



...qui comincio con le 3 foto che partecipano a questa iniziativa...
...qui stavo visitando un villaggio in Nepal...ecco il ponte...viaggio del 2012, qui trovate foto e filmati

...questo è il Ponte sul fiume Kwai, Kanchanaburi (130 km a ovest di Bangkok, 2 ore di auto), Thailandia, questo ponte è famoso dal film “il ponte sul fiume Kwai” del 1957 di David Lean. Il ponte era il punto chiave della cosiddetta “Ferrovia della Morte” che collegava la Thailandia al Myanmar, fu costruito con l'intenzione di fornire una linea di collegamento a disposizione per le truppe giapponesi nel Myanmar. La ferrovia fu usata soltanto un paio di volte prima della resa del Giappone. Successivamente il percorso venne distrutto dai britannici, facendo sì che diventasse non operativo. Oggi è possibile oltrepassare il ponte a piedi o col treno che percorre circa 100 chilometri a nord-ovest sulla strada verso una cascata. I passeggeri, appassionati del treno a vapore, potranno anche vedere qualche macchinario risalente all'epoca della Seconda Guerra Mondiale, esposto vicino al fiume. Viaggio in Thailandia del 2013, qui e qui foto e filmati


...un lunghissimo ponte pedonale lungo più di 1 chilometro, costruito interamente in tek che attraversa le acque del lago Taungthaman (U Bein's Bridge) e porta dalla terra ferma fino all'isola di Inwa
qui trovate il primo e secondo post con le foto, viaggio in Myanmar di giugno di quest'anno...

con queste 3 foto partecipo all'iniziativa mensile "gli strani ponti dei miei viaggi"
di Monica viaggi e baci


...questa foto, invece, è fuori concorso...qui ero in Nepal, in un villaggio (sopra c'è la foto di un'altro di questi ponti dello stesso villaggio, attraversato dalle caprette)...io soffro di vertigini, da sempre...paura del vuoto e sensazione di cadere giù (la mia faccia perplessa di questa foto dice tutto)...eppure quando vado là cerco di vincere questa paura...semplicemente attraversandola...non è sempre facile, no...ma ci provo, perchè so che per lo più è una sensazione psicologica e che, quindi, forse, potrebbe anche essere vinta (magari in parte)...chissà magari vado in Asia anche per vincere le mie paure...perchè lì faccio cose che a Roma non farei proprio...(Nepal viaggio del 2012, sopra trovate i riferimenti)

21 commenti:

  1. Viaggiare... Quanto mi manca... Le tue mete sono fantastiche. Grazie per avre fatto viaggiare un po' anche me. Baci!

    RispondiElimina
  2. che posti...foto bellissime!!
    baci

    RispondiElimina
  3. Ciao Silvia, grazie mille per lo splendido e interessantissimo post e per le bellissime foto:)))si tratta di posti che vale sicuramente la pena visitare:))
    un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  4. che meraviglioso reportage Silvia cara! grazie infinite

    RispondiElimina
  5. sei davvero bella e coraggiosa perchè io nel primo ponte non ci avrei messo piede :D chee invidia a vedere le foto dei tuoi viaggi, mi piacerebbe tantissimo poterli fare, tu ormaia sei una maestra, e se venissi con te il prossimo anno? :)

    RispondiElimina
  6. De luoghi veramente bellissimi! Un bacione

    RispondiElimina
  7. Che belle foto Silvia!!!
    I ponti mi fanno un pò paura ma mi attraggono tantissimo!
    Un caro abbraccio e buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  8. Peccato che l'ultimo sia fuori concorso, silvia, perchè è davvero bellissimo! ma sono splendidi tutti e tre, anche se il mio preferito è il primo, con le caprette! Si viaggia anche per vincere le proprie paure, come no. anche io in viaggio faccio cose che qua non farei mai e soprattutto ti adatti e sfidi i tuoi limiti, ben oltre quello che potresti immaginare. Viaggiare è bellissimo anche per questo.
    abbracci stritolosi, buona settimana!

    RispondiElimina
  9. Bellissimi i tuoi ponti Silvia, interessanti e particolari. Le pecore che attraversano il fiume sono proprio divertenti!

    RispondiElimina
  10. Ho condiviso il tuo post sulla mia pagina Facebook. Il link è nel mio post.

    RispondiElimina
  11. Sono particolarissimi! E' bello vedere cose diverse dalla vita quotidiana, molto bello!
    Bacioni <3

    RispondiElimina
  12. Che posti meravigliosi cara Silvia e che belle foto!! grazie per averle condivise con noi!!
    Bacioni grandi

    RispondiElimina
  13. Belli! Mi sono sempre piaciuti i ponti sia "ingegneristici" che metaforici.
    "Gli uomini costruiscono troppi muri e mai abbastanza ponti" Isaac Newton

    RispondiElimina
  14. Il primo ponte è micidiale! E ti capisco eccome! Anche io soffro di vertigini!!!

    RispondiElimina
  15. Che bello questo post! Su molto di quei ponti, forse, ma io amo le sfide, non ci sarei andata, però è stato bello vederli. Un bacio

    RispondiElimina
  16. molto particolare ed interessante questo post dedicato ai ponti! per me che sono poco coraggiosa un ponte sospeso non è da attraversare !Un bacione

    RispondiElimina
  17. un post particolare e questi ponti sono veramente strani, mi complimento per il tuo coraggio, io avrei avuto un pò di paura!!!

    RispondiElimina
  18. Belli!
    Mi sono piaciuti tutti (l'unico che ho visto anni ed anni fa in viaggio di nozze è quello sul fiume Kwai), quelli "traballanti" sono i miei preferiti forse perché non ci sono mai passata sopra.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  19. ciao luoghi incantevoli. Belli i ponti che ondeggiano. Buona domenica.

    RispondiElimina