la genovese per il Calendario del cibo italiano


La salsa o condimento genovese (o meglio 'a genuvese) è un condimento a base di carne e cipolle, in ogni domenica che si rispetti non manca sulle tavole dei napoletani, come tradizione della cucina regionale campana vuole, vanta una storia molto antica, con questo condimento vengono conditi i maccheroni della zita ovvero gli ziti spezzati a mano, viene fatto cuocere cuocere a fuoco lento per 3 ore, così la carne sarà diventata morbida e le cipolle avranno una consistenza cremosa, in un tutt'uno con la carne e le altre verdure...mi permetto di dire che la cipolla ha una buona fetta di importanza in questa ricetta, deve essere infatti la Cipolla di Montoro, che io ho avuto modo di apprezzare l'anno scorso durante un blog tour in Irpinia, sono stata fortunata perchè l'ho trovata nel mio supermercato, ormai si trova facilmente, al massimo se non la trovate utilizzare la cipolla di Tropea che ha però un sapore più forse...la ricetta viene inserita nella settimana della Cucina della Penitenza, oggi è la giornata nazionale della genovese ambasciatrice Sandra del blog taccuino di cucina, questo fa parte del Calendario del Cibo Italiano, progetto promosso dall'Associazione Italiana Food blogger, vi accompagneremo a scoprire nuovi luoghi ma soprattutto sapori antichi, a volte anche un pò dimenticati...



ingredienti per 4 persone:
400 gr di Ziti napoletani
400 gr di carne bovina
500 gr di cipolla di Montoro
50 gr di sedano
50 gr di carote
olio di oliva extravergine
1 foglia di alloro (del mio albero!!)
sale
pepe

Preparazione: Tagliare la carne a bocconcini. In una pentola aggiungere l'olio extravergine di oliva e far rosolare la carne da tutti i lati, aggiungere la carota e il sedano, puliti e tagliati a brunoise, e la foglia di alloro, far proseguire la cottura per qualche minuto. Quindi aggiungere le cipolle pulite e affettate, poca acqua e poco sale e pepe, far cuocere a fuoco basso e lento per 3 ore, mescolando di tanto in tanto, se tende a seccare aggiungere altra acqua tiepida. Cuocere gli ziti napoletani in acqua bollente salata, scolarli al dente e condirli con il ragù alla genovese, io ho tagliato la cipolla molto fine che si è letteralmente fusa nel condimento.
*** ricetta adattata da qui

con questa ricetta partecipo e contribuisco al Calendario del cibo italiano dell'Associazione Italiana Foodblogger


21 commenti:

  1. Un piatto della tradizione napoletana che adoro, fantastiche le tue foto . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  2. belle foto ed ottima ricetta, un abbraccio !

    RispondiElimina
  3. Il condimento è divino ma la pasta in quel formato lo è maggiormente pertanto binomio perfetto!

    RispondiElimina
  4. Da napoletana adoro la genovese. Un bacio

    RispondiElimina
  5. Oh mamma!!!! Avercelo qui ora un piatto come quello!!! Baci

    RispondiElimina
  6. E' uno dei piatti della tradizione campana che mi piacciono di più.

    RispondiElimina
  7. UN PIATTO DAVVERO DELIZIOSO!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  8. Una ricetta della quale ho sempre sentito parlare ma che non ho mai avuto modo di realizzare,una preparazione gustosissima che fa venire l'acquolina,la tua ricetta è ottima,la devo assolutamente provare:)).
    Un bacione e grazie mille per la condivisione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  9. Ma che bella la tua genovese e quanto è invitante, complimenti!

    RispondiElimina
  10. Buonissima, anche da noi si fa una ricetta molto simile, ma serve per condire la polenta pasticciata!
    Buona serata

    RispondiElimina
  11. Silvia, ma che meraviglioso modo per condire questo antico e specialissimo formato di pasta! Non conoscevo questa ricetta...è stupenda e da provare assolutamente! Un bacione grande, Mary

    RispondiElimina
  12. è da tanto che non lo mangio però lo so è squisito!!!

    RispondiElimina
  13. Come si fa a dire di no a questo piatto? Impossibile!Buona giornata cara

    RispondiElimina
  14. Non l'ho mai fatta ma la farò! Ho anche trovato le cipolle di Montoro da Elite

    RispondiElimina
  15. Ma sai che mi stuzzica molto questa pasta ma non l'ho mai cucinata?! ^_^ bella e pure buona con quel sugo poi!!! mmmmh!!! un bacione!

    RispondiElimina
  16. Buono questo sugo!!! Non l'avevo mai sentito Silvia ma sembra squisito.

    RispondiElimina
  17. Che buona, la genovese... c'è anche da dire che nella cucina tradizionale italiana è impossibile trovare qualcosa che non sia buono, e il calendario di AIFB ha appena iniziato a darne dimostrazione. Ciao, buona serata.

    RispondiElimina
  18. l'ho assaggiata una sola volta e a Napoli e quella di Parisi e mi è piaciuta moltissima...forse per questo ho paura a provare a farla!!

    RispondiElimina
  19. Silvia a casa mia con la genovese sfondi una porta aperta! Pensa che io e mio marito abbiamo due ricette diverse per farla, entrambe pubblicate e che te lo dico a fare, quella mio marito è quella che va per la maggiore.... In ogni caso la amo! Un bascione e buon we!

    RispondiElimina