cialde con formaggio e miele

...o gaufre o waffle che dir si voglia...comunque sempre di cialda (appunto waffel) si tratta, cotta nell'apposito ferro caldo, da ambo le parti, che si presentano con un bel disegno a nido d'ape come se fosse una grata (da qui il significato del termine francese gaufre)...cialde che mia nonna preparava spesso per me quando ero bambina e rimanevo con lei a casa sua...lei  le preparava dolci, io, invece, qui ho preparato una versione salata, potendo approfittare di questo meraviglioso formaggio svizzero che è Le Gruyère DOP...grazie al contest di Teresa del blog "peperoni e patate", attraverso il quale è possibile liberare la mente per creare ricette abbinati ai formaggi svizzeri in gara...ne esistono diverse versioni...questa è la mia con la forma di cuore...


ingredienti per 15 cialde o gaufre:
100 gr farina bianca
mezzo cucchiaino lievito in polvere
mezzo cucchiaino di sale
1/4 di cucchiaino di zucchero
180 ml latte
80 gr burro fuso + quello per pulire la cialdiera
1 uovo grande 
50  gr le Gruyère DOP grattugiato
mezzo cucchiaino di timo fresco

in abbinamento:
miele della spiaggia biologico
E' un miele millefiori ha colore chiaro e ambrato, trasparente e molto fluido; ha odore molto aromatico e particolare, ricorda le spiagge dei litorali mediterranei; ha sapore cisto, corbezzolo, tamerice, pitpsforo ed elicriso inoltre per me ha sapore di noce e di liquirizia; il miele di spiaggia si produce da maggio ad agosto e nella stagione fredda tende a cristallizzare. 
Il miele di spiaggia è tra i più rari e pregiati mieli biologici presenti sul mercato e la sua produzione è molto limitata.

In una ciotola ho messo la farina insieme al lievito, sale e zucchero. In un'altra ciotola ho mescolato il latte con il burro fuso (e raffreddato) l'uovo leggermente sbattuto, il timo e il Gruyère DOP grattugiato. Ho quindi aperto uno spazio centrale nella ciotola degli ingredienti secchi  e ho versato la miscela di ingredienti liquidi mescolando con cura per far miscelare tutti gli ingredienti ed evitare la formazione di grumi. Ho messo sul fornello la cialdiera a fuoco basso, l'ho fatta scaldare da ambo le parti, l'ho spennellata con il burro fuso, non appena si sarà scaldata ho aggiunto un mestolo di composto in ogni stampo per cialda e ho fatto cuocere girando la cialdiera da ambo le parti. Ad ogni aggiunta di nuova pastella ho prima pulito la cialdiera con il burro.  Ho servito con l'aggiunta di miele di spiaggia.

27 commenti:

  1. Le adoro queste cialde al formaggio!! Davvero carina la tua idea... Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. che acquolina! non ho la cialdiera, ora sparo un'eresia: ma se provo su una antiaderente bella rovente? faccio danni?
    un abbraccio e buona serata
    raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahahah non saprei cosa consigliarti, io li ho preparati, come vedi, nella cialdiera, ma se vuoi puoi anche provare, non verrà la "grata" ma sicuramente saranno squisiti! ;)

      Elimina
  3. Ahhhhh, in giro grazie a questo contest vediamo ricette delizioseeee! E questa conferma quanto appena detto...abbiamo uno stampo vintage per waffle e da un po' si mormora che dovrebbe essere usato per poterlo riportare in auge ma, come spesso, accade, le parole precedono i fatti! Ora però che abbiamo visto questa delizia come fare a resistere????????

    RispondiElimina
  4. Parliamone Silvia..... adoro le cialde (che faccio rigorosamente con il ferro) e trovo che questa versione sia impareggiabile. Mitica, sei grande!!!!
    Complimenti cara, ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  5. ottime....chissà che buone mangiate assolute e come accompagnamento di affettati...

    RispondiElimina
  6. Non le ho mai provate al gusto di formaggio, devono essere ottime.

    RispondiElimina
  7. Semplicemente adorabili.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  8. Ecco, mi presti quell'attrezzo? troppo figo!! è una vita che voglio fare le cialde.. ogni volta mi riprometto di comprare la piastra... e che golosità questa versione salata:*

    RispondiElimina
  9. idea fantastica! io adoro quel formaggio ele tue cialde saranno state buonissime ^_^

    RispondiElimina
  10. Ma che bella la tua ricetta! E che voglia di assaggiarle queste cialde, saranno gustosissime! Io però ti invidio da morire questo ferro per le cialde...lo voglio!! Bellissimo! Un bacione Silvia!! Buona giornata!

    RispondiElimina
  11. Un ricetta davvero troppo sfiziosa..e poi chissà che buone queste cialde..hai avuto proprio una bella idea!!
    adoro questo formaggio è troppo speciale!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  12. Io per una cosa del genere farei follie: adoro formaggio e miele. E anche quell' attrezzo per fare le cialde!!!!!

    RispondiElimina
  13. Un'idea formidabile, hai preparato delle cialdine molto gustose :)
    Non conosco il miele della spiaggia, lo cercherò nei negozi di bio.

    RispondiElimina
  14. Ma che bontà i waffles salati!!!! Li faccio anche io e sono sempre graditi! :)

    RispondiElimina
  15. Irresistibili le cialde a forma di cuore.

    RispondiElimina
  16. Trovo queste cialdine una genialata *__* Non avrei mai pensato di utilizzare il ferro caldo per fare le cialde di formaggio...Troppo carine oltre che buone! In bocca al lupo per il contest! Un bacione

    RispondiElimina
  17. In bocca al lupo per il contest.....bella ricetta!

    RispondiElimina
  18. Mamma mia che buona ricetta! Mi manca la macchinetta per le cialde, sarebbe da provare! In bocca al lupo per il contest e grazie per essere passata sul mio blog :)

    RispondiElimina
  19. ho la cialdiera simile alla tua e anche quella elettrica.... che vergogna non la uso mai.... la proverei con i salati e la tua ricetta mi invoglia ad essere meno pigra!

    RispondiElimina
  20. cialdine gustose ed originali!!Auguri per il contest!!
    ciaooo

    RispondiElimina
  21. Stupendi questi cuoricini di cialda Sissi... mai provate...
    V

    RispondiElimina
  22. devono essere buonissime i tuoi waffle, ma quello stampo dove si trova in vendita?

    RispondiElimina
  23. Ma che bell'idea, le gaufre col gruyere! Silvia, cos'è il formaggio di spiaggia? Un bacio

    RispondiElimina