le disavventure dei miei viaggi


La smorfia qui sopra è dovuta alle disavventure!! Era un pò che non partecipavo all'appuntamento mensile di Monica, viaggi e baci, presa da altri impegni, alcuni fuori dalla mia città...ma da oggi si ricomincia! Questa volta Monica ci chiede di raccontare, con foto e a parole, le disavventure che possono essere accadute durante i nostri viaggi...continuate e leggete le mie 3 disavventure, durante le quali non ho scattato foto degli episodi in questione (ero troppo incavolata...) ma inserisco comunque 3 foto dei 3 paesi dove le disavventure sono successe... ;)

La prima disavventura mi capitò durante il volo di rientro da Praga (era il 2004), ci avevano messo in overbooking...ma per fortuna si risolse tutto quasi subito, perchè ci fecero viaggiare sullo stesso volo ma in prima classe (pur avendo pagato per la classe economy)...goduria, trattati da veri signori!! (in questo caso non ho nemmeno avuto il tempo di arrabbiarmi...)

La seconda disavventura è un pochino più grave, ma, analizzando il fatto, in realtà quello che successe appena arrivati in Israele, precisamente a Gerusalemme, fu proprio normale...Noi viaggiamo sempre, in 2, organizzando i viaggi da soli, su internet, e spesso anche senza driver...questo fu un bellissimo ma faticosissimo doppio viaggio, nel 2010, Israele, Giordania e Territori Palestinesi...non eravamo mai stati in questi paesi...tutto ero nuovo per noi, nonostante ogni volta ci prepariamo prima,  poi ogni volta è quasi un'avventura...in questo viaggio avevamo programmato di stare da soli in Israele, poi passare il confine, e solo al di là in Giordania, c'era un driver giordano che ci ha scorrazzato per 1 settimana, per poi riportarci al confine con Israele e fare, da soli, tutto il percorso inverso...Arrivammo a Tel Aviv con un volo EL AL, ovvero la loro compagnia aerea, volo perfetto...poi con un pullman ci dirigemmo a Gerusalemme, la nostra prima tappa di viaggio, dove avevamo prenotato precedentemente un hotel gestito da arabi...
Scesi dal pullman a Gerusalemme era sera tardi e chiedemmo a diversi taxi di portarci in hotel, nessuno ci dava retta, ci guardavamo anche un pò sospettosi...alla fine un taxi ci ha fatto salire ma ci lasciò in mezzo alla strada, non all'hotel, ci disse che lui era di religione ebrea e per questo non poteva arrivare fino all'hotel, che, invece, si trovava in un quartiere arabo...così ci lasciò in un quartiere al confine tra Gerusalemme est ed ovest...un attimo di preoccupazione, visto pure l'ora tarda (mi sembra le 22), in un paese completamente nuovo, ci è venuta...mi ricordo che eravamo con le valigie e camminavamo per strade buie...stanchi morti...chiedevamo e nessuno ci capiva o ci dava retta...fin quando passa un signore, dall'aspetto arabo che sembra darci retta...ha fatto cenno lui ad un secondo taxi di fermarsi, dicendo che ci avrebbe portato all'hotel...questa volta l'autista era arabo e siamo finalmente riusciti ad arrivare in hotel...anche questa volta alla fine tutto è andato bene...

Ultima disavventura, forse la più grave di tutte, successe durante il viaggio in Uzbekistan (nel 2011). Come facciamo sempre avevamo prenotato il nostro volo tramite il sito lastminute.com, ed è sempre andato tutto bene. Il giorno della fine del nostro viaggio ci stavamo dirigendo, con il nostro driver uzbeko, all'aeroporto di Tashkent, la capitale, (il nostro era un volo Uzbekistan Airlines) e mentre eravamo in viaggio proprio dal sito lastminute.com (da Milano) ci avvertirono telefonicamente, più di una volta, spiegandoci che a loro risultava che il nostro volo era stato cancellato, senza saperne la motivazione. 
Non vi dico che preoccupazione! Arrivati in aeroporto con molte ore in anticipo, nel pomeriggio, nessuno ci ha saputo dire nulla, siamo quindi rimasti bloccati in aeroporto (come quando succede nei film...) senza assistenza di nessun tipo...e non ci dissero subito che il nostro volo era stato posticipato ad oltre 24 ore...ma che non sapevano nulla e che dovevamo attendere...Dopo alcune ore, in serata, si sono uniti a noi altri sventurati turisti italiani e abbiamo fatto gruppo: dopo aver fatto tante rimostranze, ma nessuno ci si filava (sono rigidissimi lì) abbiamo telefonato al Console Italiano in Uzbekistan e quindi ci dissero che saremmo dovuti rimanere lì in aeroporto per oltre 1 giorno e al momento non poteva fare nulla per tutti noi! Allora ci siamo organizzati ed in tarda serata ci siamo diretti in un hotel per passare la notte (a nostre spese) non ci andava di stare seduti per tutta la notte sulle sedie dell'aeroporto! Soltanto la  mattina dopo, tornati in aeroporto, ci hanno assistiti: con un pulmino ci hanno portato in un hotel a 5 stelle di Tashken (la capitale), ci hanno offerto pasti e camera d'albergo per farci rifocillare e nelle prime ore della sera ci hanno riportato in aeroporto per il volo di ritorno, finalmente! Il nostro volo era stato annullato perchè aveva come destinazione finale New York e lì c'era in atto una tormenta di neve, quindi questo volo non sarebbe potuto atterrare, per questo motivo hanno deciso di lasciare a terra tutti i passeggeri diretti in Italia...siamo partiti quindi con oltre 1 giorno di ritardo, tra mille disagi e preoccupazioni...ma finalmente poi siamo tornati a casa! 


...con questi 3 racconti e queste 3 foto partecipo all'iniziativa di Monica, viaggi e baci, che questa volta ci ha chiesto di raccontare le disavventure successe durante i nostri viaggi...

56 commenti:

  1. beh.. sai cos'ho imparato da questa storia?
    ..che spero di prenotare un volo in overbooking e finire in prima classe ;) AHAHAH

    Thegoldenwaves.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a questo punto te lo auguro ahahahahahahahah

      Elimina
  2. Bene bene le disavventure in viaggio pare fortifichino come tutte quelle della vita del resto. Prossima meta?

    RispondiElimina
  3. Eheheh anche a me viaggiando sono successe cose assurde...ma sono quelle che ti fanno divertire quando le racconti agli amici a distanza di tempo! :)

    RispondiElimina
  4. caspitina che avventure..per fortuna tutte risolte al meglio!!
    baci

    RispondiElimina
  5. I viaggi sono sempre un'incognita, l'importante è che i problemi che si presentano si possano risolvere!!! Complimenti per il post!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Complimenti per lo spirito di avventura, io non andrei mai in quei posti senza guida.
    Io mi sarei un po' spaventata a Gerusalemme ...
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  7. Caspita ... sono senza parole, altro che disavventure ... sono talmente rapita dai luoghi che hai raccontato. Ho appena accantonato l'idea di un tour in Giordania con meta finale a Gerusalemme, ma è in cantiere per l'anno prossimo. Anch'io sono per le vacanze fai da te, ma tu sei anche più temeraria. Mi piace il tuo spirito!!
    baci

    RispondiElimina
  8. Ciao Silvia.
    Queste cose capitano.... A me é successo proprio nella Costiera Almafitana....
    L'albergo dove alloggiavo era vicino ad un fiume, sotto Ravello, non arrivava mai il sole... Quindi era tutto umido, bagnato... e mi é arrivato una crisi d'asma... ma così forte che non riuscivo più a respirare. Corsa al pronto soccorso di Ravello... e il giorno dopo una brutta bronquite.. che non mi scorderò più... Della Costiera non ho visto niente... E poi dicono che é bellissima....... Un abbraccio. Thais.

    RispondiElimina
  9. bhe dai tutto bene quel che finisce bene :D

    RispondiElimina
  10. Purtroppo succedono però come hai fatto tu prese poi dallato ...turistico.
    Belle foto ciaoo.

    RispondiElimina
  11. Arrestata in Grecia, naufragata in Kenya, ricoverata in psichiatria a Samarcanda per un attacco di panico... ti strabatto su tutta la linea :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. arrestata, naufragata, ricoverata?!!??! Ma dai partecipa anche tu a questa iniziativa di Monica!!

      Elimina
  12. Dai dai che le disavventure rendono più divertenti i viaggi :D
    ARMOIRE DE MODE

    RispondiElimina
  13. Interessante. Io il primo volo che feci persi il bagaglio che finì a Ibiza invece di seguirmi a Valencia, ma mi sono perso ad Atene... rimangono in testa comunque

    RispondiElimina
  14. Che brutto quando succedono queste disavventure! Io a Barcellona ho perso le valigie, le abbiamo ritrovate dopo due giorni, ma è stato sempre un disagio.
    Daniela - The fashion kaos

    RispondiElimina
  15. Purtroppo di queste disavventure possono capitare, l'importante che alla fine si risolva tutto in meglio! Baci!

    RispondiElimina
  16. Caspita che viaggi avventurosi!!! L'importante però è che tutto sia finito bene!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  17. per mia fortuna, non viaggiando mai, non ho mai riscontrato disavventure ahahahha =)

    RispondiElimina
  18. Dai la prima più che una disavventura è una fortuna! Se ti va, leggi le mie disavventure con Alpitour sul mio blog, lì si che c'è da divertirsi!
    Travel and Fashion Tips

    RispondiElimina
  19. Per fortuna in tutti e tre i casi è andata bene !

    RispondiElimina
  20. meno male :tutto è bene quel che finisce bene!
    bacio

    RispondiElimina
  21. Viaggiare è sempre un'avventura, importante che finisca sempre bene!
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Kiss

    RispondiElimina
  22. Oddio Silvia, la seconda e l'ultima... immagino il panico :/ Meno male che si è risolto tutto! Un abbraccio grande, stai bene con i capelli lisci!!! :) <3

    RispondiElimina
  23. eh si purtroppo gli imprevisti possono accadere, ma pensiamo comunque alle parti belle dei viaggi!

    Nameless Fashion Blog
    Nameless Fashion Blog Facebook page

    RispondiElimina
  24. Beh! per fortuna che ti sei rifatta con l'ultima cara Silvia ...
    perchè leggendo la prima ho pensato: "questa mi prende in giro ... chiama disavventura l'upgrade gratuito in first class davanti a una che si è beccata l'overbooking in un aereo con un bimbo di 3 mesi in braccio e il TO, dopo averla fatta aspettare un paio d'ore le comunica che prenderà il volo su Bologna (invece che su Verona dove avevamo la macchina) e rimborserà solo il biglietto dello shuttle per la stazione e del treno in seconda classe x arrivare a Verona. Non ti dico la scenata che ho fatto, ma solo che al nostro arrivo a bologna c'era un taxista privato x portarci al parcheggio con la nostra auto!!!"
    Per fortuna dunque che ti sei rifatta alla grande con l'esperienza in Uzbekistan

    PS: posso dirti un cosa? sono molto molto felice che sei di nuovo tra di noi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, sono molto felice anche io di partecipare! ;)

      Elimina
  25. che brutto trovarsi a disagio in paesi stranieri! Già ti danno poca retta in Italia!
    Non ho particolari disagi da raccontare; ho conosciuto l'overbookink a mie spese. Amdavo in Sardegna con la mia figlia ragazzina e dovevo fare scalo a Roma da Brindisi. Arrivate a Roma in tarda mattinata non abbiamo trovato più i nostri posti. Nel volo seguente c'era posto solo per una, capirai se lasciavo mia figlia o la spedivo prima di me. Insomma dalle 15 siamo arrivate a prendere l'aereo alle 21 e 30 di sera, strastanche di stare in aeroporto. Arrivate ad Olbia la brutta sorpresa di non trovare i bagagli che, però fortunatamente, erano arrivati prima di noi col volo da noi prenotato. Ovvio che non sapevo che ci avrebbero rimborsato il disagio! ma tant'è

    RispondiElimina
  26. Haha :-) sapessi quante ne capitano a me :-) un post adorabile :-) Un abbraccio, ti aspetto da me http://violettas.altervista.org/

    RispondiElimina
  27. ho vissuto una disavventura simile.. ahahaha che mi hai ricordato.. ;-D
    complimenti per il post e anche per le foto.. un abbraccio
    www.thediveway.com

    RispondiElimina
  28. oddio come ti capisco anch io molte volte mi son trovato a disagio in un luogo che non conoscevo nemmento la lingua, mi son divertito molto leggendo il tuo post

    dario fattore - www.whosdaf.com

    RispondiElimina
  29. ammazza quante disavventure! meno male che alla fine si è tutto risolto bene :)

    RispondiElimina
  30. Guarda anche a me e mio marito sono successe le peggio cose, la peggiore è che alle tre di notte un barbone ci ha rincorso con una bottiglia di vetro in mano.... a parigi. Ma poi tantissime altre cose un giorno scriverò un libro. Poi adesso che viaggiamo in tre alé... l'imprevisto balla sempre!!



    ELIZABETH BAILEY BLOG
    BLOGLOVIN
    twitter

    RispondiElimina
  31. Oh Silvia, la peggiore delle 3, secondo me, è il viaggio a Gerusalemme. .. soli al buio in mezzo alla strada in un posto sconosciuto... In cui non sai cosa può succedere. ..
    Io sono una fifona e in quei posti ho paura di andare. .. ma tu sei una temeraria!!!!
    Ti abbraccio!!!

    RispondiElimina
  32. quetso il bello di viaggiare...avere poi un bagaglio di ricordi da tirare fuori con ironia!

    RispondiElimina
  33. Le disavventure durante i viaggi possono capitare, anche a me sono successe, l'importante è rialzarsi sempre, con un sorriso e via!!:) baciii

    RispondiElimina
  34. Ogni viaggio è un'avventura,a volte però, si trasformano in disavventure,ma tutto bene ciò che finisce bene!

    RispondiElimina
  35. la prima è stata una goduria invece che una disavventura!

    RispondiElimina
  36. Per me la più terribile è la seconda esperienza, mentre la prima direi che è stata proprio una fortuna, la terza... sarà capitato almeno una volta ad ognuno di noi!

    Mimma
    www.myfashionsketchbook.com

    RispondiElimina
  37. Anche io ho avuto due disavventure simili alle tue, quella della prima classe che non chiamerei proprio disavventura (anzi mi è piaciuta parecchio) e quella del volo spostato al giorno dopo, ma per fortuna a me hanno offerto l'albergo e così ho potuto visitare Madrid, che doveva essere solo uno scalo!

    RispondiElimina
  38. Ciao Silvia , queste cose purtroppo succedono, a noi è successo proprio in viaggio di nozze di tutto e di piu' , ma alla fine siamo riusciti a risolvere. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  39. Brava silvia Sei riuscita a partecipare alla fine!!!
    Che storie...,ecco a Gerusalemme sarei entrata lievemente in ansia anche io...
    Baci!!!

    RispondiElimina
  40. sono cose che capitano le dissaventure ma inportante è superarle con anche un po' ironia come hai fatto tu :-.)

    RispondiElimina
  41. Oh le disavventure rendono il viaggio più interessante e poi i racconti sono la cosa più bella

    RispondiElimina
  42. L' ultima e' stata veramente angosciante!!! dai meno male che si e' risolto tutto a vostro favore. Bellissima iniziativa quella di Monica e la tua smorfia iniziale mi fa morire ^_^ Baci cara

    RispondiElimina
  43. come si dice... tutto è bene quel che finisce bene!!! un abbraccio e grazie per la condivisione Lory

    RispondiElimina
  44. Secondo me i ricordi delle vacanze li fanno proprio le disavventure! :)

    RispondiElimina
  45. Tutto bene quel che finisce bene !!! L'importante è che alla fine ti sei divertita!

    RispondiElimina
  46. Precioso viaje la iglesia es colosal una aventura que quisiera hacer tambièn,abrazos y saludos.

    RispondiElimina
  47. la tua faccia dice tutto,sei troppo forte!!!

    RispondiElimina
  48. Come sempre molto precisa nei tuoi racconti ;-). Io a Gerusalemme sarei andata letteralmente il tilt!

    RispondiElimina
  49. Brava, mi piace molto questo post! Scrivi molto bene <3 ti aspetto sul mio blog xoxo Donny di www.fashionfordonny.com

    RispondiElimina
  50. Meno male che alla fine sono di quelle disavventure che poi si ricordano sorridendo ;)

    RispondiElimina
  51. direi da ridere per non piangere!!!
    Cri
    http://www.2fashionsisters.com/

    RispondiElimina