Piacere Etrusco



“Piacere Etrusco”: al via la kermesse enogastronomica nella Capitale con i prodotti tipici della Tuscia
Al Museo nazionale Etrusco esordio alla presenza di giornalisti ed esperti di enogastronomia.

Dalla Sala della Fortuna del Museo nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma è partita venerdì 22 novembre la maratona enogastronomica della Camera di Commercio di Viterbo intitolata “Piacere Etrusco". Una iniziativa che nella Capitale propone fino al 1° dicembre ben 26 appuntamenti dedicati ai cultori del gusto, e non solo, con l’obiettivo di promuovere i prodotti tipici di qualità e il turismo enogastronomico.

“Non potevamo scegliere contesto migliore – ha dichiarato Ferindo Palombella, presidente della Cameradi Commercio di Viterbo – per presentare ai romani i prodotti e le aziende del Marchio Tuscia Viterbese. Rispondiamo così alle sollecitazioni più volte sollevate dalle imprese di realizzare iniziative promozionali nella Capitale, una città che per dimensioni e vicinanza potrebbe rappresentare  il primo mercato della Tuscia. In realtà sappiamo tutti che è anche uno dei mercati più difficili da penetrare, perché fortemente competitivo e complesso. Per questo abbiamo voluto giungere a questo appuntamento dopo avere condiviso con le aziende un lungo percorso che ha permesso loro attraverso un Marchio ombrello di rafforzarsi, consolidare la rete, fare investimenti su innovazione e qualità, partecipare a iniziative di internazionalizzazione e concorsi nazionali. Credo che ora ci attende una sfida importante, a cui non possiamo più sottrarci: affrontare insieme, e non solo come singoli, il mercato di Roma. L’aver riscontrato con ‘Piacere Etrusco’ la disponibilità a ospitarci da parte di qualificati ristoranti, enoteche o botteghe del gusto e il patrocino di riconosciute organizzazioni come Slow Food e Touring Club, è certamente una buona premessa. E confido che negli eventi che si terranno nei prossimi giorni si creino le giuste alchimie affinché i nostri tesori possano finalmente emergere”.

Alla presentazione sono intervenuti, oltre a Palombella: Guido Fabiani, assessore allo Sviluppo economico e Attività produttive della Regione Lazio; Roberto Staccini, assessore all’Agricoltura della Provincia di Viterbo; Carlo Hausmann, direttore dell’Azienda Romana Mercati; Francesca Rocchi, presidente di Slow Food Lazio; Clelia Arduini, giornalista di “QuiTouring”; Simona Carosi, archeologa e la scrittrice e personaggio televisivo de “La prova del cuoco” Anna Moroni. Tra i partecipanti soprattutto giornalisti, esperti di enogastronomia e rappresentanti del sistema camerale. 

a sinistra il Presidente della Camera di Commercio di Viterbo, dott. Ferindo Palombella, a destra anche con Anna Moroni

Sabato mattina, 23 novembre, nonostante la pioggia battente è stata inaugurata la Mostra-mercato di “Piacere Etrusco” alla Città dell’Altra Economia, all’ex Mattatoio, il mercato del biologico di Roma per eccellenza. Qui sono stati allestiti gli stand di una trentina di produttori della Tuscia e i banchi d’assaggio dei vini della provincia di Viterbo. Questo appuntamento si ripeterà anche domenica 24 novembre e nel prossimo fine settimana.


Per consultare tutti gli eventi di “Piacere Etrusco”: http://www.tusciaviterbese.it/
“Piacere Etrusco” è una iniziativa della Camera di Commercio di Viterbo con il patrocinio di Slow Food Lazio e Touring Club Italiano





IL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE È stato istituito nel 2003 dalla Camera di Commercio di Viterbo per contraddistinguere e promuovere prodotti e servizi realizzati nella provincia di Viterbo e che rispondano a determinati requisiti di qualità tipicità. L'identificazione dell'origine delle produzioni e il rispetto dei disciplinari di qualità sono verificati e garantiti dall'Ente camerale attraverso il Comitato di gestione e controllo del Marchio Tuscia Viterbese. Il Marchio Tuscia Viterbese nasce per soddisfare l'esigenza degli operatori di raggiungere ed essere ben visibili presso mercati di consumo più vasti, anche internazionali, che non sempre sono alla portata delle piccole aziende locali. Il Marchio collettivo, quindi, promuove prodotti e servizi identificandoli sotto la stessa origine, rappresentata dal territorio della Tuscia Viterbese. Al contempo, gli stessi prodotti a marchio promuovono il territorio in quanto espressione diretta di un ambiente che, in virtù delle proprie peculiarità ambientali e sociali, si presenta propizio allo sviluppo di un'enogastronomia ed un artigianato di qualità. Sono circa 200 le imprese licenziatarie del Marchio Collettivo Tuscia Viterbese.

 I PRODOTTI 
CAVOLFIORE BIANCO E CAVOLO BROCCOLO ROMANESCO
 Le colture del Cavolfiore Bianco e Cavolo Broccolo Romanesco presentano caratteristiche qualitative esclusive che dipendono dall'incontro tra le favorevoli condizioni pedoclimatiche del territorio e l'abilità professionale dei produttori. 

CARNI BOVINE, OVINE E SUINE FRESCHE
 Provengono da allevamenti condotti secondo metodiche vicine alle esigenze e al benessere degli animali, i quali devono essere alimentati da fieni e foraggi locali OGM-free. Inoltre, negli allevamenti è escluso l'uso di qualsiasi promotore della crescita o molecole antibiotiche che possono forzare lo sviluppo naturale dell'animale. 

CARNI LAVORATE
 Provengono da animali allevati nella provincia di Viterbo, alimentati prevalentemente con fieno e foraggio fresco. Ulteriori elementi di qualità introdotti nel disciplinare di produzione è quello del divieto d'uso di antibiotici, se non a fini esclusivamente terapeutici, e dei promotori della crescita. I salumi e gli insaccati sono prevalentemente di tipo tradizionale e tipico, frutto di elaborazioni artigianali locali. 

CERAMICHE ARTISTICHE
 Affondano le proprie radici produttive nelle diverse epoche storiche, anche quelle più arcaiche. Gli artigiani che si fregiano del marchio collettivo operano nel solco della tradizione artigianale e artistica ed utilizzano tecnologie che, prevedendo un largo apporto della lavorazione manuale, insieme ad un'oculata scelta delle materie prime, determinano un alto livello qualitativo del manufatto. 

CILIEGIA DELLA TUSCIA
 La tradizione secolare del ciliegio in alcune località del viterbese è stata pubblicamente riconosciuta dal Ministero delle Politiche e Forestali, iscrivendo il prodotto all'elenco nazionale dei Prodotti Tipici Tradizionali, con la denominazione "Ciliegia di Celleno". Nella Tuscia la conduzione degli allevamenti di ciliegio è prevalentemente di tipo tradizionale, con scarso uso di prodotti di sintesi e di meccanizzazione e con produzioni costituite da una ricca gamma varietale. 

CONIGLIO VERDE LEPRINO DI VITERBO
 E' una razza selezionata dall'Università della Tuscia che viene allevata all'aperto, con un'alimentazione costituita da mangimi bilanciati non medicati e da fieni e foraggi freschi, non facendo ricorso a medicinali o altri prodotti di sintesi. Le carni sono considerate di particolare pregio in quanto ricche dal punto di vista proteico e a basso contenuto lipidico. 

MIELE E PRODOTTI APISTICI
 La produzione del miele dispone di una vasta gamma di specie floreali che solo un territorio integro dal punto di vista ecologico e paesaggistico può garantire. A testimoniare questa condizione è la varietà di sapori e sfumature riscontrabili nei mieli del marchio, associati ad un'indiscutibile qualità organolettica. Tra le produzioni: il miele monoflora, il miele millefiori ed il miele di melata, la pappa reale, il polline ed il propoli.

NOCCIOLA DEI CIMINI
 La nocciola rappresenta per la provincia di Viterbo uno dei prodotti agroalimentari più importanti, sia in termini di fatturato sia per le quantità prodotte, collocando l'area tra i primi posti a livello nazionale. Il disciplinare della nocciola Tuscia Viterbese tiene conto della DOP Nocciola Romana, che si basa soprattutto sulle caratteristiche della varietà locale "Tonda Gentile Romana". Oltre al frutto sgusciato, da gustare tostato o meno, il marchio Tuscia Viterbese è assegnato ai prodotti trasformati a base di nocciola della linea "dolce" e "salata".


OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA DOP CANINO DOP TUSCIA
 È un olio extravergine d'oliva ottenuto dalle varietà di olivo Canino, Leccino, Pendolino, Maurino e Frantoio, con un'acidità massima dello 0,50%, un colore verde smeraldo con riflessi dorati e un odore fruttato che ricorda il frutto sano e fresco ed un sapore deciso, con retrogusto amaro e piccante, con sentori di cardo selvatico e carciofo. La zona di produzione: Canino, Arlena di Castro, Cellere, Ischia di Castro, Farnese, Tessennano, e parte della superficie di comuni di Montalto di Castro e Tuscania. 

PASTICCERIA E PRODOTTI DA FORNO
 Rappresentano una espressione secolare delle feste e ricorrenze religiose e laiche del territorio. L'elemento fondamentale che differenzia il prodotto a marchio è rappresentato dalle modalità artigianali con le quali si svolgono le produzioni, a partire dalla lavorazione dalle materie prime. Molti tra i dolci e i diversi prodotti da forno del marchio collettivo fanno parte dell'elenco nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali. 


PATATA DELL'ALTO LAZIO
 Trova in vaste porzioni del territorio della Tuscia le condizioni ideali di sviluppo, grazie alla sua naturale predi lezione ai terreni sciolti d'origine vulcanica, permeabili, poveri di calcare, ricchi di potassio e di elementi nutritivi. Le tecniche di coltivazioni previste nel disciplinare permettono solo un uso limitato di fitofarmaci, tale che il livello dei residui risulta inferiore al 50% di quelli ammessi dalla normativa vigente. 


PRODOTTI ALTA TUSCIA
 Compresi nel marchio, già annoverati tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali, sono l'Aglio Rosso di Proceno, il Farro del Pungolo di Acquapendente, il Cece del solco dritto di Valentano, il Fagiolo del purgatorio di Gradoli e la Lenticchia di Onano. Il profondo ed antico legame tra detti prodotti e le popolazioni del luogo trovano conferma del perpetuarsi delle tecniche di produzione rispettose dell'ambiente e nelle consolidate tradizioni culinarie, periodicamente rievocate con sagre e feste paesane. 


PRODOTTI BIOLOGICI DELLA TUSCIA
 La produzione di alimenti biologici nella Tuscia viterbese rappresenta una realtà economica di tutto rispetto, vista la presenza di circa un migliaio di aziende convertite al regime biologico, ad oggi pari a più del 40% delle imprese biologiche presenti nel Lazio (fonte Sinab). La peculiarità del prodotto biologico trasformato del marchio Tuscia Viterbese è che le materie prime che lo compongono provengono esclusivamente dalla provincia di Viterbo, a meno di specifiche deroghe previste nei disciplinari dei prodotti presenti nel paniere del Marchio Tuscia Viterbese. 


PRODOTTI CASEARI
 Questo comparto vanta un'estesa varietà di tipologie di formaggi, in parte lascito di secolari tradizioni e in parte frutto di ricerche ed innovazioni al passo con i gusti e le mode dei consumatori. Nel disciplinare di produzione l'elemento che si è voluto fortemente valorizzare è l'origine del latte che deve provenire da animali pascenti nei pascoli o nelle stabulazioni della provincia di Viterbo o, solo in minima parte, da zone limitrofe. 


VINI DOC E IGT DELLA TUSCIA
 Grazie alle condizioni climatiche e alla natura dei terreni favorevoli, la coltura della vite si è radicata nella Tuscia viterbese a tal punto da divenirne uno dei comparti di eccellenza e di qualità dell'agroalimentare. Il marchio Tuscia viterbese è esteso a tutti i vini DOC e IGT presenti nella provincia. 


42 commenti:

  1. Quante cose buone! Iniziativa davvero interessante peccato essere un pò lontanino x me! Grazie delle belle info!

    RispondiElimina
  2. mi piacciono queste iniziative,che fanno riscoprire la voglia di buoni prodotti...davvero interessante...grazie per le info :)

    RispondiElimina
  3. peccato che sono troppo lontana....

    RispondiElimina
  4. Queste manifestazioni sono sempre molto interessanti, ci permettono di conoscere tanti prodotti dell' economia locale che spesso non si conoscono.

    RispondiElimina
  5. peccato, non poterci essere.... mi piacciono molto le manifestazioni di questo tipo...

    RispondiElimina
  6. Amo questo tipo di manifestazioni, sono anche molto divertenti
    http://cocoelistrione.blogspot.it/
    www.pizzocipriaebouquet.com

    RispondiElimina
  7. Bellissima quest'inizativa !!! e Viterbo dista pochi km. da dove abito io, quindi credo proprio che non me lo perderò quest'evento..e grazie per avermene parlato!!!

    RispondiElimina
  8. Che bella e interessantissima manifestazione eno-gastronomica, mi sarebbe piaciuto molto partecipare ma sono lontana e npn posso purtroppo, grazie delle info e complimenti a te che partecipi!

    RispondiElimina
  9. Che peccato essere lontani... :-(
    mi sarebbe piaciuta questa mostra...
    però grazie mille per tutte le info che mi ha dato! :-)

    RispondiElimina
  10. Carinissima questa iniziativa ma son lontana ;(( http://pescaralovesfashion.com/

    RispondiElimina
  11. che bella iniziativa, peccato che sono lontana!

    RispondiElimina
  12. Che eventi meravigliosi sa offrirci la capitale. Quanto mi piacerebbe essere lì a degustare questi prodotti eccezionali. <3

    RispondiElimina
  13. ma che belli i prodotti poi sono invitanti! Peccato la lontananza

    RispondiElimina
  14. wow molto interessante questa iniziativa!!!:) baciii

    RispondiElimina
  15. Adoro queste manifestazioni, per me non è molto comoda ma grazie per farmela vivere attraverso i tuoi post.

    RispondiElimina
  16. Che bella questa iniziativa, ovviamente io non potrò esserci!!!

    RispondiElimina
  17. mmmmmmm che bontà dai mi raccomando mettici qualche buona ricetta etrusca....grazieeeeeeee e buona serata.

    RispondiElimina
  18. amo le manifestazioni enogastronomiche!!!!! si ha la possibilità di conoscere prodotti nuovi e genuini del proprio territorio!!!!!

    RispondiElimina
  19. Un'iniziativa davvero interessante... Purtroppo viterbo è distante da me ! :( peccato

    RispondiElimina
  20. oltre ad essere un rassegna eno-gastronomica molto carina, Viterbo è una gran bella città!...L'ho visitata un bel po' di anni fa e mi è molto piaciuta.... buona giornata!

    RispondiElimina
  21. Ma che bello! Dev'essere stato interessantissimo :D

    ARMOIRE DE MODE

    RispondiElimina
  22. Che belli questi eventi.. si riscoprono i prodotti tipici e le bontà della terra.
    Daniela Kaos

    RispondiElimina
  23. deve essere stato bellissimo! soprattutto la degustazione ehehe

    RispondiElimina
  24. davvero una bella iniziativa peccato essere troppo lontana

    RispondiElimina
  25. Bellissima iniziativa, peccato essere cosi' lontana. Un abbraccio, buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  26. non conoscevo la denominazione dei prodotti di viterbo.saranno ottimi

    RispondiElimina
  27. Amo queste manifestazioni per come ne parli e per come le descrivi, anche se sono lontana mi sembra di essere li anch'io, ogni volta che entro nel tuo sito mi incanto! Grazie Silvia.

    RispondiElimina
  28. Sono manifestazioni dove si impara tanto! E molte volte ci si lascia anche il cuore! Fantastico!

    RispondiElimina
  29. Che bella iniziativa, peccato essere così lontana!
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Kiss

    RispondiElimina
  30. Che belle queste iniziative!! Io sono dall'altra parte dell'Italia altrimenti non me le perderei di certo :-) un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Ottima iniziativa, tutta da condividere :)

    RispondiElimina
  32. Molto interessante questa manifestazione, peccato non potermi muovere tanto dalla mia zona..

    RispondiElimina
  33. che bell'evento davvero molto molto interessante!

    RispondiElimina
  34. Very interesting!! xoxo
    www.pattyaratablog.com

    RispondiElimina
  35. Che bello!! Sembrano prodotti genuini e di qualità!!
    Baci
    Greta
    http://sodifferentblog.wordpress.com/

    RispondiElimina
  36. Le iniziative gastronomiche sono sempre interessantissime. peccato per la distanza.

    RispondiElimina
  37. Dev'essere proprio un bellissimo evento! la tua descrizione rende il tutto molto interessante!
    un bacio,Veronica!

    RispondiElimina
  38. nel Lazio?? allora non posso mancare!!!

    RispondiElimina
  39. otima manifestazione che riscopre antichi sapori

    dario fattore - www.whosdaf.com

    RispondiElimina
  40. Interessantissima questa iniziativa,queste manifestazioni fanno riscoprire i veri sapori .

    RispondiElimina
  41. io amo i prodotti di ottima qualità come questi.. bella iniziativa... nuova follower.. ti aspetto nel mio foodblog se ti va ciao un abbraccio
    cucinacontonia

    RispondiElimina