timballo di spaghetti con lardo e broccolo siciliano su lenticchie rosse...e collaborazione con Sabadì e Azienda Vitivinicola Marianna


Visto che qui da me fa ancora freschino (io sono un pò influenzata) "mi concedo" ancora dei piatti che non sono proprio primaverili...come questo...oltre alla ricotta, che uso spessissimo nelle mie ricette, uso spesso anche il broccolo siciliano, perchè non ha quel sapore o odore forte rispetto agli altri broccoli e si sposa bene all'interno di tantissime ricette (secondo me), quindi lo vedrete spesso nelle mie...poi ci sono le delicate lenticchie rosse e quel lardo, mi sa che me lo finisco tutto in breve tempo...e cominciamo con i primi piatti di pasta Garofalo, ho usato gli spaghetti, ottima tenuta di cottura, dubbi al riguardo non ne avevo proprio...ottima riuscita della ricetta!! ;-)

Oggi sono andata al terzo appuntamento con i seminari "Primavera a tavola: seminari di cultura enogastronomica" tenuti nella scuola alberghiera Centro Provinciale di Formazione Professionale "Castelfusano Alberghiero", il titolo del seminario era:
- 23 aprile; “Qualità? Un po’ più ci costi”.La spesa intelligente senza economizzare sulla qualità – Come leggere “tra le righe” le etichette puntando alla qualità dei prodotti. 
Appena posso ve ne farò un sunto.
L'argomento del prossimo seminario:
- 2 maggio “Salumi di qualità”: quando il grasso anziché aumentare diminuisce – 
Conoscere meglio i salumi per saper riconoscere quelli migliori. 

La partecipazione è completamente gratuita. 
E’ possibile partecipare ad uno o più seminari, al termine verrà rilasciato un attestato di partecipazione. 
Si prega di comunicare le adesioni telefonicamente al Centro di Formazione Professionale Alberghiero Castelfusano in via B. da Monticastro, 3 - Ostia Lido di Roma - tel.             06 56470963 begin_of_the_skype_highlighting            06 56470963      end_of_the_skype_highlighting       
o preferibilmente via mail roma.formazione@gmail.com 


Ingredienti per 2 persone:
200 gr spaghetti n. 9 GAROFALO
300 gr broccolo siciliano
1 spicchio aglio
1 acciuga sott'olio
olio extra vergine di oliva 
Lard d'Arnad - quanto basta per foderare delle cocotte - (Valle d'Aosta) CIBI REALI
pane grattugiato
sale
100 gr lenticchie rosse decorticate 
mezza cipolla
1 dado vegetale 
spezie Zahtar-Yemen (origano, timo, sesamo, sale 3%, sommacco)
 sulle lenticchie rosse ORODORIENTHE'

*****forchetta BROGGI
*****teglia piccola ovale bianca linea Saint Tropez LABORATORIO PESARO

ho abbinato un vino rosso Novello Merlot del Veneto Serenissima LE CANTINE DEI DOGI 
Ho messo nella pentola a 2 manici l'olio e la cipolla e fatto appassire a fuoco basso, ho aggiunto le lenticchie  e le spezie e fatto cuocere bagnandole con del brodo caldo precedentemente preparato con il dato. Ho sbollentato velocemente i broccoli siciliani tagliati a cimette nella DUSPAGHI che poi ho usato, con la stessa acqua, per cuocere gli spaghetti. Ho poi messo le cimette di broccolo siciliano in tegame a 2 manici ho messo l'olio, l'aglio e l'acciuga e ho  fatto saltare mescolando. Ho cotto gli spaghetti nella DUSPAGHI lessati al dente e insaporiti nel tegame a 2 manici con il condimento. Ho unto le cocotte con un pochino di burro e l'ho foderate con il pangrattato, poi, ancora, l'ho foderate con le fettine di lardo, ho aggiunto all'interno gli spaghetti con il condimento al broccolo siciliano, richiuso le fettine di lardo e passate inforno a 180° per 5 minuti. Ho servito i timballi sopra le lenticchie rosse.  (ricetta tratta dalla rivista de "La prova del cuoco")    



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Hanno selezionato in Ecuador uno straordinario cacao: il Nacional fino de aroma Arriba Superior Summer Selected e lo propongono in 6 abbinamenti di forte personalià.
Le materie prime che utilizzano provengono da presidi Slow Food e da prodottori del commercio Equo e Solidale nel rispetto delle piccole comunità indigene, dell'ambiente e della biodiversità.
La lavorazione a freddo è un arma a doppio taglio: esalta ogni nota aromatica delle materie prime utilizzate così come ogni loro piccolo difetto. Per questo motivo selezioniamo in modo maniacale gli ingredienti del loro cioccolato.
Gli agrumi vengono pelati lo stesso giorno del raccolto. Le sottili scorze vengono disidratate ad aria
a bassa temperatura (massimo 27 gradi). Solo in questo modo gli olii essenziali naturalmente presenti
nella biccia si preservano al meglio esaltando un gusto ed un profumo intenso.
Considerano il cioccolato un prodotto della terra. Per questo motivo non aggiungono grassi, aromi, essenze,additivi di alcun genere. Solo pasta amara di cacao, zucchero di canna, scorze di agrumi, spezie. 


I loro prodotti:


ARANCIA ROSSA DI SICILIA
Utilizzano la varietà sanguinello, una varietà antica che cresce tardivamente da febbraio ad aprile ed oramai dimenticata dal mercato di massa. Si trova nelle aree arancicole delle province di Catania  e Siracusa. I frutti sono di calibro medio con forma oblunga o sferica; la buccia è di colore arancio  intenso con sfumature rosse.L’arancia rossa di Sicilia contiene circa il 40 per cento in più di vitamina  C rispetto agli altri agrumi e contiene gli antociani, pigmenti naturali dagli straordinari poteri antiossidanti.

CANNELLA DELLO SRI LANKA
Durante la stagione umida in Sri Lanka intere famiglie, da migliaia di anni,  si occupano della raccolta dei rami di cannella, della rimozione  della corteccia più esterna con aste di ottone, dell’essiccazione e della composizione dei bastoncini (cannelle) tramite arrotolamento.Esistono sul mercato diverse varietà di cannella, classificate per qualità, colore e finezza da c1 a c5; la nostra cannella è delle migliori qualità (c5) arrotolata a mano ed essiccata al sole.

MANDARINO TARDIVO DI CIACULLI

Il “Mandarino Tardivo di Ciaculli” è un presidio Slow Food e deve il suo nome alla borgata in cui  è stato scoperto al periodo di maturazione, posteriore rispetto alle varietà più comuni.
Il frutto è una varietà endemica e non è realizzato da innesti o da operazioni di ingegneria genetica. La produzione è limitata a circa 200 ettari facenti capo a piccoli proprietari riuniti in un consorzio. Le sue origini sono assolutamente naturali, il forte aroma, il contenuto zuccherino, la buccia sottile,  la presenza del seme, fanno del Tardivo di Ciaculli un mandarino unico e inconfondibile.


LIMONE INTERDONATO
La storia del Limone Interdonato affonda le proprie radici alla fine dell’800, quando il colonnello Giovanni Interdonato realizzò,un ibrido tra un limone e un cedro. Il limone Interdonato, anche noto alle generazioni più vecchie come “limone fino” o “speciale”, si caratterizza per precocità, maturando già a settembre per raggiungere il suo massimo sviluppo nei mesi di novembre e dicembre. Il limone Interdonato è un Presidio Slow Food . Nel pieno della maturazione,l’Interdonato si presta al consumo fresco integrale, buccia compresa, essendo questa molto dolce e piacevole.

PEPERONCINO DELLO SRI LANKA
Questa pianta originaria del Messico si è diffusa facilmente in moltissime parti del mondo e per il 95% è coltivata e utilizzata localmente. Esistono moltissime varietà di peperoncini con livelli di piccantezza diversi, in base al contenuto di capsicina nei semi. Il chili ha interessanti proprietà analgesiche, antiossidanti, rubefacenti, stimolanti, circolatorie e digestive. Il loro peperoncino è una fine polvere rosso-aranciata, una mistura di capsici piccanti triturati. Le piantine risiedono nella giungla a Nord dello Sri Lanka.

ZUCCHERO MASCOBADO
Nelle Filippine Mascobado è il nome dello zucchero estratto dalla canna. E’ uno zucchero integrale prodotto con un metodo artigianale e semplice. Si spremono le canne e si concentra il succo per evaporazione dell’acqua, usando come combustibile i residui di canna (bagassa). Mascobado trattiene così tutti i principi nutritivi che normalmente si perdono nella raffinazione dello zucchero bianco. E’ ricco di sali minerali, in particolare di ferro, elemento di cui è difficile coprire il fabbisogno giornaliero. Non è sbiancato chimicamente e tutti i passaggi rispettano principi di agricoltura biologica.


Dove sono:
Sabadì s.r.l. con unico socio 
C.da Forma Giorgia, 4 - 97015 Modica (Rg) 


Le cioccolate che mi hanno inviato: Lo scuro allo zucchero Mascobado, Rossella arancia rossa, Nella cannella, Cino peperoncino, Darino mandarino tardivo di Ciaculli, Donato limone interdonato, e dei quadratini con delle varianti arancia rossa e maggiorana, mandarino tardivo di Ciaculli e finocchietto selvatico, limone interdonato e nepetella.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il sogno da cui è sorta l'azienda Vitivinicola Marianna era quello di far rinascere qualcosa di antico, di creare una cantina  dove la tradizione enologica e le moderne tecnologie potessero convivere e portare alla produzione di vini nobili, capaci di esprimere tutte le caratteristiche della loro terra d'origine. Per rappresentare l'azienda è stato scelto il nome di una donna realmente esistita, considerata una figura emblematica di tutte le donne del Sud. L'auspicio dell'Azienda, oggi, è quello di aver realizzato l'intento di produrre vini voluti, sintesi della forza, della passione e dell' entusiasmo profusi nel lavoro. Costanza, piacevolezza e rigore d'esecuzione sono le parole d'ordine della produzione dell'Azienda Vitivinicola Marianna, che si contraddistingue da sempre per la scelta di vinificare in purezza tutti i vitigni caratteristici dell'area irpina.
I loro prodotti:

GRECO DI TUFO D.O.C.G.
E' prodotto da uve del vitigno "Greco" o "Greco di Tufo", selezionate nei vigneti dei comuni di Altavilla, Montefusco, S. Paolina Tufo, tutti in provincia di Avellino. La coltivazione viene effettuata ad un'altitudine media di 450 metri s.l.m., su terreni di tipo argilloso; la resa è di circa 80 q.li/ha e la vendemmia viene effettuata nella terza settimana di ottobre. La fermentazione dura circa quindici giorni, a temperature controllate, e viene svolta in serbatoi d'acciaio. Vino di grande tradizione storica - viene fatto risalire all'epoca romana - il Greco di Tufo D.O.C.G. ha una forte tipicità e viene elaborato senza fretta per tutti coloro che sanno attendere ed apprezzare la sua fragranza ed i suoi profumi unici ed inconfondibili. Ha un colore giallo paglierino brillante, al naso è netto, gradevole e caratteristico, mentre di sapore è asciutto, fresco e molto persistente. Si accompagna ad antipasti di pesce e crostacei, risotti e paste marinare, seppie e polpi in umido, pesce arrosto e alla griglia. Va servito alla temperatura di 10­12 gradi.

FIANO DI AVELLINO D.O.C.G.
E' ottenuto da uve "Fiano" selezionate, prodotte in vigneti situati a un'altitudine media di 550 metri s.l.m., nei comuni di Grottolella e Montefalcione in provincia di Avellino. La resa, su terreni di medio impasto tendenzialmente argilloso, è di circa 80 q.Ii/ha; la vendemmia viene effettuata nella seconda settimana di ottobre. La pressatura effettuata è soffice, di tipo cremant; la fermentazione dura mediamente una quindicina di giorni a temperature controllate, ed è svolta in serbatoi di acciaio. Il Fiano di Avellino D.O.C.G. è un grandissimo bianco di antica cultura e tradizione, ottenuto da uve "Fiano" in purezza ed elaborato con amorevole pazienza. La commercializzazione avviene dopo un preaffinamento di due mesi in bottiglia. Ha colore giallo paglierino tenue; il profumo è intenso, tipico, gradevole e fruttato. Il gusto è secco ed armonico, di buona stoffa e struttura. Si abbina egregiamente ad antipasti di pesce elaborati. zuppe di pesce, minestre di legumi, seppie e polpi in umido, pesce arrosto e alla griglia. Va servito alla temperatura di 10-12 gradi.

CODA DI VOLPE I.G. T.
Vino a Indicazione Geografica Tipica "Irpinia", il Coda di Volpe è selezionato da uve provenienti dai comuni della provincia di AveIlino situati a un'altitudine media di 300 metri s.l.m. La resa di uva è di circa 90 q.Ii/ha e la vendemmia viene effettuata nella seconda settimana di ottobre. II Coda di Volpe è ottenuto da uve dell'omonimo vitigno autoctono, allevate in purezza. Di colore giallo paglierino, ha un bouquet delicatamente intenso e morbido, e ha gusto delicato e fragrante. Va servito con crostacei e frutti di mare, primi piatti a base di pesce, insalate di mare, formaggi molli. La temperatura di servizio ottimale è di 10-12 gradi.

FALANGHINA I.G.T. CAMPANIA
È un vino bianco ottenuto da uve dell'omonimo e autoctono vitigno, allevate in purezza. Si presenta di colore giallo paglierino con riflessi verdolinL e ha un bouquet deliziosamente intenso e morbido; il suo gusto è delicato e fragrante. Servito alla temperatura di 10-12 gradi è accompagnamento ideale per frutti di mare, risotti, preparazioni a base di pesce, formaggi molli.

GHIRLANDAIO FIANO DI AVELLINO D.O.C.G.
È ottenuto da uve Fiano in purezza, appositamente selezionate. È un bianco nobile e raffinato, di buona struttura, dal bouquet complesso, con profumi che si amalgamano nel corso del suo progressivo affinamento: dall'originario fruttato al floreale, nella completa maturazione. Il breve passaggio in barrique gli conferisce un leggero profumo vanigliato, che assai bene esalta l'inconfondibile fragranza del Fiano di Avellino. Vino a Denominazione di Origine Controllata "Fiano di Avellino", il Ghirlandaio ha colore giallo paglierino medio; al naso si riconoscono i fiori bianchi. l'ananas, le mele acerbe e le inconfondibili note nocciolate, in armonico accordo con il leggero passaggio in legno. Il sapore è elegante, asciutto, fresco e persistente. Si abbina egregiamente a crostacei, spaghetti al cartoccio, peperoni alla napoletana, carni bianche, formaggi molli. Va servito alla temperatura di 12 - 14 gradi.

SCIASCINOSO D'IRPINIA DOC
Vino rosso prodotto nel comune di Grottolella, da uve Sciascinoso in purezza, coltivate a 400 metri sul livello del mare e vendemmiate nella seconda decade di ottobre. Le viti hanno un'età media di 8 anni e la resa per ettaro è di 70 ettolitri. Il colore dello Sciascinoso è rosso rubino con riflessi violacei. Al naso presenta una gradevole nota di sambuco e aromi squisitamente balsamici, mentre in bocca è gradevole e fresco. Servito alla temperatura di 16-17 gradi, può accompagnare primi importanti, carni bianche e rosse in genere. È eccellente con i formaggi di media stagionatura.

PIEDIROSSO D'IRPINIA DOC
Vino rosso prodotto nel comune di Grottolella, da uve Piedirosso in purezza, coltivate a 400 metri sul livello del mare e vendemmiate nella seconda decade di ottobre. Le viti hanno un'età media di 8 anni e la resa per ettaro è di 60 ettolitri. Il colore del vino è rosso rubino con riflessi violacei. Al naso presenta sensazioni fruttate di lampone e di more, mentre in bocca ha un sapore gradevole, rotondo e deciso di corpo. Servito alla temperatura di 16-17 gradi, può accompagnare paste al ragù e farcite, carni bianche e rosse in genere; è poi ottimo con formaggi di media stagionatura, ma non eccessivamente piccanti.

MORO DI PIETRA I.G. T
Vino a Indicazione Geografica Tipica "Irpinia", è selezionato da uve "Aglianico" e "Piedirosso" della provincia di Avellino. I terreni di provenienza sono di natura argillosa, particolarmente ben esposti. e le forme di allevamento sono a spalliera, con sesto d'impianto 250x I 00 e con circa 4000 ceppi per ettaro. La produzione media di uva è di 100 qI/ha. Il Moro di Pietra LG.T. ha colore rosso rubino carico e profumo ampio ed elegante, che si accentua con l'affinamento di due anni di cui uno in botte. Il suo sapore è asciutto e morbido. Va servito con pasta asciutta, grigliate di carne, arrosti. selvaggina, formaggi a pasta dura. La temperatura di servizio ottimale è di 17- I 8 gradi.

TAURASI D.O.C.G
Destinato a diventare Taurasi dopo tre anni di invecchiamento, l'Aglianico" è un vitigno a frutto rosso particolarmente diffuso nel Sud Italia (Campania, Basilicata). Di origine greca, è una delle uve più nobili del Meridione; corrisponde all'antica "Aminea Gemina" che, importata dalla Tessaglia, è citata da molti autori latini classici. Nei climi caldi l'Aglianico accetta ogni tipo di allevamento e di potatura; nelle regioni più fredde e umide, per difendersi dall'attacco della Botritys, predilige le forme a controspalliera. Di colore rosso rubino dai riflessi aranciati, ha bouquet ampio, complesso e caratteristico; il suo sapore è asciutto, pieno, robusto e aromatico. È indicato in abbinamento a carni rosse, selvaggina, piatti a base di spezie o tartufi, formaggi stagionati È consigliabile stappare la bottiglia un po' prima del servizio, e servirla a 18 gradi.

Dove sono:

Azienda Vitivinicola Marianna S.r.l.
Via dei Vigneti, 5
83010 Grottolella (AV)
tel 0825 671252



I prodotti che mi hanno inviato:  GRECO DI TUFO D.O.C.G., FALANGHINA I.G.T. CAMPANIA, 
MORO DI PIETRA I.G. T


40 commenti:

  1. Che buono il tuo timballo.....con quelle belle lenticchie rosse!!!!!

    RispondiElimina
  2. E' una bella ricetta, elaborata al punto giusto, con ingredienti che invitano... eccome se invitano! Mi sa che te lo sei pappato tutto, dì la verita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheheheh, colpita e affondata...

      Elimina
  3. Ciao, niente male questa collaborazione!
    Particolarissimo il timballo! Si presenta in modo molto originale su questa crema di lenticchie, e lo scrigno è davvero invitante!
    baci e complimenti.

    RispondiElimina
  4. Wow, che post di spessore, approfondito...
    ...quanto alla ricetta, slurp e sgnam...
    ...solo, mi fodererò le cocotte con qualcos'altro, essendo vegetariana ^_^ !

    Grazie cara, un bacione!
    (Ps.: come promesso, ad inizio post odierno ti ho menzionata ^_^ )

    M@ddy

    RispondiElimina
  5. Alla facciacciaaaaaaa, questa è la mia porzione, vero????!!!!!no, dico...MI PIACE DA MORIRE basta a farti capire che ho apprezzato????!!!!Spero di siiiii:-DDDD UN baciooooo

    RispondiElimina
  6. che bella ricetta è davvero invitante!

    RispondiElimina
  7. a chi lo dici...mai come quest'anno l'influenza mi sta tallonando!
    in compenso il tuo timballo di spaghetti...accipicchia che bontà con il lardo e broccoli...superinvitante!
    baci

    RispondiElimina
  8. la ricetta è golosissima, un pò pesantina ma ancota non abbiamo quel sole e caldo così forte da non risucire a digerire nemmeno un cappero, per cui ben vengano questi piatti. un bacio

    RispondiElimina
  9. Nonostante la tarda ora, farei ben volentieri un assaggio del tuo timballo! Brava e a presto

    RispondiElimina
  10. Che dire? Assolutamente speciali i tuoi timballi!! Bravissima, un abbraccio! :-)

    RispondiElimina
  11. Hai presentato un primo piatto insolito e originale, e sicuramente gustoso !
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  12. bella collaborazione e ottimo piatto.. anche qua fa ancora freddo, quindi direi che la tua meraviglia è graditissima

    RispondiElimina
  13. bellissimo!!! mi piace :) e complimenti per le collaborazioni :)

    RispondiElimina
  14. per me ci sono piatti che non hanno tempo, questo è uno di quelli, potrei mangiarli anche all'ombra di una palma sotto il sole caraibico.

    RispondiElimina
  15. E' delizioso questi timballo, un piatto come questo si gusta con molto piacere a tutte le stagioni. Anche da me non si vede l'ombra della promavera, fa freddo e piove da diversi giorni. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  16. un piatto molto gustoso...e che si adatta perfettamente alle temperature anche da noi!!!

    RispondiElimina
  17. un timballo da leccarsi i baffi:)

    RispondiElimina
  18. Buonissima la ricetta Silvia, complimenti!!
    un abbraccioooo

    RispondiElimina
  19. ma sai che abbiamo quasi gli stessi gusti: lenticchie e broccolo siciliano sono anche tra i miei preferiti :)

    RispondiElimina
  20. Ciao scusami tanto se nn commento ogni volta che vedo il tuo blog ma il tempo per me è pochissimo e ho tante cose da fare, ma stasera nn potevo farne a meno ti faccio i miei complimenti! Bravissimaaaaaa

    RispondiElimina
  21. Di tutto di più da te...meraviglie...gli spaghetti sono fantastici...ciao.

    RispondiElimina
  22. un piatto domenicale molto sontuoso!

    RispondiElimina
  23. Piatto bellissimo e creativo, sei semplicemente un Artista. A presto

    RispondiElimina
  24. Proponi sempre delle ricette molto interessanti, devo complimentarmi con te! Buon 25 aprile!

    RispondiElimina
  25. ottima ....complimenti per ricetta e collaborazioni!!
    baci

    RispondiElimina
  26. Ciao Carissima, ottimo timballino, sicuramente un modo nuvoo di far mangiare le lenticchie a quel carnivoro di mio marito.
    P.s. Ma che collaborazioni di lusso!!!!!!!! Complimenti!

    RispondiElimina
  27. Quante info importanti! e quanta pazienza per fare questo timballo!

    RispondiElimina
  28. una ricetta stuzzicante , buonissima , buon 25 aprile , ciao

    RispondiElimina
  29. Una bomba di bontà! Quanto mi piace il lardo, non dovrei dirlo, ma mi fa impazzire con la pasta...

    RispondiElimina
  30. Sembra buonissimo. Mi hai fatto venire fame, adesso devo comprare assolutamente il cioccolato alla cannella *__*

    RispondiElimina
  31. Ciao .. c'è una sorpresa per te sulla mia bacheca! :)
    Spero ti piaccia.

    Paolo

    RispondiElimina
  32. meraviglioso mi hai fatto venire fame di buon mattino

    RispondiElimina
  33. ma che bel piattino sopraffino! immagino il gusto!
    buona giornata
    spery

    RispondiElimina
  34. Un piatto ricco e saporito degno di un giorno di fsta o per occasioni speciali!!
    Compliments

    RispondiElimina
  35. mi fa piacere che avete gradito! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

!-- Nivo Slider Inizio-->