tigelle e...BUONA PASQUA A TUTTI



ed eccoci arrivati agli auguri per Pasqua, mi auguro che sia, sinceramente, serena per tutti voi!!
Vi lascio con le crescentine (dette anche tigelle) e un pò di spiegazioni...anche per me che quando le ho fatte la volta scorsa non sapevo tutte questo cose...Sono un prodotto tipico dell'alto Appennino emiliano; con il nome di crescentine vengono identificati ben 2 preparazioni: quelle che vengono preparate in montagna e rappresentano una cucina semplice, sono a base di farina bianca con cruschello, acqua e sale, oggi si aggiunge il lievito di birra e il latte per renderle morbide e vengono cotte in un rustico utensile che si chiama tigella o tegeree quelle che vengono preparate in pianura sono focacce a base di farina che vengono fritte in abbondante olio finchè non si gonfiano e diventano dorate e croccanti (si chiamano anche "gnocco fritto").  sono farcite da salumi o dal pesto a base di lardo. Ai tempi d'oggi ci sono invece le tigelliere in ghisa, con 7 stampi rotondi nei quali si mettono a cuocere i dischi di pasta. La crescentina è cotta quando si è gonfiata uniformemente e la crosta ha un colore ambrato. E' un prodotto che può benissimo sostituire il pane, mangiato anche con carne rossa o cacciagione (fonte una vecchia rivista de "La Cucina Italiana"). Sinceramente è la seconda volta che le preparo, mi sono piaciute tanto, ho utilizzato lo stampo dell'azienda ENRICO PRUNI che potete vedere quie ho avuto un "aiutante in più": uno stampo in acciaio che serve a tagliare e modellare le tigelle, qui.
La ricetta:
300 gr farina tipo 0
60 gr acqua circa
60 gr latte circa
una presa di sale
8 GR di lievito di birra fresco sciolto in 2 dita di latte tiepido
1 cucchiaio olio extravergine di oliva 

Ho impastato gli ingredienti e ho lasciato riposare per 3 ore in un recipiente di vetro chiuso con il suo coperchio. L'impasto è diventato almeno 4 volte più grande, quindi ho ripreso la pasta, lavorata per formare delle palline, messe su un piatto distanziata tra loro e lasciate ancora così per mezz'ora. Ho scaldato la tigelliera a fiamma bassa da entrambe le parti, unta leggermente con l'olio, ho messo le palline di pasta schiacciandole all'interno dello stampo e cotte da entrambi i lati, girando la padella più volte. Le ho mangiate con piccolo wustell ripassati in padella, insalata, mozzarella, porchetta a fettine, formaggio e salame crudo di puro suino ARMINI.
Ho abbinato un vino rosso Sassifraga 2009 (Azienda Agricola Le Strie) inviatomi da:
 STORE VALTELLINA




58 commenti:

  1. Evviva le tigelle!!! Buona Pasqua anche a te cara!!! ;-)

    RispondiElimina
  2. troppo buone!!!!!!!un abbraccio e tanti auguri di Buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  3. le tigelle sono fantastiche, e sono modenesi. Con il termine crescentina si identificano ormai tante cose, se tipo sei di Bologna pensi allo gnocco fritto, se sei modenese pensi a un'altra cosa, la tigella ormai, anche se il nome vero è crescentina, è chiamata quasi da tutti solo tigella. Nel tuo piatto mancava solo lo scquacquerone e il pesto modenese! Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Buona Pasqua Silvia
    Dana et Dana

    RispondiElimina
  5. uuhh il piatto tipico di casa mia!!!!! io sono emiliana dell'Appennino modenese per l'appunto :) bravissima ti sono venute bene! però se ti posso correggere non è che le tirelle si fanno in collina e il gnocco fritto in pianura.. si fanno in tutti e due i posti da sempre, solo il pianura le tigelle sono più morbide e il gnocco è più piccolo, mentre in montagna è tutto BIG size e un po' più rustico ;) mi permetto solo perché nata lì e cresciuta a tirelle e gnocco fritto (e lambrusco!)

    RispondiElimina
  6. Bellissime le tigelle..brava!! Auguri di buona pasqua anche a te!

    RispondiElimina
  7. ti sono venute benissimo!!!! Contraccambio gli auguri di una buona Pasqua :) un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Quante definizioni per questa specialità, che fa venir voglia di provarla presto!!!
    Buona Pasqua a te!!

    RispondiElimina
  9. mamma mia come sono buone le tigelle, sono passata anche per ringraziarti della visita e per augurarti buona Pasqua

    RispondiElimina
  10. Beh una romana che si sta specializzando in tigelle! Complimenti è un bel piattone invitante.
    Ti lascio i miei auguri per Pasqua. Un abbraccio. ele

    RispondiElimina
  11. CHE BEL VASSOIONE RICCO
    TANTI AUGURI DI UNA BUONA PASQUAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    RispondiElimina
  12. Che belle anche con disegno! E che vassoio appetitoso ^_^ Un abbraccio, tanti auguri di buona Pasqua

    RispondiElimina
  13. beh grazie per la speigazione delle due diverse tipologie di crescentine!! e ti sono venute benissimo...bravaaaaaaaaaaaa...ti rinnovo gli auguri di buona pasqua!!kiss

    RispondiElimina
  14. buona pasqua a te sissi...adoro le crescentine!!!! bone!!!

    RispondiElimina
  15. mi piace quel tipo di spuntini, un pò di tutto e un calice di buon vino o una birra! Buona Pasqua cara Sissi, un abbraccio forte..

    RispondiElimina
  16. oddio che stuzzichino fantastico!!!! tantissimi auguri!!

    RispondiElimina
  17. Tantissimi auguri di Buona Pasqua anche a te!

    RispondiElimina
  18. Buona Pasqua e prendo una tigella.

    RispondiElimina
  19. Tantissimi auguri anche da parte mia!

    RispondiElimina
  20. Ciao,grazie per essere passata da me, mi unisco anch'io ai tuoi lettori!
    Buona giornata e auguri di buona Pasqua ^^

    RispondiElimina
  21. piacere di conoscerti! Grazie per essere passata a trovarmi..mi sono unita molto volentieri ai tuoi lettori! A presto e tanti auguri!

    RispondiElimina
  22. sono passata per augurarti una splendida pasqua AUGURIIIII

    RispondiElimina
  23. Tanti auguri di Buona Pasqua....un bacio Maria Grazia

    RispondiElimina
  24. Silvia, ne mangerei a tonnellate di tigelle, ora che ci penso le ho mangiate la prima volta la scorsa pasqua che mi trovavo in emilia...troppo sfiziose con tutti quegli affettati, una vera perla della nostra cucina italiana. prendo la ricetta e ti auguro una serena pasqua, fede.

    RispondiElimina
  25. Bellissima ricetta....
    ******** @-@-@-@********
    ****** @————–@******
    **** @——————-@*****
    *** @——- Auguri——@****
    ** @——-di Buona Pasqua—-@***
    ** @—(\(\———-/)/)—-@***
    ** @—(=':')——-(':'=)—@***
    ** @–(..(")(")..(")(")..)—-@***
    *** @———————-@****
    ***** @—————-@******
    ******** @-@-@-@********

    RispondiElimina
  26. Silvia auguri anche a te per una serena Pasqua passa a trovarmi c'e' una novita' per te... giovanna

    RispondiElimina
  27. Che belle le tue crescentine, complimenti silvia. un abbraccio, buona Paasqua Daniela.

    RispondiElimina
  28. Che buone le tue crescentine!!!! E tanti auguri!!!!

    RispondiElimina
  29. Le conosco perchè se ne parla, ma non le ho mia mangiate!!!!Auguri...

    RispondiElimina
  30. Tantissimi auguriiiiiiiiiiii!!!!!le tue tigelle sono FAVOLOSE!!!!Buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  31. ciaoo..sono passata anche io a trovarti e ti faccio tanti complimenti per le tue ricettine e per queste squisite tigelle..mi segno anche io come tuoi lettorie auguroni di buona pasqua

    RispondiElimina
  32. buonissime le tigelle!
    ti auguro una felicissima e serena Pasqua!

    RispondiElimina
  33. Fantastiche!!!
    Buona Pasqua carissima! :*

    RispondiElimina
  34. Crescentine o tigelle appunto bel problema... tanto si mangiano uguale :-)
    Con l'occasione cara Silvia tanti auguri di buona Pasqua, abbracci Debora

    RispondiElimina
  35. Auguriiiiii Silvia!!! Buona Pasqua!!
    un bacione

    RispondiElimina
  36. Auguri anche da te da parte di tutto lo staff di Ricettosando........=)

    RispondiElimina
  37. ottime,serena Pasqua anche a voi:)

    RispondiElimina
  38. tantissimi auguri di buona pasqua anche a te!
    baci baci

    RispondiElimina
  39. che bel piattone!

    Tanti auguri cara silvia, un abbraccio

    RispondiElimina
  40. Eh sì, la cucina emiliana riserva tante specialità favolose come queste... che una romana come te ha saputo riproporre alla perfezione!! Brava! Un abbraccio e tanti cari auguri di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  41. uh guarda qua che cosine...! e brava! baci e buona Pasqua
    Luisa

    RispondiElimina
  42. Auguri in ritardo per la Pasqua!

    Ps. queste crescentine o tigelle, mi piacciono un sacco!!!! adatte al pic nic del Lunedì!!!

    RispondiElimina
  43. Wow!!! deliziose e perfette! Auguroni di buona Pasqua!

    RispondiElimina
  44. Tanti auguri Silvia! e anche nell'appennino toscano ci sono le tigelle da mangiare rigorosamente con lardo battuto con aromi! :) insomma una cosa a basso grado calorico
    baci

    RispondiElimina
  45. che bellezza!!!! mò vado a vedermi questi stampi meravigliosi...
    ciao, buona serata di pasquetta!

    RispondiElimina
  46. grazie a tutti per i vostri auguri e per i vostri consigli, buona serata, SILVIA

    RispondiElimina
  47. Buuuone le Tigelle!!!
    Hanno una faccia stupenda :)

    RispondiElimina
  48. Arrivo in ritardo ma che gran bel piatto

    RispondiElimina
  49. Che buoooone!!Noi ogni tanto facciamo il "gnocco fritto", ma con una preparazione leggermente diversa! Proveremo di sicuro la tua anche perchè sembrano ottime! E poi grazie per questa spiegazione sul nome, non lo sapevamo! Un bacione grosso e complimenti

    RispondiElimina
  50. che buone le tigelle!!!!! e poi..le tue sono davvero bellissime :)
    finora mi ero limitata a mangiarle (ed apprezzarle) ma non sapevo nulla della loro storia! si impara ogni giorno qualcosa di nuovo!!!
    un bacione e grazie per aver contribuito alla raccolta

    RispondiElimina
  51. grazie a tutti per aver gradito le tigelle, specifico che le informazioni le ho trovate su una vecchia rivista de "La Cucina Italiana", una fonte abbastanza autorevole, ma proprio perchè la rivista è vecchia le situazione poi possono anche cambiare,

    RispondiElimina
  52. bah, potrei dirti buon 25 aprile in anticipo!!
    sono andata a Casalborsetti a Pasqua, e davanti all'area di sosta per camper c'era un chiosco che preparava piadine al momento... certo che l'emilia per certe cose basilari ma intramontabili è una regina della tavola!
    Tigelle, gnocco fritto, piadine, lasagne... wow!

    RispondiElimina
  53. Queste devono essere buonissime....li devo provare

    RispondiElimina