risotto all'amatriciana



Alla sua 33° edizione ritorna Sigep, il Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria e Panificazione Artigianali. Una vera e propria vetrina, in grado di aggiornare e mostrare agli esperti del settore, ma anche ai tanti appassionati, le novità in materia di attrezzature, impianti, ingredienti, materie prime, arredamenti e anche i servizi negli ambiti specifici della gelateria, della pasticceria più in generale e della panificazione.
Riminidal 21 al 25 gennaio 2012, troverete tutto questo, arricchito da seminari di aggiornamento, corsi, competizioni, concorsi internazionali e tantissimi espositori in grado di soddisfare le richieste dei professionisti e le curiosità degli appassionati.
La parte della manifestazione legata alla gelateria è la più storica e rinomata, infatti all’interno del Sigep si svolgerà anche la quinta edizione della Coppa del Mondo della Gelateria. Le più importanti aziende del settore, fornitrici di gelaterie artigianali, porteranno a Rimini le loro innovazioni in fatto di apparecchiature e macchinari, nuove materie prime, arredi e accessori.
La sezione dedicata al cioccolato racchiude in sé il più grande incontro di produzioni artigianali di cioccolato, nazionali ed internazionali. E non dimentichiamoci del caffè, infatti al Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria e Panificazione Artigianali i bar, le caffetterie e pasticcerie potranno trovare, riuniti in un’unica occasione, tutte le più grandi aziende e torrefazioni che forniscono caffè, macchinari, accessori e le tante sfaccettature di questa bevanda così amata nel nostro paese.
Anche la pasticceria fa parte del Sigep da 33 anni, offrendo ai professionisti del settore anche tutte le dritte e le informazioni sulle nuove tecniche di decorazione e packaging, e non solo ingredienti e macchinari, per dare la possibilità a produttori e i commercianti di essere sempre al passo con i tempi. Tra i grandi eventi della pasticceria segnalo il THE PASTRY QUEEN, primo Campionato Mondiale di Pasticceria Femminile!
Bellissime anche le sezioni dedicate a Pane e Pizza e alla Pasta, per non parlare poi dell’ambito decorativo con espositori che si occupano di confezionamento, confetteria e composizioni di bomboniere, una sezione, questa della decorazione, incredibilmente importante in quanto si pone come completamento indispensabile all’arte dellapasticceria, cioccolateria e gelateria.
Dove sono  Rimini
Quartiere Fieristico – Via Emilia, 155 – Rimini






--------------------------------------------------------------------------------------------------------
 E passiamo alla ricetta, poteva mancare nella casa di una romana una ricetta, oltre la pasta, anche il riso all'amatriciana? Naaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
Ho preparato questo ricetta con il riso Arborio LA PILA che ha la rintracciabilità di filiera controllata e garantita; se non riuscite a trovare il riso LA PILA al supermercato, nessun problema perchè si può acquistare via web dal loro sito www.lapila.it/  (al momento sono ben distribuiti solo nel triveneto e a macchia di leopardo in Lombardia). 
La varietà di riso Arborio presenta uno dei chicchi più grandi al mondo, con caratteristiche di buona resistenza in cottura, ossia bassa collosità ed alta consistenza. Il riso Arborio è il più diffuso riso italiano da risotto. Nasce nel 1946 dall’incrocio tra il Vialone (dal quale ha ereditato l’alto contenuto di Amilosio, che conferisce resistenza in cottura) ed il Lady Wright (che ha chicco lungo, grosso e perfetto).
L'Arborio ha un chicco molto grosso ed è il più amato dagli italiani, anche se non è uno dei risi più nuovi. Durante la cottura il calore penetra prima la parte più esterna, mentre il nucleo ricco di amido rimane al dente. 
Ha una resa elevata e un particolare comportamento in cottura: durante la preparazione, infatti, i granelli cuociono perfettamente ed in maniera uniforme ma mantengono al dente il nucleo centrale ricco di amido.
Classificato come superfino, ha un contenuto di amilosio pari a circa il 18%, che lo rende ideale alla preparazione di risotti mantecati. Le dimensioni e la struttura del chicco consentono un buon assorbimento dei condimenti; è quindi consigliata una tostatura di due o tre minuti prima di passare alla cottura nel brodo. 
L'Arborio è ideale per la preparazione di: risotti, timballi e supplì.

Ingredienti per 2 persone:
200 gr di riso Arborio LA PILA
100 gr di guanciale
mezza cipolla
1 barattolino pomodori del piennolo 
50 gr di pecorino romano grattugiato
Olio extra vergine di oliva
1 dado
Pepe bianco
sale
Ho preparato il brodo vegetale. In una padella a 2 manici ho soffritto la cipolla e metà del guanciale e ne ho lasciati da parte un pò per la presentazione, ho aggiunto il riso e fato tostare a fuoco vivace per 4 minuti. Ho aggiunto il brodo e i pomodorini del piennolo, insaporito con un pizzico di sale e di pepe, mescolando per far amalgamare gli ingredienti e fatto cuocere fino a cottura. Ho trasferito il risotto dentro un coppa pasta, insaporito con pecorino grattugiato e sopra ho aggiunto la cipolla e del guanciale tostati. (ricetta dello chef Renato Salvatori)



43 commenti:

  1. Che bella idea che hai avuto, sarà sicuramente ottimo, Brava!! Buona serata

    RispondiElimina
  2. grande bacio cara sissi prima o poi ti conoscerò dal vero smackk

    RispondiElimina
  3. Interessante idea, non avevo mai pensato al risotto all'amatriciana!
    Splendida anche la presentazione!

    RispondiElimina
  4. Ma che idea geniale ^_^ E la presentazione è una forza!! Io quest'anno andrò al Sigep e farò dimostrazione :-) Non vedo l'ora ;-)

    RispondiElimina
  5. Bellissima presentazione ;) Notte Sissi!

    RispondiElimina
  6. Buono il risotto e sarebbe bellissimo essere al Sigep...peccato sia così lontano per me...........

    RispondiElimina
  7. Che meravigliaaaaaaa......Bravissimaaaaa

    RispondiElimina
  8. A parte la presentazione del piatto, davvero da applausi, anche l'idea di fare il risotto all'amatriciana è grandiosa, io non ci ho mai pensato!! Proverò! :-) Un abbraccio!
    Elisa

    RispondiElimina
  9. ecchime a gustarlo, è uno dei piatti che preferisco in assoluto e voglio provare anche la versione risottesca. Sei vulcanica silvièèè. un baciotto

    RispondiElimina
  10. Una variante interessante anche se il bucatino non lo batte nessuno.bacio romana;-)

    RispondiElimina
  11. Gustosissimo il risotto alla matriciana....una valida alternativa!
    Buona serata!
    Barbara

    RispondiElimina
  12. la variante interessante :) non ci ho mai pensato forse perché la già la pasta la faccio pochissimo, ma forse la versione riso è anche più Buona!

    RispondiElimina
  13. Sai, anche io l'ho mangiato oggi! È buonissimo!!!

    RispondiElimina
  14. Naaaaaaaa....ma buona buona questa versione di amatriciana!!!
    Ottima idea per variare! Brava1
    Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Ottima alternativa ai classici bucatini, geniale :)

    RispondiElimina
  16. Che buono...io poi adoro il riso e adoro questo tipo di sugo...insomma per me è l'abbinamento perfetto!!!!
    Complimenti

    RispondiElimina
  17. Bella idea il riso all'amaticiana. Carinissimo poi presentato così.

    RispondiElimina
  18. dovevo essercie anche iooooooooooo

    RispondiElimina
  19. Ebbene mia cara, nonostante sia romana anche io il riso all' amatriciana non l'ho mai provato!! Devo dire che deve essere delizioso anche perchè adoro in modo particolare il riso e con quel condimenti deve essere eccezionale!! Grazie del suggerimento...Un bacione!

    RispondiElimina
  20. ma sai che non conoscevo questa fiera?
    e che dire del risotto?
    una golosita' pure simpatica!

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. I miei complimenti per questa versione del tuo risotto!

    Conosco la fiera, ho una cara amica che ha una gelateria e ci andrà...peccato non esserci!

    Ps scusa per il post sopra ma avevo fatto un macello.

    RispondiElimina
  23. Che bella presentazione! ha un'aspetto delizioso e poi deve essere una squisitezza!Ciao

    RispondiElimina
  24. Che fame!Meraviglia di un risotto in forma!Complimenti Laura

    RispondiElimina
  25. ... confesso che tra risotto e pasticceria mi hai messo un'appetito...
    Ciao, buona serata

    RispondiElimina
  26. deve essere eccezionale il riso con quel condimento, anche perchè adoro i risotti!!!bravissima!!!! Tittina

    RispondiElimina
  27. una versione spettacolare di questo risotto, complimenti

    RispondiElimina
  28. ottimo cara!buona notte un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Bella idea davvero..... e poi la presentazione mi piace tantissimo!

    RispondiElimina
  30. Mi piace questa variante, sicuramente da provare!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  31. non l'avevo mai visto, e nemmeno l'avrei mai pensato!
    allora proveroò a fare gli spaghetti alla milanese, cosa ne dici??? ebbrava la mia romanaccia!

    RispondiElimina
  32. bella ricetta e bella presentazione! Brava! come sempre del resto!

    Spery

    RispondiElimina
  33. Non ci avevo mai pensato con il riso , ci proverò .Complimenti troppo bella la presentazione
    bacio

    RispondiElimina
  34. ottima ricetta ed informazioni, grazie!

    RispondiElimina
  35. Geniale!!!! Mi piace molto questo risotto!!!
    Un bacio bellissima!!!!!

    RispondiElimina
  36. bell'idea e ottima presentazione!

    RispondiElimina
  37. Davvero una originale idea!! Dall'aspetto si evince la sua bontà!!!

    RispondiElimina
  38. Bella idea!!! E bellissimo il Sigep, quando ero gelataia ci andavo sempre!!! Che nostalgia dei vecchi tempi!!!

    RispondiElimina
  39. Vi ringrazio immensamente, inutile dirlo: i complimenti fanno piacere a tutti, specialmente quando ci si impegna a far venire bene qualcosa e siamo contenti che anche gli altri apprezzino!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  40. Quest'impiattamento è favoloso, comunque io il risotto all'amatriciana lo preferisco con un buon sugo di pomodoro, fatto proprio con i pomodori pelati.

    RispondiElimina