insalata polpo, patate e melograno e...MACEF


Macef, Salone Internazionale della Casa 

Macef, fatti e cifre 

Macef, Salone Internazionale della Casa, è una delle più grandi e attrattive mostre d’affari europee, rivolta al mondo del paesaggio domestico. Si tiene due volte l’anno a Milano, in gennaio e in settembre, con una partecipazione totale di 5mila espositori su oltre 250mila metri quadrati netti e conta 170mila operatori commerciali (90mila a gennaio e 80mila a settembre).I settori del Macef I settori-chiave del Macef sono Tavola e Cucina, Decorazione della Casa, Regalo, Design, Classico, Etnico, con una rilevante presenza di importatori dall’oriente. Nella edizione di gennaio un peso molto rilevante (200 aziende su 16mila metri quadrati netti) assume l’area Festivity, dedicata al Natale e agli altri momenti di festa in casa e fuori. Molto forte è la presenza di aziende operanti nel campo dell’ornamento della persona, e quindi oreficeria, gioielleria, bigiotteria e accessori moda.
L’internazionalizzazione 
Una quota significativa degli espositori (circa il 25%) proviene dall’estero e questo perché Macef è una delle porte principali per chi voglia entrare nel mercato italiano. Non trascurabile, comunque, la presenza di operatori commerciali internazionali (il 12% del totale visitatori), che a Macef cercano il made in Italy.Il made in Italy 
Da molti anni sui mercati di tutto il mondo si affermano prodotti concepiti e/o realizzati in Italia, che hanno fatto dell’espressione Made in Italy un vero e proprio brand. I motivi di questa realtà sono essenzialmente due:- L'originalità dei prodotti – L’industria italiana moderna proviene da una antichissima tradizione artigianale, risalente in qualche caso fino al Medio Evo. Le tecniche di lavorazione manuale – certamente più accurate di quelle industriali e quindi contenenti un maggior valore – si sono tramandate con le generazioni, arricchendosi di soluzioni tecniche e di procedimenti testati per molti decenni. Anche laddove il moderno processo industriale ha sostituito questi processi, spesso alcuni passaggi qualificanti della lavorazione (decorazioni, smalti, cuciture, finiture) sono ancora fatti a mano e ciò contribuisce a rendere ogni pezzo unico e diverso.- La tipicità del modo di produrre – L’industria italiana lavora per specializzazioni territoriali. Esistono cioè delle zone del paese dedite alla produzione massiva di una lavolavorazione tipica: i vetri di Murano, le ceramiche di Faenza, le sedie di Udine, i mobili della Brianza, sono elementi conosciuti ovunque nel mondo. Queste zone, che si chiamano Distretti, sono più di duecento e concentrano un elevatissimo numero di aziende molto piccole, in concorrenza ma anche in sinergia fra loro. In queste aree le tecniche di lavorazione procedono in parallelo e le innovazioni lanciate da un’azienda presto si diffondono alle altre. Questo processo sta alla base di quella preminenza italiana nel campo del design che tutto il mondo conosce e riconosce.
La fiera Macef 
Molte di queste aziende – a causa delle loro dimensioni ridotte e quindi dei fatturati non molto elevati – non hanno la possibilità di affrontare da sole i mercati internazionali. Ma la loro qualità, la creatività e la innovatività sono fuori discussione. Questo è il motivo per il quale molti operatori commerciali di tutto il mondo vengono al Macef alla ricerca di aziende e prodotti di qualità eccellente, che in molti casi non espongono in nessun’altra fiera internazionale. Macef è quindi una fiera unica perché consente di scoprire due volte l’anno migliaia di nuovi prodotti assolutamente unici e originali che interessano tutti gli aspetti dell’oggettistica e della decorazione della casa.

Milano, la sua nuova fiera 
La città di Milano è la capitale economica del paese. Al centro della regione più ricca e popolosa d’Italia, Milano è da sempre il centro degli affari, con la principale Borsa valori del paese, le sedi delle grandi banche e delle maggiori istituzioni commerciali e di servizio. A Milano si concentra l’attività fieristica italiana, un’attività divenuta ancora più vasta e importante a partire dal 2006, quando è stata inaugurata la nuova fiera, la più moderna d’Europa. Grazie alla fiera e al turismo d’affari che essa genera Milano è la seconda città turistica italiana, dopo Roma. Grandi alberghi, locali e ritrovi raffinati (fra cui il teatro Alla Scala, forse il teatro lirico più famoso al mondo), le vie della moda, palazzi d’epoca in un contesto urbano piccolo ma a tratti spettacolare fanno di un soggiorno a Milano un’esperienza indimenticabile.
Macef Web 

Tutte le notizie e le informazioni su Macef si possono trovare sul sito internet www.macef.it che offre numerosi servizi agli operatori della comunicazione e ai visitatori (pre.registrazione, pre-acquisto dei biglietti di ingresso a prezzo scontato etc). gli espositori possono compilare via web la loro domanda di partecipazione, chiedere informazioni e ottenere risposte. Per gli espositori esiste il sito dedicato (www.mymacef.it) contenente un’ampia casistica di soluzioni a tutti i problemi pratici che un’azienda può incontrare nel corso della sua partecipazione alla fiera.

Sono stata invitata anche io da alcune aziende e vorrei tanto andare, ma da sola non mi va, chissà se riesco a trovare qualche altra food blogger di Roma che ci va!?!?!?



----------------------------------------------------------------------------------------------------

Ingredienti per 2 persone:

300 gr di patate

1 polpo da circa 500 gr

1 cuore di sedano

1 melagrana
1 limone (della mia pianta!)
olio al limone FRANTOIO BITETTI
pepe bianco
sale
****vassoio bianca linea Biarritz LABORATORIO PESARO
*****piatto nero ovale da colazione linea Saint Tropez LABORATORIO PESARO
Ho fatto lessare nella vaporiera le patate, fatte freddare, sbucciate e tagliate e fettine. Ho pulito il polpo, lavato più volte e cotto anch'esso nella vaporiera per circa 35/40 minuti, scolato, fatto freddare e tagliato a tocchetti. Ho affettato il sedano a fettine sottili e sgranato il melograna, con metà ne ho ricavato il succo e l’ho mescolato al succo di mezzo limone e 2 cucchiai di olio al limone e un pizzico di sale. Ho messo il polpo in una ciotola in acciaio, ho condito con la salsa preparata, aggiunto del pepe e unito i chicchi di melograno rimasti. Ho servito il polpo con contorno di patate (condite) e ho messo la salsa rimasta in una piccola ciotola trasparente (sembrava sangue...)







35 commenti:

  1. Buonissimissima :) Io l'adoro e quei chicchi di melograno ci stanno d'incanto. Un bacione

    RispondiElimina
  2. Buonaaaaa :D Adoro il polipo!!! Notte Sissi!

    RispondiElimina
  3. bellissima a vedersi e sul sapore non ho dubbi, ottima!

    RispondiElimina
  4. Io sono romana ma abito a Milano da secoli....se vuoi ci andiamo insieme, se hai bisogno di un letto, volentierissimo!! Contattami! Bello il tuo polipo, by the way!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio, sei gentile, devo organizzarmi prima con il mio lavoro, ti farò sapere...

      Elimina
  5. buona questa insalata e anche ben presentata....

    RispondiElimina
  6. Gnam gnam che bella ricettina!!!!

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia questa presentazione Silvia! Sei stata bravissima! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. che meraviglia!! silvia è un tripudio di colori e di profumi

    RispondiElimina
  9. Toh...ho postato anch'io oggi insalata di polpi!!! Ottima questa tua versione!
    Per il Macef...ci sarei venuta molto volentieri! Peccato... sarò su a Milano per altri motivi a fine gennaio!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. che bella questa insalata,hai realizzato un piatto davvero unico,complimenti!

    RispondiElimina
  11. Che splendida insalata...e poi io adoro il polipo con le patate!!!!
    Complimenti e per il Macef..anche se non trovi compagnia..io ti consiglio di andare ...Sarà divertente!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  12. Che bellezza! Il tocco colorato della melagrana ci sta d'incanto... baci

    RispondiElimina
  13. originalissima con il melograno, niente macef per me :(

    RispondiElimina
  14. bellissima presentazione per questa insalata. Baci

    RispondiElimina
  15. silvia, il tocca della melagrana è magico!!
    brava!

    RispondiElimina
  16. Bello da vedere il tuo piatto e ottimo da mangiare....quanto al Macef non vedo l'ora di andarci.............

    RispondiElimina
  17. Polpo e patate è un must pugliese che mi piace molto e tu l'hai reso speciale con queste perle di melagrana.. sarà buonissimo!
    Peccato essere lantana, ti avrei accompagnato volentieri :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  18. Anch'io faccio spesso l'insalata polpo e patate, buonissima.

    RispondiElimina
  19. Insalata deliziosa, ottima Silvia

    RispondiElimina
  20. che buona questa idea del melograno, la prossima volta che cucino il polipo la provo.
    mi associo ai complimenti precedenti sulla presentazione

    RispondiElimina
  21. Silvia, se vieni a Milano magari ci si vede :))) se decidi per il si e hai tempo ci organizziamo!
    un abbraccio e buon we, Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima, vediamo se riesco ad organizzarmi, come scritto sopra, un abbraccio!

      Elimina
  22. purpu?buonooooooo,peccato che non abito vicino a te mi sarebbe piaciuto accompagnarti:)

    RispondiElimina
  23. Originali gli accostamenti che hai fatto!!! Bella, bella, bella!!!
    Un bacio
    laura

    RispondiElimina
  24. adoro l'insalata di polpo con le patate anche io la faccio spessissimo...macef??...ho ricevuto l'invito ma non posso ...troppo lontano..

    RispondiElimina
  25. ciao Silvia vai se se sei stata invitata sicuramente troverai qualcuna per andarci insieme, ci sono un sacco di belle cose, lo fanno anche qui da me, il tuo polpo e' stupendo complimenti, bellissima presentazione, il melograno come guarnizione sta benissimo, brava, ciao buona serata rosa a presto e buon Week end

    RispondiElimina
  26. Fatti coraggio e parti, vedrai che ti divertirai!!! Bellissima indalata!

    RispondiElimina
  27. Anch'io sono stata invitata, ma non posso andarci, peccato....invece il tuo polpo ha un aspetto magnifico, i chicchi di melograno gli donano un tocco in più, complimenti e buon w.e.!

    RispondiElimina
  28. Si, lo so, quella ciotolina con quella salsina rosso sangue "vampiresco" fa un pò senso...ma era proprio bonaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa! eheheheheheeh Buona serata, SILVIA

    RispondiElimina
  29. La presentazione é bellissima ma il gusto credo sia davvero irresistibile. Io adoro l'insalata di polpo e quest'idea di aggiungerci il melograno m'intriga molto. Bravissima e grazie.
    Anna Maria

    RispondiElimina