..Barm brack cake...pane dolce ai frutti..


E' uno dei simboli della gastronomia irlandese, si prepara per la festa di Halloween; un'antica usanza vuole che all'interno dei dolci si nascondano degli oggetti simbolo di diversi destini per chi li trova: una monetina per un anno di prosperità, uno straccetto per chi deve stare attento alle finanze, un anello, l'oggetto più ambito, simbolo di buon augurio di felicità e di matrimonio imminente...(fonte La Cucina Italiana)


Ingredienti:
500 gr farina 00 antigrumi IL MOLINO CHIAVAZZA
200 gr latte
120 gr uvetta marrone (la ricetta prevedeva uvetta zibibbo che io non ho trovato)
120 gr uvetta nera
80 gr zucchero
60 gr burro
60 gr scorza arancia candita
30 gr cedro candito (io limone candito)
12 gr lievito di birra
5 gr sale
1 uovo LE NATURELLE
Cannella e noce moscata in polvere
doratore CODAP
**Carta forno DINAMIC ITALIA
*** alzatina INDUSTRIA VETRARIA VALDARNESE
**** tovaglia CREATIVITAVOLA
*****stampo per ciambellone con fondo liscio GUARDINI
*****bilancia SALTER
In una ciotola ho messo la farina, 1 cucchiano di cannella,  noce moscata, 60 gr burro ammorbidito e il sale. Ho lavorato con la punta delle dita poi ho unito 80 gr di zucchero e messo tutto nell’impastatrice. Ho ammollato l’uvetta nell’acqua e tagliato i canditi a pezzettini, e sciolto il lievito di birra in 2 cucchiai di latte tiepido. Ho avviato l’impastatrice con la frusta a gancio e ho unito: il restante latte tiepido, quello con il lievito sciolto, l’uovo sbattuto, dopo aver fatto amalgamare bene,  ho impastato delicatamente a mano  aggiungendo anche i canditi e l’uvetta strizzata. Ho lasciato lievitare l’impasto per 2 ore, coperto con un telo, deve raddoppiare di volume. Ho lavorato l’impasto e questo è il momento nel quale nascondere l’anello, io non l’ho messo. Ho messo l’impasto in uno stampo di cm 20/22 con la carta forno, coperto ancora con un telo umido e fatto lievitare ancora per 30-40 minuti, poi infornato a 180° per circa 50 minuti. La ricetta prevedeva di fare un sciroppo con acqua e zucchero e spalmarlo sopra il dolce, io invece ho messo il doratore.



34 commenti:

  1. non l'ho mai assaggiato, ma deve essere buonissino

    RispondiElimina
  2. Queato pane in particolare non l'ho mai provato, ma appartiene ad un genere che mi piace molto, cioè piuttosto dolce e con la frutta passita.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Io ne vorrei una fettina....è possibile assaggiarla SUBITO??????

    RispondiElimina
  4. Ti è venuto benissimo! Complimenti!

    RispondiElimina
  5. una sorta di panettone o biscotto della fortuna! dev'essere davvero ottimo!

    RispondiElimina
  6. è nel numero di ottobre e ci sto facendo un bel pensierino !!! Mi attira molto e mi ricorda il panettone ...

    RispondiElimina
  7. Che simpatica tradizione...e che buono che dev'essere quel dolce...ciaoooo.

    RispondiElimina
  8. non conoscevo questa tradizione....deve essere un pane davvero goloso,ti è venuto benissimo,complimenti!!!

    RispondiElimina
  9. Non conocevo questo pane ma ha proprio l'aspetto un po' rustcio che mi piace tanto. Dev'essere delizioso. Un bacio, buona giornata

    P.S. c'è il link a smilla magazine che dà problemi di accesso al blog. Ti conviene cancellarlo. E' un incubo da ieri su tantissimi blog!

    RispondiElimina
  10. non lo conoscevo ma sembra divino!!

    RispondiElimina
  11. Belle queste storie che raccontano le tradizioni!! Ce le gustiamo assaggiando una fetta di questo fantastico dolce, Silvia... buono, saporitissimo!! Brava!
    Franci
    p.s. Togli il link a Smilla Magazine, sta dando grossi problemi sui blog... ^__*

    RispondiElimina
  12. Uh davvero?io golosa come sono dovrei stare attenta a non mandare giù anche l'oggettoi celato nel dolce :)

    RispondiElimina
  13. Che bontà Silvia... gustosissimo! Baci

    RispondiElimina
  14. Che buoni i dolci anglosassoni, fanno subito atmosfera!! Questo me lo appunto per Natale! ;-) Se vuoi passare da me c'è un premio per te! Ciao! Elisa

    RispondiElimina
  15. Wow Silvia, ma che meraviglia!!!
    Mi era sfuggito ora vado subito a rileggere la mitica Cucina Italiana....trovato e devo dire che ti è venuto proprio bene
    Un bacione

    RispondiElimina
  16. tutto il mondo è paese come vedi il panettone o il più povero pane con l'uva non è un esclusiva italiana!

    RispondiElimina
  17. Forse ne avevo sentito dire di questa tradizione, certo è che ti è venuto davvero bello!!!
    Chissà perchè quando io preparo i dolci riesco a fare la rivoluzione in cucina per cui alla fine desisto spesso:). Mi supererò!!
    Buona giornata Laura

    RispondiElimina
  18. Mi ricorda il dolce che mia nonna preparava tutte le domeniche!! Buono!!
    Un bacio!!!!

    RispondiElimina
  19. La leggenda che sta dietro a questo dolce è terribilmente affascinante... io credo che non avrei resistito e avrei messo nell'impasto qualche piccolo oggetto propiziatorio!

    RispondiElimina
  20. Non conoscevo la storia di questo dolce, è davvero bello e deve essere anche molto molto buono!!!!

    RispondiElimina
  21. Buono questo pane,buona giornata!

    RispondiElimina
  22. Sembra proprio il panettone! :D non conoscevo questo dolce, ottima ricetta!

    RispondiElimina
  23. Fantastico questo pane dolce, uno dei miei preferiti!
    Brava Silvia!!!!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  24. Alla vista ed al gruppo degli ingredienti, assomiglia in maniera impressionante al nostro "pan co' santi", tranne che per la presenza di pepe, che nel tuo dolce non c'è. Per il resto ti dico che adoro questo tipo di dolce schietto e semplice ed il sapore mi fa sempre cantare di felicità. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  25. Ottimo!!!...non lo conoscevo!

    RispondiElimina
  26. ciao Silvia, è bellissimo e sofficioso... e poi non ha nenache tanto burro. Me lo segno e lo farò. Un bacio

    RispondiElimina
  27. Mamma che bello e buono brava!! :P
    bacioni Anna

    RispondiElimina
  28. Che bello, ho sempre sentito parlare di questo dolce così "particolare" ma non ho mai avuto la forutna di assaggiarlo. Bello il tuo.

    Baci

    RispondiElimina
  29. Buonissimo, quanto mi piace, grazie della ricetta!!!!

    RispondiElimina
  30. x Elena: molto!
    x Emanuela - Pane, burro e alici: vero, ti abbraccio anche io!
    x stefy: siiiiiiiiiiiii
    x elena: grazie!
    x vichyart: vero, un simil-panettone e pure portafortuna!
    x Housewives: si nel numoro di ottobre! Trovo che la nuova Cucina Italiana sia migliore di quella precedente...
    x Max: ciao caro amico, un abbraccio!
    x Marco_e_Barbara_: grazie ragazzi!
    x Federica: si ho tolto il link smilla, bacio!
    x Valentina: yes!
    x Francesca: vero Franci! (tolto...)
    x Nel cuore dei sapori: ahahahahahah
    x Fullina: grazie!
    x Elisaltea: grazie per il premio, vengo a prendermelooooooooooooooo
    x Carla: ti ringrazio, sei sempre gentile e ti abbraccio!
    x paola: si infatti, ogni paese poi la le sue tradizioni..
    x Semplicemente Cucinando: provalo dai!
    x Lory B.: ma dai, che bello!
    x Serana: eheheheheehehehehe
    x Artù: verooooooooooo
    x neve di marzo: grazie!
    x Elisa: si, più o meno...
    x Mariangela: bene, grazie!
    x Patty: belle parole, ti ringrazio!
    x Vanessa: se non lo avessi visto su Cucina Italiana, non lo conoscevo neanche io...
    x Fausta: si, in effetti di burro ne contiene pochissimo e sopra non ho fatto la copertura con acqua e zucchero,
    come richiesto dalla ricetta, per paura che diventasse troppo dolce...
    x Anna: grazie!
    x Claudia: grazie!
    x speedy70: prego!
    Buona sera a tutti! SILVIA

    RispondiElimina
  31. Ciao!! hai davvero un bel blog e delle ricette invitantissime:) ti ho già aggiunta:)
    bacio

    RispondiElimina
  32. TE LO COPIO!!!!Mi piace troppo,bravissima Silvia.

    RispondiElimina
  33. x Maria: benvenuta! Anche io mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi,
    x Mariabianca: grazie cara! Un abbraccio a tutte e 2
    Buona serata, SILVIA

    RispondiElimina
  34. non lo conoscevo, ma mi piace molto, ciao

    RispondiElimina